pallone“Non smettere mai di sognare”. Con questo insegnamento ben stampato in mente, alcuni calciatori sono partiti dalle serie minori per arrivare nell’élite del calcio italiano, ovvero in Serie A. Gli ultimi due a riuscire nell’impresa sono stati Tommaso Augello della Sampdoria e Andrea Cistana del Brescia. Non sono gli unici: queste le storie di chi ce l’ha fatta, oggi e nel recente passato.

Terzino sinistro classe 1994, Tommaso Augello muove i primi passi nel Cimiano prima di passare, nel 2011, in Serie D al Pontisola. Che il talento sia di livello superiore lo notano tutti. Serviranno altri tre anni, però, per salire ulteriormente di categoria. La prima chance tra i professionisti gliela da il Giana Erminio in Lega Pro che godrà delle sue prestazioni per altre tre stagioni. Nel 2017 la chiamata al livello superiore. Lo Spezia in B decide di investire su di lui e dopo un’annata di apprendistato (14 presenze) ne fa un titolare inamovibile. Dopo 32 gare giocate nel 2018/2019 e un gol messo a segno, Augello passa in prestito in estate alla Sampdoria di Di Francesco. In questa stagione le prime cinque presenze in Serie A.

Nonostante le recenti sconfitte previste anche dagli operatori di settore con Lazio, Milan e Sampdoria, il Brescia è in piena lotta per la salvezza e ha al centro della difesa uno dei ragazzi che ce l’ha fatta: Andrea Cistana. Il 22enne lombardo, però, è andato oltre. Grazie alle sue incredibili prestazioni alla prima stagione in A con le Rondinelle si è guadagnato la convocazione nella Nazionale di Roberto Mancini per le sfide contro Bosnia e Armenia valide per le qualificazioni a Euro 2020.

Davvero un’ascesa incredibile per un ragazzo che appena tre anni e mezzo fa esordiva in Serie D con la maglia del Ciliverghe Mazzano.

Cistana non è stato il primo ad arrivare in Nazionale dopo essere partito dai dilettanti e dalla periferia del calcio italiano. Prima di lui ci sono stati altri due terzini: Moreno Torricelli e Fabio Grosso. Il primo ha scritto pagine importanti a cavallo tra gli anni novanta e duemila con le maglie di Fiorentina e Juventus dopo essersi formato con l’Oggiorno (Eccellenza) e con la Caratese in Serie D. Il secondo ha iniziato nel Renato Curi prima di passare attraverso Palermo, Inter, Lione e Juventus e trasformarsi nell’eroe dell’Italia Campione del Mondo 2006.

Qualche presenza in Nazionale anche per altri calciatori dell’attuale Serie A partiti dal mondo dei dilettanti. Kevin Lasagna, oggi titolare dell’Udinese, è esploso nel Carpi dopo aver calcato le serie minori con Governolese, Cerea ed Este. Manuel Lazzari, esterno destro della Lazio è partito da Montecchio, Delta 2000 e Giacomense prima della chiamata della Spal con cui è passato dalla seconda divisione al massimo campionato. Lo stesso Leonardo Pavoletti, bomber livornese del Cagliari con una presenza e un gol in azzurro, fino al 2008 militava nelle file dell’Armando Picchi.

Non sono gli unici in questa Serie A. Il Lecce 2019/2020 vanta ben tre calciatori in rosa provenienti dalla Serie D: La Mantia, Meccariello e Dell’Orco. La Fiorentina ha Federico Ceccherini, partito dalla Pistoiese, il Bologna Matteo Bani (ex di Fortis Juventus, Reggiana e Pro Vercelli), il Genoa Edoardo Goldaniga (gli inizi col Pizzighettone).

Prima di loro erano stati tre bomber ad aprire la strada: Christian Riganò, Dario Hubner e Riccardo Zampagna. Il primo, il “bomber di Lipari”, ha iniziato a segnare valanghe di gol in Eccellenza, Promozione e Serie C prima di esplodere con 19 reti nel 2006/2007 in A con la maglia del Messina. Il secondo si è guadagnato lo status di giocatore “cult” sia per le abitudini extra-campo che per i numeri in area di rigore: partito dall’Euromobil Pievigina è oggi l’unico, insieme a Igor Protti, ad aver vinto la classifica marcatori dei tra maggiori campionati nazionali. Famoso per le sue rovesciate e per i suoi gol ad altissimo quoziente di difficoltà, Riccardo Zampagna ha dato il meglio di sé in A con Atalanta e Messina dopo essere stato una colonna dell’Amerina in Eccellenza.

Per inviare comunicati stampa, informazioni, tabellini e commenti delle gare, foto, richieste di preventivi sui servizi forniti o altro 346.6194740 (Whatsapp) o info@dilettantitoscana.it

797 views

Lascia un commento