CDC apre un’indagine dopo 35 test positivi per Covid a seguito della conferenza CDC

Gli investigatori delle malattie dei Centers for Disease Control and Prevention stanno indagando su un nuovo focolaio: circa tre dozzine di casi di coronavirus collegati alla loro conferenza annuale la scorsa settimana.

“CDC sta lavorando con il Dipartimento della Salute della Georgia per condurre una rapida valutazione epidemiologica dei casi confermati di COVID-19 in concomitanza con la conferenza EIS del 2023 per determinare i modelli di trasmissione”, ha detto in una e-mail la portavoce del CDC Kristen Nordlund.

Nordlund ha affermato che il CDC ha segnalato i casi ai funzionari sanitari statali che hanno giurisdizione sulla sede della convenzione. I partecipanti hanno affermato che molti tra la folla non indossavano maschere, distanza sociale o altre precauzioni raccomandate dal CDC prima della pandemia.

Meno di 100.000 Casi confermati di coronavirus La scorsa settimana negli Stati Uniti sono stati segnalati i livelli più bassi in quasi due anni. Ma gli esperti di sanità pubblica avvertono che la maggior parte dei casi non viene monitorata, con molti americani che effettuano test a casa e scelgono di non riportare i risultati. Il virus rimane una delle prime 10 cause di morte quest’anno, soprattutto negli anziani e negli individui immunocompromessi.

Gli esperti hanno segnalato uno scoppio di casi di coronavirus a una conferenza del CDC, il primo Un gruppo di investigatori Tenuto di persona nell’arco di quattro anni – spiega Persistenza Un virus in erba. Una conferenza di quattro giorni per funzionari ed ex studenti dell’Epidemiological Intelligence Service tenutasi la scorsa settimana vicino alla sede del CDC ad Atlanta ha attirato circa 2.000 partecipanti che potrebbero essere completamente vaccinati.

READ  Nuggets 2-0 contro Lakers: l'aggiustamento chiave di Denver fa scattare l'impennata di Jamaal Murray in Gara 2

“Questa è, purtroppo, la nuova normalità”, ha scritto in un messaggio di testo Jay Verma, specialista in malattie infettive presso la Weill Cornell Medicine. “Anche se è inquietante vedere l’ampia diffusione del Covid-19 alla principale conferenza sulla salute pubblica del CDC, è un altro chiaro esempio della situazione globale”.

Verma ha affermato che gli individui e le organizzazioni dovrebbero continuare a prendere precauzioni contro il coronavirus per proteggere se stessi e i più vulnerabili, se necessario. “Credo che gli organizzatori di grandi conferenze, in particolare gli operatori sanitari, dovrebbero, come minimo, mettere a disposizione mascherine e carta igienica di alta qualità in abbondanza e garantire un’adeguata ventilazione e/o disinfezione dell’aria”, ha scritto.

Circa 35 persone collegate alla conferenza sono risultate positive martedì, ha detto Nordlund.

“Condurre una rapida indagine ora ci aiuterà a comprendere l’epidemia e a perfezionare le future linee guida sulla salute pubblica mentre usciamo dall’emergenza sanitaria pubblica e passiamo alla fase successiva della sorveglianza e della risposta al COVID-19”, ha scritto. “Ogni volta che ci sono grandi raduni, soprattutto al chiuso, in occasione di conferenze, anche durante periodi di bassa trasmissione sociale, esiste il potenziale per la diffusione di COVID-19”.

I partecipanti alla conferenza hanno ricevuto un’e-mail dal CDC che li incoraggiava a partecipare a un sondaggio con il Dipartimento della salute della Georgia, secondo un’e-mail condivisa con The Post.

“Se hai partecipato alla conferenza di persona, potresti essere stato esposto a qualcuno con Covid-19”, diceva l’e-mail. “Se si verificano sintomi, si consiglia di seguire le linee guida del CDC per l’isolamento e i test”.

L’amministrazione Biden sta ridimensionando la sua risposta alla pandemia, con la revoca della maggior parte dei mandati federali di vaccinazione e dell’emergenza sanitaria pubblica da coronavirus la prossima settimana. Sebbene i rischi di infezione siano stati notevolmente ridotti, gli esperti di sanità pubblica si dicono cauti riguardo alle variazioni future, osservando che il virus continua ad evolversi.

READ  Il presidente e amministratore delegato della CNN, Chris Licht, ha lasciato dopo un breve e tumultuoso mandato

Per esempio, Una nuova variante di Omicron, XPB.1.16, soprannominata Arcturus, è diventata più diffusa negli Stati Uniti. L’ultimo tracker CDC mostra la variazione creata Quasi il 12% dei casi in tutto il paese Per la settimana terminata il 29 aprile, è aumentato di circa il 7% rispetto alla settimana terminata il 15 aprile. Attualmente la maggior parte delle infezioni negli Stati Uniti proviene da XBB.1.5, il sottotipo Omicron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *