Dopo tre mesi di clausura forzata dovuta al Covid 19 il consiglio direttivo del Bibbiena si è riunito attorno al presidente Mario Rosadini e la decisione è stata ratificata all’unanimità: l’Ac Bibbiena c’era… e ci sarà e non appena possibile nel rispetto delle regole e di tutte le cautele del caso è pronta a ripartire riproponendo tutto quello che è andato obbligatoriamente in stand-by.

È evidente che tutto non sarà come prima e finchè non verrà trovata una cura adeguata contro il virus che ha cambiato il mondo, forzatamente si dovrà conviverci e di questo ne sono tutti consapevoli. Ma siccome “volere è potere” l’Ac Bibbiena appena la federazione e gli organi preposti dirameranno le nuove regole ci vuole essere.

La società forte di tre impianti dal manto erboso invidiabile più due per gli allenamenti è in grado, nel rispetto della sicurezza richiesta, di ripartire almeno per degli stage tecnici dal 20 giugno prossimo.

I responsabili del settore giovanile, con a capo Luciano Ristori, che annovera oltre 300 tesserati stanno già lavorando dietro le quinte per allestire quanto e prima possibile la ripresa dell’attività calcistica bibbienese. Da rimarcare che il Bibbiena si fregia a livello di settore giovanile di ben tre campionati elite: juniores, allievi e allievi B di merito, oltre a giovanissimi regionali e provinciali in aggiunta ad una scuola calcio nutritissima.

A dir la verità l’attività non si è mai fermata, infatti, Luciano Ristori ha sempre mantenuto i contatti “virtuali” con allenatori e calciatori via computer con stage tecnici e attività casalinghe per non far arrugginire i muscoli ai propri tesserati. Ora vedendo la luce in fondo al tunnel la società si fa trovare pronta e chiede alle famiglie dei propri calciatori un minimo di collaborazione che sarà necessaria per ottimizzare lo start-up.

Per quanto riguarda la prima squadra in lotta play-off in Prima Categoria al momento dello stop dovrà riprogrammarsi in virtù , delle date di ripresa dell’attività agonistica, e le rivoluzioni in atto in federazione a seguito del Covid 19, ma come detto i rossoblu saranno ai nastri di partenza. Sicuramente i tempi di ripartenza slitteranno di un paio di mesi e quindi il tempo non manca.

L’Ac Bibbiena aveva programmato prima della insidiosa infezione uno stage in collaborazione con i tecnici del Real Madrid dal 29 giugno al 3 luglio: è probabile uno slittamento delle date ma anche qui c’è la volontà, sempre nel rispetto della sicurezza, di portare avanti il prestigioso impegno.

Per inviare comunicati stampa, informazioni, tabellini e commenti delle gare, foto, richieste di preventivi sui servizi forniti o altro 346.6194740 (Whatsapp) o info@dilettantitoscana.it

212 views

Lascia un commento