Erdogan afferma che leader dello Stato islamico ucciso in Siria dall’intelligence turca

ISTANBUL, 30 aprile (Reuters) – Il presidente turco Tayyip Erdogan ha dichiarato domenica che le forze dell’intelligence turca hanno ucciso il leader dello Stato islamico Abu Hussein al-Qurashi in Siria.

“Questa persona è stata neutralizzata ieri nell’ambito di un’operazione del servizio di intelligence nazionale turco in Siria”, ha detto Erdogan in un’intervista all’emittente televisiva TRT Turk.

Erdogan ha affermato che l’agenzia di spionaggio segue Qureshi da molto tempo.

Fonti locali e della sicurezza siriane hanno affermato che il raid ha avuto luogo nella città siriana settentrionale di Jandaris, che è controllata da gruppi ribelli sostenuti dalla Turchia ed è stata una delle più colpite dal terremoto del 6 febbraio sia in Turchia che in Siria.

L’esercito nazionale siriano, una fazione di opposizione con una presenza di sicurezza nell’area, non ha rilasciato commenti immediati.

Un residente ha detto che gli scontri sono iniziati alla periferia di Zantaris durante la notte da sabato a domenica, durando circa un’ora prima che i residenti sentissero una forte esplosione.

Il presidente turco Tayyip Erdogan ha incontrato il leader del Partito del Movimento Nazionalista (MHP) Devlet Bahceli, il leader del Partito della Grande Unità di Turchia (PPP) Mustafa Tesci e il leader del Partito della Sinistra Democratica (DSP) Onder Aksakal ad Ankara, in Turchia. 27 aprile 2023. Murat Sedinmuhurdar/BPO/Handout tramite REUTERS

Le forze dell’ordine hanno poi transennato l’area per impedire a chiunque di entrare.

Nel novembre 2022, l’IS ha eletto al-Qurashi come suo leader dopo che il precedente leader dell’IS è stato ucciso in un’operazione nel sud della Siria.

Lo Stato islamico ha conquistato vaste aree dell’Iraq e della Siria nel 2014, quando il suo leader, Abu Bakr al-Baghdadi, ha dichiarato un califfato islamico in tutto il territorio, che ospita milioni di persone.

Ma IS ha perso la sua presa dopo le campagne in Siria e Iraq da parte delle forze sostenute dagli Stati Uniti e delle forze siriane sostenute da Iran, Russia e varie forze paramilitari.

READ  Modi incontra i leader del Pacifico a Blinken, in Papua Nuova Guinea

Le sue restanti migliaia di combattenti si sono in gran parte nascoste nei remoti entroterra di entrambi i paesi negli ultimi anni, sebbene siano ancora capaci di attacchi mordi e fuggi su larga scala.

La coalizione guidata dagli Stati Uniti, insieme a una coalizione guidata dai curdi nota come Syrian Democratic Forces (SDF), sta ancora conducendo attacchi contro i funzionari dell’IS in Siria.

In alcuni casi, figure di spicco dell’IS sono state prese di mira mentre si nascondevano in aree di forte influenza turca.

Relazione di Ezgi Erkoyun; Montaggio di Lisa Schumacher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *