Chi è Fairleigh Dickinson, la testa di serie numero 16 che ha battuto Purdue?

La squadra di basket maschile della Fairleigh Dickinson University, una scuola privata per pendolari a Teaneck, NJ, è andata 4-22 la scorsa stagione. Tre dei suoi migliori giocatori e il suo allenatore hanno gareggiato nella Divisione II. E i Knights, che giocano nella Northeast Conference, non hanno nemmeno vinto il torneo della conferenza, il titolo di cui di solito hanno bisogno per partecipare al torneo NCAA.

Tuttavia, Fairleigh Dickinson è diventata solo la seconda testa di serie numero 16 nel torneo maschile con una vittoria per 63-58 sulla Purdue al primo turno di venerdì. (Nel 2018, la testa di serie Virginia ha perso contro l’Università del Maryland nella contea di Baltimora. Nella competizione femminile, la sedicesima testa di serie di Harvard ha battuto la numero 1 di Stanford nel 1998.)

“Amo i nostri ragazzi: sono duri, sono scontrosi, giocano a crepapelle”, ha detto l’allenatore del primo anno di Fairleigh Dickinson, Tobin Anderson, dopo la vittoria. “È stato incredibile. Abbiamo scioccato il mondo e non sarebbe potuto succedere a un grande gruppo di ragazzi, grandi fan, alla mia famiglia, a tutto il resto.

Allora, chi sono queste persone e quanto è importante questo affare?

Dopo nove anni al St. Thomas Aquinas College di Sparkle, NY, Anderson è stato assunto da Fairleigh Dickinson, un team di Division II a Teaneck, NJ con meno di 8.000 studenti.

Anderson sostituisce Greg Herenda, che è stato licenziato dopo una stagione di quattro vittorie in cui FDU è arrivato nono nella Northeast Conference. Anderson ha portato con sé tre dei suoi giocatori al Fairleigh Dickinson: le guardie Demetrius Roberts e Grant Singleton e l’attaccante Sean Moore, che ha segnato 19 punti contro la Purdue venerdì sera nella sua città natale di Columbus, Ohio.

READ  Vertice G7: Zelensky accusa alcuni leader arabi di 'cecità' alla guerra prima del viaggio in Giappone

“Amico, mi sono sentito benissimo perché non pensavo davvero che saremmo stati qui in questa stagione”, ha detto Moore, che ha segnato un’enorme tripla diretta per dare alla sua squadra un vantaggio di 61-56. Ancora un minuto.

Il 6-foot-4 Moore, il 5-foot-8 Roberts (di Mount Vernon, NY) e il 5-9 Singleton (di Sumter, SC) non sono estranei a March Madness. Sotto Anderson, il St. Thomas Aquinas ha vinto tre tornei consecutivi della East Coast Conference e ha collezionato tre presenze negli ottavi di finale nel torneo maschile NCAA di divisione II.

Roberts ritiene che il trio abbia fatto una dichiarazione in questa stagione sulla qualità dei giocatori provenienti dalla Divisione II.

“Non vedo davvero la differenza tra DII e DI”, ha detto all’inizio di questo mese.

I Knights potrebbero non partecipare al torneo NCAA quest’anno a causa dell’inammissibilità del Merrimack College. Merrimack ha sconfitto l’FDU 67-66 in casa vincendo la partita di campionato della Northeast Conference, ma non è idoneo per il torneo poiché è al suo quarto anno dalla Divisione II alla Divisione I.

Il periodo di transizione è un problema comune ma a volte teso nell’atletica universitaria, quando le università accettano di sospendere il gioco durante la stagione mentre costruiscono le loro strutture e altre infrastrutture per soddisfare i requisiti della loro nuova divisione.

“Credo che andando avanti, qualcosa sia fatto nel migliore interesse dei bambini, perché quello che stai facendo per quattro anni, stai eliminando l’intera vita di un bambino dall’equazione”, ha detto l’allenatore di Merrimack Joe Gallo. fino alla partita per il titolo della conferenza.

READ  Guarda SpaceX lanciare 2 satelliti per comunicazioni SES oggi

Merrimack ha concluso la sua stagione con 14 vittorie consecutive.

Fairleigh Dickinson potrebbe essere il prossimo San Pietro? I suoi giocatori lo credono sicuramente, e probabilmente lo pensa anche la Purdue. I Boilermakers sono rimasti sconvolti un anno fa quando il piccolo St. Peters è stato eliminato agli ottavi da Jersey City, NJ.

Ora, un anno dopo, altri due perdenti del Jersey: il n. 15 testa di serie Princeton e n. 16 teste di serie FDU – ha vinto tre tornei NCAA combinati. e Fairleigh Dickinson si trova a 13 miglia da St. Peters.

Tuttavia, Fairleigh Dickinson ha ancora molta strada da fare per eguagliare l’intera competizione che ospita i padroni di casa di San Pietro. La squadra ha raggiunto l’ottavo turno la scorsa stagione prima di essere eliminata dal North Carolina.

I Knights sono tra i numerosi programmi di medie dimensioni a cui spesso piace mettersi alla prova contro le grandi scuole. FDU ha perso contro Loyola-Chicago, Pittsburgh e St. Peter’s in questa stagione, ma ha battuto St. Joseph of the Atlantic 10 Conference e Columbia of the Ivy League.

Quella partita, la vittoria della Contea di Baltimora dell’Università del Maryland sulla Virginia nel 2018, la classifica generale del torneo, era ben lontana dalla vittoria di venerdì sera su Fairleigh Dickinson.

Una nota a piè di pagina: l’UMBC ha perso quel match contro Kansas State nel suo secondo turno.

Naturalmente, queste cose possono essere soggettive, ma c’è da argomentare che la vittoria di Fairleigh Dickinson su Purdue potrebbe essere classificata come la più grande sconfitta nella storia del torneo. A differenza dell’UMBC nel 2018, FDU è imbattuto nella competizione della conferenza ed esce dai primi quattro avendo bisogno di una vittoria per passare agli ottavi di finale.

L’UMBC ha chiuso la vittoria contro la Virginia con un enorme margine, ma era uno svantaggio di 20 punti. Fairleigh Dickinson aveva 23 punti contro Purdue.

Con un’altezza media di 6 piedi-1 – classificandosi al 363esimo posto su 363 squadre – i Knights sono la squadra più bassa della Divisione 1, secondo KenPom.com. Purdue presentava Zach Eddy di 7 piedi e 4, un contendente per il giocatore nazionale dell’anno.

Domenica i Knights affronteranno il Florida Atlantic, nono classificato.

L’allenatore della Florida Atlantic Dusty May ha dichiarato: “So che stanno giocando molto duramente e sono fiduciosi. “Sarà una grande partita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *