Disney fa causa a DeSantis, afferma che l’acquisizione del parco è una “ritorsione”

Tallahassee, Fla. (AP) – La Disney ha citato in giudizio il governatore della Florida Ron DeSantis mercoledì per l’acquisizione da parte dei repubblicani del suo distretto dei parchi a tema, accusando il governatore di condurre una “campagna mirata di rappresaglia governativa”. Di’ K.”

La causa è stata intentata a Tallahassee dopo che un comitato di supervisione di Disney World nominato da DeSantis Ha votato per annullare un accordo che conferiva all’azienda autorità sulle decisioni di progettazione e costruzione delle sue vaste proprietà vicino a Orlando.

“La Disney si rammarica di essere arrivata a questo punto”, ha detto la causa. “Ma dopo che gli sforzi per cercare un accordo sono stati esauriti, non abbiamo altra scelta che intentare questa causa per proteggere il cast, gli ospiti e i partner di sviluppo locali da una campagna inesorabile per armare il potere del governo contro la Disney come rappresaglia per l’esposizione politica. Una prospettiva che ad alcuni funzionari statali non piace”.

Il deposito legale è l’ultima salva in una faida durata più di un anno Tra Disney e DeSantis, il governatore è stato sommerso di critiche mentre si prepara a lanciare la sua candidatura presidenziale anticipata. Nei prossimi mesi.

DeSantis, che si è modellato come un tizzone repubblicano in grado di attuare abilmente la sua agenda conservatrice senza drammi, ha colpito un’azienda amata e un importante motore turistico mentre i leader aziendali e i rivali della Casa Bianca rifiutano la sua posizione. Principi del piccolo governo del conservatorismo

“Non siamo a conoscenza di alcun diritto legale che richieda a una società di gestire il proprio governo o mantenere privilegi speciali non detenuti da altre aziende nello stato”, ha detto il portavoce di DeSantis Darrin Fenske. “Questo caso è un altro sfortunato esempio della convinzione della Florida che gli elettori stiano minando la loro volontà e operino al di fuori dei limiti della legge”.

READ  First Republic, Credit Suisse, UPS, New York Community, Bed Bath e molti altri promotori

La lotta è iniziata lo scorso anno dopo che la Disney ha dovuto affrontare una notevole pressioneSi è pubblicamente opposto a una legge statale che vieta le lezioni in aula sull’orientamento sessuale e l’identità di genere nelle classi elementari, una politica che i critici chiamano “non dire gay”.

Come punizione, DeSantis ha rilevato il distretto autonomo di Disney World e ha nominato un nuovo consiglio di vigilanza per sovrintendere ai servizi municipali nei vasti parchi a tema. Ma prima che arrivasse il nuovo consiglio, la società ha proposto un accordo dell’undicesima ora che ha privato i nuovi supervisori di gran parte del loro potere.

Il consiglio di amministrazione di DeSantis ha dichiarato mercoledì che la mossa della Disney per mantenere il controllo della proprietà era illegale ed è stata implementata senza un adeguato avviso pubblico.

“La Disney ha litigato con questo gruppo. Non ci aspettavamo uno scontro”, ha detto prima del voto Martin Garcia, presidente del Central Florida Tourism Oversight District. Confusione. Non funzionerà”.

DeSantis ha promesso ulteriori ritorsioni, comprese proposte per migliorare la supervisione statale delle giostre e delle monorotaie del resort e una proposta per costruire una prigione nelle vicinanze. Mercoledì scorso, il Senato della Florida ha approvato un disegno di legge per attuare tali sanzioni e annullare i contratti stipulati dal Reedy Creek Board. Il consiglio deve ancora approvarlo prima di andare avanti.

La Disney ha sostenuto che tutti gli accordi raggiunti con il precedente gruppo erano legali e approvati in sede pubblica. L’amministratore delegato della Disney Bob Iger ha affermato che qualsiasi azione contro la società che minaccia posti di lavoro o espansione nel suo resort in Florida non è solo “anti-business” ma “anti-Florida”.

READ  Il commercio cinese di gennaio-febbraio crolla di nuovo mentre la domanda globale rallenta

La causa Disney chiede a un giudice federale di contestare l’acquisizione da parte del governatore del distretto del parco a tema e le azioni del consiglio di sorveglianza di DeSantis, affermando che violano i diritti di libertà di parola dell’azienda.

“Una campagna mirata di rappresaglia governativa – orchestrata ad ogni passo dal governatore DeSantis come punizione per il discorso protetto della Disney – ora minaccia le operazioni commerciali della Disney, danneggia il suo futuro economico nella regione e viola i suoi diritti costituzionali”, ha affermato la causa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *