Decisione sull’aumento dei tassi della Fed nel marzo 2023:

Mercoledì la Federal Reserve ha adottato un aumento del tasso di interesse di un quarto di punto percentuale, esprimendo allarme per la recente crisi bancaria e segnalando la fine degli aumenti.

Con il suo nono aumento da marzo 2022, il Federal Open Market Committee ha osservato che gli aumenti futuri non sono garantiti e dipenderanno dai dati in arrivo.

“Il comitato monitorerà attentamente i dati in arrivo e valuterà le implicazioni per la politica monetaria”, afferma la dichiarazione post-riunione del FOMC. “Il Comitato prevede che un’ulteriore stabilizzazione della politica sarà appropriata per raggiungere una posizione di politica monetaria sufficientemente accomodante da riportare l’inflazione al 2% nel tempo”.

Quelle parole erano una deviazione dalle dichiarazioni precedenti secondo cui “aumenti continui” sarebbero stati appropriati per ridurre l’inflazione. Le azioni hanno guadagnato slancio durante una conferenza stampa mentre gli investitori hanno preso atto dei commenti del presidente della Fed Jerome Powell secondo cui la Fed potrebbe essere vicina alla fine del suo ciclo di rialzo dei tassi.

Powell ha affermato che la battaglia contro l’inflazione ha ancora molta strada da fare ed è probabile che sia “moderata”, anche se ha riconosciuto che gli eventi nel sistema bancario potrebbero portare a condizioni di credito più restrittive.

Il tono più morbido nella dichiarazione preparata dalla banca centrale è arrivato nel mezzo di una crisi bancaria che ha sollevato preoccupazioni sulla stabilità del sistema. Il rapporto ha rilevato il potenziale impatto dei recenti eventi.

“Il sistema bancario statunitense è solido e resiliente”, ha affermato il panel. “È probabile che i recenti sviluppi inaspriscano le condizioni di credito per le famiglie e le imprese, pesando sull’attività economica, sulle assunzioni e sull’inflazione. L’entità di questi effetti è incerta. Il team rimane fortemente concentrato sui rischi di inflazione”.

READ  Il telescopio spaziale Euclid "Dark Universe" tiene una ricerca per svelare profondi misteri cosmici

La commissione ha approvato all’unanimità l’aumento del canone. L’aumento porta il tasso di riferimento sui fondi federali a un intervallo obiettivo compreso tra il 4,75% e il 5%. Il tasso stabilisce ciò che le banche si addebitano reciprocamente per i prestiti overnight, ma alimenta anche molti prestiti al consumo, come mutui, prestiti auto e carte di credito.

Le proiezioni rilasciate con la decisione sui tassi indicano un tasso massimo del 5,1%, invariato rispetto all’ultima stima di dicembre, e indicano che la maggior parte dei funzionari si aspetta solo un altro aumento dei tassi.

Nei dati rilasciati con il rapporto, sette dei 18 funzionari della banca centrale che hanno presentato le stime per il “dot plot” vedono il 5,1% superiore al “tasso terminale”.

Anche le proiezioni dei due anni successivi hanno mostrato un notevole disaccordo tra i membri, riflesso in un’ampia diffusione tra i “punti”. Tuttavia, la mediana delle stime indica una riduzione di 0,8 punti percentuali nel 2024 e di 1,2 punti percentuali nel 2025.

Il rapporto ha rimosso tutti i riferimenti all’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina.

I mercati stanno osservando attentamente la decisione, che comporta un grado di incertezza più elevato del solito per le mosse delle banche centrali.

All’inizio di questo mese, Powell ha segnalato che la Fed avrebbe dovuto intraprendere un percorso più aggressivo per controllare l’inflazione. Ma la crisi bancaria in rapida evoluzione ha annullato qualsiasi idea di una mossa più drastica e ha contribuito al sentimento generale del mercato secondo cui la banca centrale avrebbe tagliato i tassi prima della fine dell’anno.

Le stime rilasciate mercoledì dai membri del Federal Open Market Committee che esaminano tassi, inflazione, disoccupazione e prodotto interno lordo hanno sottolineato l’incertezza del percorso politico.

READ  Il consiglio di Joel Embiid a James Harden in difficoltà: "Sii aggressivo"

I funzionari hanno anche adeguato le loro previsioni economiche. Hanno alzato leggermente le aspettative sull’inflazione, dal 3,1% di dicembre al 3,3% di quest’anno. La disoccupazione è stata ridotta al 4,5% e le prospettive per il PIL sono scese allo 0,4%.

Le stime per il prossimo biennio sono poco cambiate, fatta eccezione per il PIL in rallentamento all’1,2% nel 2024 dall’1,6% di dicembre.

Le previsioni arrivano in un contesto turbolento.

Nonostante le turbolenze bancarie e le aspettative volatili sulla politica monetaria, i mercati hanno mantenuto la loro posizione. La media industriale del Dow Jones è salita del 2% la scorsa settimana, anche se il rendimento del Tesoro a 10 anni è aumentato di 20 punti base, o 0,2 punti percentuali, nello stesso periodo.

Sebbene i dati per la fine del 2022 abbiano indicato un certo indebolimento dell’inflazione, i rapporti recenti sono stati meno incoraggianti.

L’indice dei prezzi della spesa per consumi personali, la misura dell’inflazione preferita dalla banca centrale, è aumentato dello 0,6% a gennaio ed è aumentato del 5,4% rispetto a un anno fa – 4,7% quando vengono rimossi cibo ed energia. Questo è ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale e i dati hanno spinto Powell il 7 marzo ad avvertire che i tassi di interesse potrebbero aumentare più del previsto.

Ma i problemi bancari hanno complicato il calcolo del processo decisionale, poiché il ritmo serrato della banca centrale ha contribuito ai problemi di liquidità.

Le chiusure di Silicon Valley Bank e Signature Bank, così come i problemi di capitale di Credit Suisse e First Republic, hanno sollevato preoccupazioni sullo stato del settore.

Mentre le grandi banche sono considerate ben capitalizzate, le imprese più piccole affrontano una crisi di liquidità a causa del rapido aumento dei tassi di interesse, poiché gli investimenti a lungo termine altrimenti sicuri perdono valore. Ad esempio, la Silicon Valley ha dovuto vendere obbligazioni in perdita, innescando una crisi di fiducia.

READ  Ancora di salvezza per la catena di cinema Sony Pictures acquisisce Alamo Drafthouse

La banca centrale e altre autorità di regolamentazione hanno adottato misure di emergenza che sembrano aver evitato preoccupazioni finanziarie immediate, ma permangono preoccupazioni tra le banche regionali su quanto sia profondo il danno.

Allo stesso tempo, i timori di recessione persistono mentre gli aumenti dei tassi si fanno strada attraverso l’impianto economico.

Un indicatore prodotto dalla Federal Reserve di New York utilizzando lo spread tra Treasuries a 3 mesi e 10 anni ha mostrato una probabilità del 55% di una contrazione nei prossimi 12 mesi a fine febbraio. Da allora la curva dei rendimenti si è invertita.

Tuttavia, il tracker del PIL della Fed di Atlanta mostra una crescita del primo trimestre al 3,2%. I consumatori continuano a spendere – l’uso delle carte di credito è in aumento – e la disoccupazione è al 3,6%, mentre la crescita dei salari rimane vivace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *