Bruhat Soma vince lo Scripps National Spelling Bee

Oxon Hill, MD (AP) – Mentre aspettava di salire sul palco dello Scripps National Spelling Bee, Pruhat Soma insiste di essere nervoso durante i tempi di inattività. Otto mesi.

Non ha mostrato nervi davanti al microfono, però, e quando l’Ape all’improvviso ha tentato un fulmineo tie-break chiamato “Spell-Off”, non avrebbe potuto sentirsi più a suo agio.

Giovedì sera, un dodicenne di seconda media di Tampa, in Florida, ha pronunciato 30 parole in 90 secondi, suonando più come un banditore che come un ottimo ortografo inglese, e i giudici hanno stabilito che ha scritto correttamente 29 parole – nove in più della sua. rivale, Faizan Jaki. In qualità di campione, Bruhat riceve un trofeo e più di $ 50.000 in contanti e premi.

Si esercitò nell’ortografia ogni giorno per sei mesi.

“Ero molto fiducioso di avere la possibilità di vincere perché ho lavorato davvero duramente”, ha detto Bruhat, spiegando perché ha trascorso così tanto tempo nel tie-break di cui non aveva bisogno. “Volevo davvero vincere. Ecco perché mi sono esercitato molto sulla pronuncia.

Se avesse saputo il modo in cui Scripps ha corso gli ultimi giri, avrebbe potuto dedicare ancora più tempo alla pratica della velocità. Bruhat è senza dubbio un campione meritevole, ma il risultato ha lasciato molti spettatori delusi e confusi.

“Non penso che sia una buona ape”, ha detto Dev Shah, il campione dell’anno scorso. “Non si tratta di scrivere quante più parole possibile in 90 secondi. Non è questo lo scopo di una gara di spelling.

La finale è iniziata con otto incantesimi, il minor numero dal 2010, ed era chiaro che Scripps stava cercando di riempire una finestra di trasmissione di 2 ore su Ion, una rete di proprietà della società di media con sede a Cincinnati. Frequenti e lunghe pause pubblicitarie hanno permesso agli ortografi di chiacchierare con i loro allenatori, parenti e tifosi a bordo palco.

READ  Gli Eagles assumono Matt Patricia come assistente difensivo senior

Gli arbitri del Bee hanno annunciato che era giunto il momento del tie-break, ancor prima che Bruhat e Faizan avessero la possibilità di competere nel turno regolare.

Charlotte Walsh, seconda classificata dietro Dev nel 2023, ha dichiarato: “Vorrei che avessimo visto di più sullo scontro tra loro.

Le regole del concorso stabiliscono che un incantesimo viene utilizzato nell’interesse del tempo, ma Scripps ha comunque inserito un’altra pausa pubblicitaria tra il tie-break e l’annuncio della vittoria di Bruhut.

“Sembrava molto forzato e costruito”, ha detto Dev.

La parola vincente di Bruh, ha detto Scripps, è stata “discesa in corda doppia”, definita come “la discesa di una montagna mediante una corda sovrastante”. In uno spareggio – usato una volta prima, quando Harini Logan ha vinto nel 2022 – Una parola vincente dà allo speller una parola corretta in più rispetto al suo concorrente.

Poco dopo che Pruhat è stato inondato di coriandoli e ha consegnato il trofeo, Faizan ha accettato in lacrime gli abbracci degli altri maghi ai lati del palco. Qualche istante fa, dopo che Shrey è stato espulso, ha abbracciato il suo buon amico Shrey Parik.

Faizan ha pronunciato la sua ultima parola nella partita regolare in modalità walk-off, tornando rapidamente al suo posto con un “Niguri” senza fare una domanda, un momento da ricordare. Mic Drop di Shourav Dasari che scrive “Mogolan” Nel 2017.

Ma al dodicenne di prima media di Allen, Texas, non è stata data la possibilità di farlo di nuovo.

“Penso che avrebbero dovuto dare loro la possibilità di eseguire alcuni regolari giri di ortografia prima di eseguire l’incantesimo”, ha detto Scott Remer, uno dei quattro allenatori che hanno lavorato con Faizan.

READ  Friday March Madness: Purdue Falls contro la testa di serie numero 16 Fairleigh Dickinson

Venendo al concorso, Pruhat ha vinto il Words of Wisdom Bee ospitato da Remer, un ex autore di guide di ortografia e studio. Ha vinto l’ape SpellPundit organizzata dalla società di guide allo studio. E il campione di Scripps dell’anno scorso, Dev, ha vinto l’ape online per la prima volta.

“Ho sempre desiderato vincere. Questo era il mio obiettivo principale”, ha detto Puruhat “Non importa se batto le altre api. Questo è ciò a cui miravo. Quindi sono molto felice di aver vinto.

La sua ultima sconfitta è stata al WishWin Senior Spelling Bee a settembre. Ha scritto male “Gloucester”, un formaggio che prende il nome da una città dell’Inghilterra. Conosceva la città, ma non sapeva nemmeno che fosse un formaggio, e immaginò “Glacester”.

“Dopodiché, penso di aver ottenuto una serie di vittorie consecutive”, ha detto.

Bruhat ha detto giovedì sera che c’era una parola che non conosceva: “Tennessee”, l’unità monetaria del Turkmenistan. Ananya Prasanna si guadagnò questo diritto nel giro più brutale dell’ape, quando ogni parola conteneva un linguaggio sconosciuto, oscuro o inesistente. Il tredicenne di Apex, nella Carolina del Nord, è arrivato terzo.

Bruhat è il secondo campione consecutivo dell’area di Tampa Bay e la sua vittoria significa che 29 degli ultimi 35 campioni di api di ortografia sono stati indiani americani. I suoi genitori erano immigrati dallo stato di Telangana, nell’India meridionale. Corsa dei campioni indiano-americani e concorrenti a partire dal 1999.

Nupur Lala è stata la vincitrice quell’anno e ha ispirato un’intera generazione, soprattutto perché la sua vittoria è stata descritta nel documentario “Spellbound”. Lala, ora neuro-oncologa, quest’anno è tornata ad occuparsi di api per la prima volta in dieci anni.

READ  Il rappresentante Jorge Santos è stato incriminato in un'indagine federale del Dipartimento di Giustizia

La vittoria di Bruht è stata un momento di orgoglio per un ex speller diventato allenatore precedentemente sconosciuto: il 16enne Sam Evans, che ha lavorato con tre dei primi quattro classificati. Addestra anche un bisonte di 12 anni e uno shrey di Rancho Cucamonga, California. Entrambi sono alunni di prima media e hanno ancora due anni di idoneità.

Evans era spesso stupito da Bruhat, il quale diceva che il suo studente avrebbe ricordato ogni parola che vedeva e che una volta persa una parola, non l’avrebbe mai più sbagliata.

“Dice sempre che è nervoso, ma non sembra nervoso, come la maggior parte di loro sembra nervosa”, ha detto Evans. “Non riesco a spiegarlo. Non so come lo fa.

___

Ben Nuckols copre lo Scripps National Spelling Bee dal 2012. Seguitelo https://x.com/APBenNuckols

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *