Biden e McCarthy si incontreranno martedì per cercare di affrontare il tetto del debito

WASHINGTON – Il presidente Joe Biden e il presidente della Camera Kevin McCarthy si incontreranno martedì pomeriggio per discutere un modo per sbloccare la situazione di stallo sul tetto del debito mentre i repubblicani chiedono tagli alla spesa, temendo un disastro economico autoinflitto.

Il mancato raggiungimento di un accordo per aumentare il limite di prestito minaccia il primo default sul debito nazionale di 31,4 trilioni di dollari, che si rivelerebbe disastroso per l’economia statunitense e sconvolgerebbe il panorama politico.

I funzionari della Casa Bianca non si aspettavano alcun tipo di quadro definitivo dall’incontro di martedì con i leader del Congresso, e non erano pronti per alcun tipo di accordo prima che Biden partisse per il Giappone mercoledì, secondo una fonte vicina alle discussioni.

Ci sono potenziali aree di terreno comune che il personale ha identificato nei colloqui quotidiani negli ultimi sei giorni, tra cui consentire la riforma e la possibilità di tagli alla spesa su un percorso parallelo all’innalzamento del tetto del debito.

Mentre Biden ha affermato che i tagli agli aiuti federali che potrebbero spingere gli americani nella povertà sono fuori discussione, il presidente ha segnalato che potrebbe essere aperto a concessioni sui requisiti di lavoro per raggiungere un accordo di spesa.

“I requisiti di lavoro per l’assistenza in denaro che il presidente ha votato in legge negli anni ’90 rimangono tali oggi”, ha detto un funzionario della Casa Bianca in una nota. “Come ha detto il presidente, Medicaid è una storia diversa, e il presidente è stato chiaro che non accetterà piani che tolgono l’assistenza sanitaria alle persone. Il presidente è stato anche chiaro che non accetterà politiche che spingono gli americani nella povertà.

READ  La ragazza che ha pugnalato un compagno di classe per compiacere "l'uomo magro" non sarà libera

Il funzionario ha aggiunto: “Valuterà le proposte che i repubblicani porteranno al tavolo sulla base di questi principi”.

La Casa Bianca si aspetta che le discussioni a livello di personale continuino mentre il presidente è all’estero e che venga informato quotidianamente durante il viaggio.

McCarthy ha suonato un tono pessimista martedì.

“La nostra segretaria ha detto che potremmo finire i soldi il 1° giugno. Abbiamo solo pochi giorni in più”, ha detto lunedì McCarthy, California. . So che non lo siamo.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha dichiarato lunedì in una lettera che gli Stati Uniti dovrebbero ancora esaurire tutte le opzioni per pagare i conti della nazione entro il 1 giugno, dando al Congresso meno di tre settimane per evitare lo scenario peggiore.

Nelle osservazioni prima della riunione di martedì, la Yellen ha sottolineato l’urgenza di concludere un accordo e ha avvertito delle terribili implicazioni economiche “se il Congresso non agirà per risolvere il tetto del debito entro l’inizio di giugno e prima del 1 giugno”.

“È impossibile prevedere con certezza la data esatta in cui il Tesoro non sarà in grado di pagare i conti del governo”, ha detto all’America’s 2023 Capital Summit.

Incontro con Biden, McCarthy e altri leader del Congresso rinviato da venerdì; Alcuni legislatori hanno affermato di voler concedere ai negoziatori a livello di personale più tempo per sviluppare un quadro di discussione per i presidi.

Biden ha parlato martedì con McCarthy, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, D-N.Y., e il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, R-Ky. e il leader della minoranza della Camera Hakeem Jeffries, DN.Y. li ha incontrati. Da allora, il personale della Casa Bianca e del Campidoglio ha tenuto riunioni private per considerare il percorso da seguire, ma è rimasto a bocca aperta sui dettagli dei colloqui. Non si sa quanti progressi siano stati fatti.

READ  Almeno 16 feriti in un'esplosione di gas nel centro di Parigi

Anche il vicepresidente Kamala Harris dovrebbe partecipare alla riunione di martedì, prevista per le 15:00 ET, secondo una fonte a conoscenza dei suoi piani.

Schumer ha insistito lunedì sul fatto che il default è “fuori dal tavolo”.

“Anche il relatore McCarthy dovrebbe impegnarsi in questo”, ha detto. “Le conseguenze del default sono terribili”.

Biden è stato riluttante a caratterizzare i colloqui come sono in corso, ma la scorsa settimana ha affermato che “sicuramente” si potrebbe evitare un default ed era ottimista entro la fine della settimana.

“Sono ottimista perché sono un ottimista nato, ma penso che ci sia la volontà da parte loro e da parte nostra di raggiungere un accordo”, ha detto domenica Biden. “Penso che possiamo farlo.”

Non ha risposto quando gli è stato chiesto del suo messaggio a McCarthy.

La Camera a guida repubblicana chiede tagli alla spesa e cambiamenti politici per alzare il tetto del debito. Biden e il Senato controllato dai democratici insistono sul fatto che il pagamento dei conti non è negoziabile e che il bilancio del prossimo anno deve essere trattato separatamente.

Con i negoziati in corso e nessun accordo ancora da raggiungere, la scadenza potrebbe far deragliare gli incontri di Biden con le sue controparti straniere in Asia.

Aumenta la pressione per raggiungere un accordo, anche se le due parti sembrano molto distanti.

Il disegno di legge sul tetto del debito approvato dai repubblicani della Camera taglia il bilancio fino all’anno fiscale 2022, tagliando 131 miliardi di dollari dalla spesa corrente. I democratici vogliono aumentare la spesa per l’assistenza sanitaria, l’istruzione e altre priorità domestiche, lasciando a entrambe le parti il ​​compito di trovare altri modi per tagliare la spesa; Una possibilità che Biden e i repubblicani stanno fluttuando è il ritorno dei fondi Covid non spesi. Un’altra possibilità è che la Casa Bianca e il Sen. Le riforme per accelerare il processo di autorizzazione per i progetti energetici sono sostenute da Joe Manchin, DW.Va.

READ  I Blue Jays hanno tagliato il lanciatore Anthony Bass dopo i recenti commenti anti-LGBTQ+

Tuttavia, Biden ha continuato a fare pressioni sui repubblicani, definendo l’imminente default una “crisi fabbricata” e insistendo sul fatto che l’onere di evitarlo ricadrebbe sul Congresso.

La Casa Bianca ha descritto i repubblicani della Camera come l’unica parte coinvolta nei negoziati.

“Tre su quattro hanno dichiarato di voler evitare il default”, ha detto venerdì ai giornalisti la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre. “Sono molto chiari: dobbiamo eliminare il default dal tavolo. Ti lascerò indovinare chi è il quarto che non lo dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *