Alcuni uomini possono evitare lo screening del cancro alla prostata, ritardando il trattamento aggressivo

Commento

LONDRA – Sempre più uomini con cancro alla prostata stanno ritardando il trattamento, uno studio decennale ha trovato, con la sorveglianza attiva da parte degli operatori sanitari un’opzione altrettanto valida e meno drastica.

IL studio, pubblicato sabato sul New England Journal of Medicine, ha seguito più di 1.600 uomini con nuova diagnosi di cancro alla prostata localizzato nel Regno Unito. Lo studio ha rilevato che fino a 21 anni dopo la diagnosi, i pazienti avevano meno probabilità di morire a causa della malattia se venivano monitorati attivamente o trattati con radiazioni o interventi chirurgici.

Un trattamento più aggressivo ha contribuito a rallentare la progressione della malattia, ma non ha ridotto il rischio complessivo che gli uomini muoiano a causa della malattia. Gli autori affermano che questa scoperta suggerisce che “un trattamento più aggressivo può fare più male che bene”, perché gli effetti collaterali di tali trattamenti possono lasciare i pazienti debilitati e, in ultima analisi, inefficaci.

Questa è “un’ottima notizia per i pazienti”, ha affermato Freddie Hamdy, professore di chirurgia e urologia all’Università di Oxford e autore principale dello studio. Fino a quando più uomini non monitoreranno attentamente i cambiamenti nelle loro condizioni, i trattamenti aggressivi che possono causare effetti collaterali duraturi possono essere ritardati.

Questo tipo di monitoraggio è già offerto ai malati di cancro alla prostata a basso rischio nel Regno Unito e negli Stati Uniti, ma lo studio “potrebbe essere tranquillamente esteso alle malattie a rischio intermedio”, ha affermato Hamdi. Questo può dare qualche speranza alle persone che soffrono di cancro alla prostata Quarto: il più comune Tipo di cancro in tutto il mondo.

READ  Mars Helicopter Aces 50th Flight della NASA - "Non siamo più su Marte Kansas"

Le diete a base vegetale possono ridurre il rischio di cancro alla prostata, suggerisce lo studio

Nell’ambito di uno studio finanziato dal governo britannico, più di 80.000 uomini di età compresa tra 50 e 69 anni sono stati sottoposti a screening per il cancro alla prostata tra il 1999 e il 2009. A più di 2.600 persone è stata diagnosticata la malattia e 1.643 sono state incluse nello studio.

Gli uomini erano a rischio basso o intermedio per la loro malattia e gli autori hanno sottolineato che i loro risultati potrebbero non essere applicabili agli uomini ad alto rischio. “I pazienti ad alto rischio hanno bisogno di trattamenti rapidi e intensivi”, ha detto Hamdi.

I ricercatori hanno diviso gli uomini del gruppo in tre gruppi, che sono stati monitorati nel tempo o trattati con radioterapia o prostatectomia, una procedura chirurgica per rimuovere tutta o parte della prostata di un paziente. L’obiettivo era quello di misurare e confrontare l’efficacia di ciascun trattamento.

Dopo 15 anni dalla diagnosi, agli uomini è stato dato un follow-up per vedere come stavano. Meno del 3% è morto di cancro alla prostata e le probabilità erano simili per ciascun gruppo di trattamento. Ad esempio, il 3,1% dei decessi si è verificato tra gli uomini nel gruppo di sorveglianza attiva, rispetto al 2,9% tra gli uomini che hanno ricevuto radioterapia.

Senza trattamento, gli uomini nel gruppo di sorveglianza attiva avevano il doppio delle probabilità rispetto agli uomini nei gruppi di trattamento aggressivo di vedere il loro cancro alla prostata progredire e diffondersi o formare quelle che sono note come metastasi. Ma quel miglioramento non ha portato a una maggiore possibilità di morte. Ciò ha sorpreso i ricercatori, che, secondo Hamdi, hanno affermato: “Se gli uomini sviluppano metastasi, ciò non significa che moriranno di cancro alla prostata” – potrebbero morire per altre cause.

READ  Come Paul Wallace ha preso il comando nella corsa al sindaco di Chicago

Poiché i tumori alla prostata in genere progrediscono lentamente, la scoperta dello studio suggerisce che anche se il cancro si sviluppa rapidamente sotto sorveglianza intensiva, gli effetti dannosi a lungo termine del trattamento intensivo potrebbero non valerne la pena.

Sen. Casey ha subito con successo un intervento chirurgico per il cancro alla prostata

Monitoraggio attivoConosciuto anche come Monitoraggio attivo, già utilizzato in molti uomini a basso rischio. “Non fa nulla”, ha detto Hamdi. I pazienti in sorveglianza attiva vengono regolarmente controllati da un medico per “qualsiasi indicazione che la malattia stia progredendo”. Se il cancro progredisce, il paziente potrebbe aver bisogno di intervento chirurgico, radioterapia o terapia ormonale. Nello studio, la maggior parte degli uomini nel gruppo di sorveglianza attiva alla fine ha ricevuto una qualche forma di trattamento intensivo.

Jenny Donovan, professoressa di medicina sociale all’Università di Bristol e coautrice dello studio, ha affermato che alcuni uomini decidono di sottoporsi a un trattamento intensivo perché non comprendono appieno che potrebbero ritardare tale trattamento. Sopravvivere – e alcuni in seguito “si pentono delle loro decisioni”.

Separatamente Carta, pubblicato sabato sulla stessa rivista medica, i ricercatori hanno rivelato che molti uomini sottoposti a trattamenti invasivi riportano effetti collaterali negativi che durano fino a 12 anni. Questi effetti collaterali includono perdite urinarie e disfunzione erettile. “Si manifestano subito dopo il trattamento ma durano più a lungo”, ha affermato Donovan, sostenendo che è importante che i pazienti soppesino questi effetti rispetto ai potenziali benefici del trattamento.

“Ora, gli uomini con diagnosi di carcinoma prostatico localizzato possono utilizzare i propri valori e priorità per prendere decisioni difficili su quale trattamento scegliere”, ha affermato Donovan in un comunicato stampa.

READ  Azioni, Notizie, Dati e Guadagni

Nel complesso, ha detto Hamdi, i pazienti “non dovrebbero farsi prendere dal panico quando viene loro diagnosticato un cancro alla prostata”. “Ma se sono ad alto rischio, hanno davvero bisogno di ricevere consulenza e ricevere cure migliori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *