Biden aumenta le tariffe su veicoli elettrici, chip e altri beni cinesi

WASHINGTON (AP) – Il presidente Joe Biden Colpisci nuove grandi accuse Martedì Donald Trump ha preso di mira i veicoli elettrici cinesi, le batterie avanzate, le celle solari, l’acciaio, l’alluminio e le attrezzature mediche mentre abbracciava una strategia che aumenterebbe l’attrito tra le due maggiori economie del mondo.

Il presidente democratico ha affermato che i sussidi del governo cinese garantiscono che le aziende del paese non debbano realizzare profitti, dando loro un vantaggio ingiusto nel commercio globale.

“I lavoratori americani possono lavorare più duramente di chiunque altro finché la competizione è leale”, ha detto Biden nel Rose Garden della Casa Bianca. “Ma alla lunga, non è giusto. Per anni, il governo cinese ha versato soldi statali nelle aziende cinesi… Non è concorrenza, è imbroglio.”

Le commissioni si trovano nel mezzo Una campagna bollente fra Biden E il suo predecessore repubblicano, Trump, per dimostrare chi è più duro con la Cina. Facendo un cenno alla campagna presidenziale, Biden ha riconosciuto i legislatori del Michigan nelle sue osservazioni e ha parlato dei lavoratori in Pennsylvania e Wisconsin, tutti stati teatro di battaglia nelle elezioni di novembre.

Alla richiesta di rispondere ai commenti di Trump sulla Cina che mangia il pranzo dell’America, Biden ha detto del suo rivale: “Li nutre da molto tempo”. I democratici affermano che Trump non è riuscito a reprimere gli abusi commerciali cinesi come aveva promesso durante la sua presidenza.

Carolyn Leavitt, addetta stampa della campagna di Trump, ha definito le nuove tariffe un “tentativo debole e futile” per distrarre dal sostegno di Biden ai veicoli elettrici negli Stati Uniti, che secondo Trump potrebbe portare a licenziamenti nelle fabbriche automobilistiche.

Il governo cinese si è subito opposto alle tariffe, affermando che avrebbero “influenzato seriamente l’atmosfera della cooperazione bilaterale”. Il Ministero degli Affari Esteri ha usato la parola “molestie”.

È improbabile che i dazi abbiano un ampio impatto inflazionistico nel breve termine.

I funzionari dell’amministrazione Biden hanno affermato di non ritenere che le tariffe aggraveranno le tensioni con la Cina, anche se si aspettano che la Cina esplori modi per rispondere alle nuove tariffe sui suoi prodotti. Se le tariffe contribuissero a una disputa commerciale più ampia, non è chiaro quale sarà l’impatto a lungo termine sui prezzi.

Le tariffe verranno introdotte gradualmente nei prossimi tre anni ed entreranno in vigore nel 2024, coprendo veicoli elettrici, celle solari, siringhe, aghi, acciaio e alluminio e altro ancora. Gli Stati Uniti attualmente hanno pochissimi veicoli elettrici provenienti dalla Cina, ma i funzionari temono che i modelli a basso costo resi possibili dai sussidi governativi cinesi potrebbero presto inondare il mercato statunitense.

READ  L’Ecuador è indignato dopo il blocco dell’ambasciata messicana per arrestare l’ex vicepresidente

Le aziende cinesi possono I veicoli elettrici possono essere venduti per $ 12.000. Gli impianti cinesi di celle solari e quelli di acciaio e alluminio hanno una capacità sufficiente per soddisfare la maggior parte della domanda mondiale, che secondo i funzionari cinesi manterrà bassi i costi di produzione e aiuterà la transizione verso un’economia verde.

Il Ministero del Commercio cinese ha affermato in un comunicato che le tariffe sono “manipolazione politica di routine” in quanto ha espresso la sua “forte insoddisfazione” e si è impegnato ad “adottare misure ferme per proteggere i propri diritti e interessi”.

Secondo i risultati della revisione quadriennale del commercio con la Cina, quest’anno l’aliquota tariffaria sui veicoli elettrici cinesi importati salirà al 102,5%, pari al 27,5% del totale. La revisione è stata effettuata ai sensi della Sezione 301 del Trade Act del 1974, che consente al governo di attuare ritorsioni contro pratiche commerciali ritenute sleali o in violazione degli standard internazionali.

Secondo le linee guida 301, quest’anno l’aliquota tariffaria sulle importazioni di celle solari raddoppierà arrivando al 50%. Quest’anno le tariffe su alcuni prodotti cinesi in acciaio e alluminio saliranno al 25%. I pagamenti tramite chip informatici raddoppieranno raggiungendo il 50% entro il 2025.

Per le batterie dei veicoli elettrici agli ioni di litio, quest’anno le tariffe aumenteranno dal 7,5% al ​​25%. Ma per lo stesso tipo di batterie non elettriche, l’aumento dei tassi sarà attuato nel 2026. Ci sono anche tariffe più alte sulle gru da nave a terra, sui minerali critici e sulle forniture mediche.

Le nuove tariffe, almeno inizialmente, sono in gran parte simboliche, poiché si applicano solo a circa 18 miliardi di dollari di importazioni. Una nuova analisi di Oxford Economics stima che le tariffe avranno un impatto significativo sull’inflazione, aumentandola solo dello 0,01%.

Il produttore cinese di veicoli elettrici BYD sta esplorando la possibilità di aprire fabbriche in Messico per il mercato messicano, possibilmente creando un modo per spedire i prodotti negli Stati Uniti. La rappresentante del commercio degli Stati Uniti Catherine Doi ha detto che parlerà con l’industria e i lavoratori della possibilità e “aspetterà e vedrà”.

READ  Elezioni in Sierra Leone: Julius Mata Bio ha prestato giuramento come grido di battaglia dell'opposizione

L’industria automobilistica sta ancora cercando di valutare l’impatto delle tariffe. Ma per ora, sembra che la valutazione possa essere fatta solo su due veicoli di fabbricazione cinese, il veicolo elettrico di lusso Polestar 2 e la berlina di medie dimensioni ibrida gas-elettrica di lusso S90 di Volvo.

“Stiamo ancora esaminando le accuse per capire cosa è interessato e come”, ha detto Russell Dodds, portavoce di Volvo, il marchio svedese del gruppo cinese Geely. È stato risposto un messaggio in cui si chiedeva commento a Polestar, che rientra anche in Geely.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha affermato che gli Stati Uniti stanno calpestando i principi dell’economia di mercato e le regole economiche e commerciali internazionali.

“È un palese atto di bullismo”, ha detto Wang.

L’economia cinese è stata rallentata dal crollo del mercato immobiliare del Paese e dai passati lockdown legati al coronavirus, spingendo il presidente cinese Xi Jinping a stimolare la crescita aumentando la produzione di veicoli elettrici e altri prodotti.

La strategia aumenta anche le tensioni con il governo degli Stati Uniti, che afferma di essere determinato a rafforzare la propria produzione per competere con la Cina, ma evita uno scontro importante.

“La ripresa guidata dalle fabbriche cinesi e la debole crescita dei consumi, che si traduce in un eccesso di capacità e in una ricerca aggressiva di mercati esteri, combinati con la stagione elettorale statunitense, si sommano alla ricetta perfetta per aumentare il deficit commerciale degli Stati Uniti con la Cina”, ha affermato. Ishwar Prasad è professore di politica commerciale alla Cornell University.

Anche gli europei sono preoccupati. L’UE ha avviato un’indagine sui sussidi cinesi e potrebbe imporre dazi all’importazione sui veicoli elettrici cinesi.

Dopo la visita di Xi in Francia la scorsa settimana, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha avvertito che i veicoli elettrici e l’acciaio cinesi sovvenzionati dal governo stanno “inondando il mercato europeo” e ha affermato che “il mondo non può assorbire la produzione in surplus della Cina”.

L’amministrazione Biden ritiene che la Cina stia cercando di dominare i settori dei veicoli elettrici e dell’energia pulita a livello globale, con sussidi per la sua produzione, mentre l’amministrazione afferma che il proprio sostegno industriale aiuta a garantire che le forniture nazionali soddisfino la domanda degli Stati Uniti.

READ  Trattando generosamente Macron, il cinese Xi ha incitato la Francia a "opporsi" agli Stati Uniti

“Non stiamo cercando il dominio globale nel settore manifatturiero in questi settori, ma si tratta di industrie strategiche e, per la resilienza delle nostre catene di approvvigionamento, vogliamo assicurarci di avere aziende sane e attive”, ha affermato il segretario al Tesoro Janet Yellen.

Le tensioni vanno oltre il conflitto commerciale e si interrogano su chi guida l’economia globale come nazione vitale. Le politiche della Cina potrebbero rendere il mondo più dipendente dalle sue industrie, conferendogli una maggiore influenza nella geopolitica. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti affermano che i paesi devono operare secondo gli stessi standard affinché la concorrenza possa essere leale.

La Cina afferma che le tariffe violano le regole del commercio globale che gli Stati Uniti hanno contribuito a stabilire attraverso l’Organizzazione mondiale del commercio. Accusa gli Stati Uniti di continuare a politicizzare le questioni commerciali e venerdì ha affermato che le nuove tariffe aggravano i problemi causati dalle tariffe precedentemente imposte sui beni cinesi dall’amministrazione Trump.

Queste questioni sono al centro delle elezioni presidenziali di novembre, con un elettorato aspramente diviso e unito dal desiderio di essere duri con la Cina. Biden e Trump hanno strategie sovrapposte ma diverse.

Biden ritiene che i dazi mirati siano necessari per proteggere le industrie chiave e i lavoratori, mentre Trump ha minacciato ampi dazi del 10% contro tutte le importazioni da rivali e alleati.

Biden ha attribuito alla sua eredità presidenziale il merito di aver portato gli Stati Uniti davanti alla Cina attraverso i propri investimenti governativi nelle fabbriche per produrre veicoli elettrici, chip per computer e altre tecnologie avanzate.

Nonostante i rischi legati al cambiamento climatico, Trump sta dicendo ai suoi sostenitori che gli Stati Uniti stanno frenando la Cina non scommettendo sul petrolio per alimentare l’economia. L’ex presidente potrebbe sperare che le tariffe cambino il comportamento cinese, ma crede che gli Stati Uniti faranno affidamento sulla Cina per i componenti dei veicoli elettrici e le celle solari.

“Il piano economico di Joe Biden è quello di rendere la Cina ricca e l’America povera”, ha detto durante una manifestazione questo mese in Wisconsin.

__

Lo scrittore di AP Autos Tom Krisher ha contribuito a questo rapporto da Detroit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *