È il momento critico per i colloqui del Credit Suisse mentre UPS cerca garanzie svizzere

  • I colloqui per salvare Credit Suisse sono iniziati domenica, con UBS che ha chiesto 6 miliardi di dollari al governo svizzero per coprire i costi.
  • UBS è sotto pressione da parte delle autorità svizzere affinché rilevi il suo rivale locale per tenere sotto controllo la crisi, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione.
  • I regolatori vogliono una risoluzione prima della riapertura dei mercati lunedì, ma una fonte ha avvertito che i negoziati devono affrontare ostacoli significativi.

Segnali rossi di attraversamento pedonale all’esterno di una filiale bancaria del Credit Suisse Group AG a Basilea, Svizzera, martedì 25 ottobre 2022.

Stephen Wermuth | Bloomberg | Belle foto

I colloqui per salvare il Credit Suisse sono iniziati domenica, con UBS che chiede 6 miliardi di dollari al governo svizzero per coprire i costi se acquista il suo rivale in difficoltà, ha detto una persona che ha familiarità con i colloqui.

I funzionari si stanno adoperando per risolvere una crisi di fiducia presso la banca Credit Suisse di 167 anni, che è stata colta in subbuglio innescata dal crollo delle banche statunitensi Silicon Valley Bank e Signature Bank la scorsa settimana.

Sebbene le autorità di regolamentazione vogliano una risoluzione prima della riapertura dei mercati lunedì, una fonte ha avvertito che i negoziati devono affrontare ostacoli significativi e una fusione delle due banche potrebbe comportare fino a 10.000 tagli di posti di lavoro.

Le garanzie che UPS sta cercando copriranno il costo della chiusura di parti del Credit Suisse e le eventuali spese legali, hanno detto a Reuters due delle persone.

Credit Suisse, UBS e il governo svizzero hanno rifiutato di commentare.

READ  Gwyneth Paltrow si scusa per l'accusato colpo di prova sugli sci di "King Kong".

Un frenetico fine settimana di negoziati segue una settimana brutale per i titoli bancari in Europa e negli Stati Uniti come sforzi per rilanciare il settore. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è mossa per congelare i depositi dei consumatori, mentre la banca centrale svizzera ha prestato miliardi al Credit Suisse per sostenere il suo traballante bilancio.

UBS era sotto pressione da parte delle autorità svizzere per rilevare il suo rivale locale per tenere sotto controllo la crisi, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione. Il piano vedrà il Credit Suisse cedere le sue attività in Svizzera.

La Svizzera si sta preparando a utilizzare misure di emergenza per accelerare l’accordo, ha riferito il Financial Times, citando due persone che hanno familiarità con la situazione.

Sono coinvolti funzionari statunitensi, che lavorano con le loro controparti svizzere per aiutare a mediare un accordo, ha riferito Bloomberg News, citando persone che hanno familiarità con la questione.

Warren Buffett di Berkshire Hathaway ha discusso della crisi bancaria con alti funzionari dell’amministrazione Biden, ha detto una fonte a Reuters.

La Casa Bianca e il Tesoro degli Stati Uniti hanno rifiutato di commentare.

Il ministro delle finanze britannico Jeremy Hunt e il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey sono rimasti in contatto questo fine settimana sul destino del Credit Suisse, ha detto una fonte vicina alla questione. I portavoce del Tesoro britannico e della Prudential Regulation Authority della Banca d’Inghilterra, che sovrintende agli istituti di credito, hanno rifiutato di commentare.

Le azioni Credit Suisse hanno perso un quarto del loro valore nell’ultima settimana. La banca è stata costretta a attingere a fondi federali per 54 miliardi di dollari nel tentativo di riprendersi da una serie di scandali che hanno minato la fiducia degli investitori e dei clienti.

READ  Guerra in Ucraina: attacchi aerei russi colpiscono Kiev per la terza notte consecutiva

È uno dei più grandi gestori patrimoniali del mondo ed è considerato una delle 30 banche di importanza sistemica globale: il fallimento di una qualsiasi banca può ripercuotersi sull’intero sistema finanziario.

Ci sono state diverse segnalazioni di interesse per il Credit Suisse da parte di altri concorrenti. Bloomberg ha riferito che Deutsche Bank stava prendendo in considerazione l’acquisto di alcuni dei suoi asset, mentre il gigante finanziario statunitense BlackRock ha smentito le notizie secondo cui stava partecipando a un’offerta rivale per la banca.

Il fallimento della banca della Silicon Valley con sede in California ha portato l’attenzione su come un’incessante campagna di aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana e di altre banche centrali, inclusa la Banca centrale europea giovedì, stia schiacciando il settore bancario.

I crolli di SVB e Signature sono stati tra i più grandi fallimenti bancari nella storia degli Stati Uniti, dopo il crollo di Washington Mutual durante la crisi finanziaria globale del 2008.

First Citizens BancShares sta valutando un’offerta per SVB, e almeno uno sta prendendo seriamente in considerazione un’offerta, ha riferito sabato Bloomberg News.

I titoli bancari di tutto il mondo hanno sofferto dal crollo di SVB, con l’indice S&P Banks in calo del 22%, la più grande perdita di due settimane da quando la pandemia ha scosso i mercati nel marzo 2020.

Le grandi banche statunitensi hanno gettato un’ancora di salvezza da 30 miliardi di dollari al più piccolo creditore First Republic. Le banche statunitensi hanno richiesto negli ultimi giorni 153 miliardi di dollari di liquidità di emergenza alla Federal Reserve.

READ  L'ambasciata svedese a Baghdad è stata attaccata e data alle fiamme in relazione all'incendio del Corano

La Mid-Sized Bank Alliance americana ha chiesto alle autorità di regolamentazione di estendere l’assicurazione federale per tutti i depositi per i prossimi due anni, ha riferito sabato Bloomberg News, citando una lettera dell’alleanza.

A Washington, l’attenzione si è spostata su una maggiore supervisione per garantire che le banche ei loro dirigenti siano ritenuti responsabili.

Biden ha invitato il Congresso a dare alle autorità di regolamentazione più potere sul settore, tra cui l’imposizione di multe più elevate, il recupero di fondi e il blocco dei funzionari dalle banche in fallimento.

Eventi rapidi e drammatici potrebbero portare le grandi banche a diventare più grandi, le banche più piccole che faticano a rimanere a galla e la chiusura di un maggior numero di istituti di credito regionali.

“Le persone stanno effettivamente spostando i loro soldi e tutte queste banche saranno fondamentalmente diverse tra tre mesi, sei mesi”, ha affermato Keith Noreika, vicepresidente di Patomak Global Partners ed ex controllore repubblicano della valuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *