Elezioni greche: il centrodestra Mitsotakis saluta grande vittoria ma vuole la maggioranza

  • Di Nick Peake ad Atene e Paul Kirby a Londra
  • notizie della BBC

fonte dell’immagine, Aris Messinis/AFP

didascalia dell’immagine,

Kyriakos Mitsotakis ha chiarito che vuole governare senza interferenze da parte di altri partiti

Il primo ministro conservatore greco Kyriakos Mitsotakis ha vinto le elezioni nazionali, salutando la schiacciante vittoria del suo partito come un “terremoto politico”.

I suoi Nuovi Democratici di centrodestra hanno ottenuto quasi il 41% dei voti, sei seggi in meno rispetto alla maggioranza.

Ha ricevuto le congratulazioni dal suo rivale di centrosinistra Alexis Tsipras, il cui partito SYRIZA ha avuto uno scarso risultato del 20%.

Mitsotakis ha detto che il risultato mostra che i greci hanno dato al suo partito un mandato di quattro anni.

“La gente voleva che la Grecia fosse gestita da un governo di maggioranza e gestita da una nuova democrazia senza l’aiuto di altri”, ha detto nel suo discorso di vittoria.

Gli exit poll hanno applaudito quando i sostenitori del partito ad Atene poche ore prima hanno indicato una misura inaspettata del successo di Nuova Democrazia. Quando sono arrivati ​​i risultati, è diventato chiaro che i sondaggi pre-elettorali avevano sottovalutato il divario di 20 punti tra i due principali partiti.

I commenti del primo ministro sono stati interpretati come se affermasse che non voleva condividere il potere con un altro partito, ma sarebbe andato a una seconda elezione alla fine di giugno, con il partito vincitore che avrebbe ottenuto seggi bonus.

La presidente greca Katerina Sakellaropoulou gli offrirà la possibilità di formare una coalizione, ma è già chiaro che rifiuterà.

Il risultato è stato una grave battuta d’arresto per il leader di Syriza Alexis Tsipras, che ha descritto la performance del suo partito come “molto negativa”. È salito al potere nel 2015 facendo una campagna contro le misure di austerità dei salvataggi internazionali, ma alla fine ha acconsentito alle richieste dei creditori.

Il centro-destra ha governato la Grecia negli ultimi quattro anni e può vantare che la crescita del paese è stata vicina al 6% l’anno scorso.

Il tono di Mitsotakis alla nazione era che lui solo avrebbe avuto fiducia per far avanzare l’economia greca e consolidare la recente crescita. I greci sembrano aver risposto positivamente, più del previsto.

Giorgos Adamopoulos, 47 anni, ha votato Nuova Democrazia a poche centinaia di metri dall’Acropoli di Atene.

La Grecia merita una politica migliore, ha detto alla BBC, ma ha sostenuto Mitsotakis perché è rimasto impressionato dal suo record dopo quattro anni come primo ministro.

Quattro anni fa, il 41% dei voti sarebbe stato sufficiente per assicurarsi la maggioranza nei 300 seggi del parlamento greco.

Ora serve più del 45% perché il partito vincitore non otterrà un bonus di 50 seggi al primo turno, rendendo più probabile la rielezione.

Il signor Mitsotakis terrà d’occhio i seggi extra che potrebbe ottenere se vincesse un secondo mandato. La maggioranza assoluta sarebbe al potere per quattro anni con un gabinetto di sua scelta.

Se cerca colloqui di coalizione, il rivale socialista di SYRIZA, Basok, è uno dei grandi vincitori delle elezioni, con l’11,5% dei voti.

Ma questo può essere complicato dal momento che il presidente del PASOC Nikos Androlakis è stato l’obiettivo di uno scandalo di intercettazioni lo scorso anno.

Ha portato alle dimissioni del genero di Mitsotakis, che è stato capo dello staff del primo ministro e capo dell’intelligence greca.

Androulakis ritiene che il primo ministro sapesse di essere una delle dozzine di persone prese di mira da spyware illegali.

Mitsotakis proviene da una delle dinastie politiche più potenti della Grecia.

Suo padre, Konstantinos Mitsotakis, era lui stesso primo ministro all’inizio degli anni ’90; Sua sorella Dora Bagoyiannis era il ministro degli affari esteri e suo figlio Kostas Bagoyiannis era l’attuale sindaco di Atene.

Infine, una tragedia ferroviaria a febbraio ha messo in ombra la campagna elettorale.

57 persone sono morte nel disastro, molti dei quali studenti. L’opposizione ha evidenziato la tragedia come segno di uno stato disfunzionale dopo anni di crisi economica e di investimenti insufficienti.

I greci hanno il diritto di voto dall’età di 17 anni e un’analisi preliminare del sondaggio della TV greca ha suggerito che il 31,5% degli elettori di età compresa tra 17 e 24 anni ha sostenuto ND, quasi tre punti in più di Syriza.

Gli elettori per la prima volta Grisanti e Vagelis, 18 anni, hanno votato per Syriza perché la loro generazione voleva “qualcosa di nuovo, qualcosa di diverso”.

Oltre a Basok, anche il comunista KKE ha aumentato la propria quota di voti.

Ma un’altra vittima è l’ex ministro delle finanze di Syriza Yanis Varoufakis, il cui partito MeRA25 non è riuscito a qualificarsi per il parlamento.

READ  Annie Wersching di '24', 'The Last of Us', 'Star Trek', muore a 45 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *