Giorno della vittoria a Mosca: la Russia ritira la parata annuale mentre la guerra di Putin in Ucraina è sotto crescente pressione

(CNN) Migliaia di persone La gente si sfilerà per le strade della Piazza Rossa di Mosca martedì come parte delle celebrazioni per l’anniversario della Russia Parata del giorno della vittoriaIn contrasto con la sua vacillante campagna militare sul fronte dell’abilità militare e dello sfarzo del Cremlino In Ucraina.

Ma molte parti della Russia – molte vicino al confine con l’Ucraina – hanno ridotto i preparativi per lo spettacolo del 9 maggio a causa di problemi di sicurezza e mancanza di equipaggiamento militare da mostrare.

Parata di Mosca a Una mostra di patriottismo Si riferisce al ruolo dell’Unione Sovietica nella sconfitta della Germania nazista nella seconda guerra mondiale. L’8 maggio 1945 (9 maggio ora di Mosca) la Germania firmò lo strumento di resa a Berlino, ponendo fine alle ostilità in Europa. L’Unione Sovietica ha subito le perdite più alte di qualsiasi paese: sono morti circa 27 milioni di soldati e civili.

È il giorno più importante nel calendario del presidente russo Vladimir Putin, poiché lo usa da tempo per raccogliere il sostegno popolare e dimostrare la potenza militare del Paese. Prima della parata, il leader russo ha reso omaggio a “coloro i cui risultati senza pari sui campi di battaglia e il lavoro disinteressato nelle retrovie hanno permesso di schiacciare gli invasori nazisti e proteggere la libertà della propria terra”.

“Oggi, è nostro dovere morale preservare sacro le tradizioni di amicizia e di mutuo soccorso tramandate dai nostri padri e nonni, per non permettere che la verità storica sulla Grande Guerra Patriottica venga distorta, così come le giustificazioni dei nazisti, loro alleati e attuali successori ideologici”, ha dichiarato lunedì il Cremlino in una nota.

READ  Max Verstappen vince il Gran Premio di Monaco, battendo Alonso e la pioggia

Ma alla luce di due recenti attacchi di droni al Cremlino, profonde divisioni tra alti funzionari russi sulle tattiche di guerra e un’attesa offensiva primaverile ucraina, le tensioni a Mosca sono ai massimi storici in vista della seconda marcia da quando la Russia ha lanciato la sua invasione.

I soldati russi provano domenica per la parata del Giorno della Vittoria, quando Mosca mira a dimostrare la sua potenza militare.
Molte regioni russe hanno ridotto le celebrazioni del Giorno della Vittoria a causa dell’insufficienza delle attrezzature militari da esibire.

Putin ha storicamente guidato la parata militare annuale attraverso la Piazza Rossa con esibizioni di materiale militare tra cui carri armati, missili e altri sistemi d’arma prima di una cerimonia di deposizione di ghirlande presso la Tomba del Milite Ignoto vicino al muro del Cremlino. Morto in battaglia.

Dovrebbe tenere il suo discorso annuale durante una cerimonia nella capitale che dovrebbe attirare più di 10.000 persone ed esporre 125 unità di vari tipi di armi e attrezzature, ha detto il ministro della Difesa Sergei Shoigu.

L’anno scorso il ministero ha annunciato che nella parata militare erano coinvolte 11.000 persone e 131 tipi di armi, con un’esibizione aerea di 77 aerei ed elicotteri.

Leader mondiali come l’ex cancelliere tedesco Angela Merkel e l’ex segretario generale delle Nazioni Unite Kobi Annan hanno partecipato alla parata militare negli anni precedenti. Ma questi barlumi di unità sono svaniti negli ultimi anni, dopo l’invasione della Crimea da parte di Putin nel 2014 e la guerra in Ucraina che ha interrotto i rapporti diplomatici.

Mosca sarà sotto pressione per rafforzare la sua sicurezza e unità martedì dopo la scorsa settimana Si dice che sia un attacco di droni Il simbolo più potente del presidente russo è stato infranto al Cremlino.

READ  Le azioni Disney sono crollate mentre la società cerca di trasformare il business dello streaming in un business redditizio

Kiev ei suoi alleati occidentali hanno scambiato note pungenti con Mosca dopo che l’Ucraina l’ha accusata di eseguire gli ordini statunitensi in un tentativo di omicidio contro Putin. L’Ucraina e Washington hanno negato con forza le accuse.

La causa delle esplosioni è sconosciuta, ma l’ottica di un attacco simbolico al Cremlino ha dato a Putin l’opportunità di raccogliere il sostegno dei russi mentre i critici continuano a parlare contro l’invasione su vasta scala di Mosca.

Lunedì, l’oligarca russo Andrei Kovalev ha definito la campagna militare di Mosca “una guerra terribile”.

“Il mondo intero è contro di noi”, ha detto in un videomessaggio poi condiviso su Telegram.

Nel frattempo, le relazioni tra alti funzionari russi si sono inasprite dopo che giovedì il leader di Wagner Yevgeny Prigozhin ha minacciato di ritirare le sue truppe dalla città di Bakhmut a causa dell’insufficiente sostegno del Cremlino.

Apparve Prigogine tornare indietro Nei suoi commenti di domenica, tuttavia, l’acceso sfogo ha indicato una mancanza di morale in vista di un’attesa offensiva primaverile da Kiev nel sud mentre le forze russe lottano per sfondare un campo di battaglia chiave nell’Ucraina orientale.

“Il male è tornato”

Lunedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha suggerito di anticipare di un giorno la parata del Giorno della Vittoria in Ucraina, in modo che non coincida con le celebrazioni di Mosca.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha paragonato la Russia alla Germania nazista Commovente giorno della vittoria Un disegno di legge presentato ai legislatori nel tentativo di escludere Gay dalle celebrazioni del Cremlino un giorno prima delle celebrazioni.

READ  La Tesla Model S/X aumenta di prezzo, ma aggiunge 3 anni di sovralimentazione gratuita

Come la Russia, l’Ucraina commemora tradizionalmente la vittoria sui nazisti il ​​9 maggio, ma quella data è sempre più associata a una parata a Mosca.

“È l’8 maggio che la maggior parte del mondo ricorda la grandezza della vittoria sui nazisti”, ha detto lunedì Zelenskyj.

“Non permetteremo l’appropriazione della vittoria collettiva dei paesi della coalizione anti-Hitler e non permetteremo bugie come se la vittoria sarebbe potuta avvenire senza la partecipazione di alcun paese o nazione”.

Confrontando l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia con gli obiettivi espansionistici di Hitler, Zelensky ha affermato che l’obiettivo dei due regimi era lo stesso: “schiavitù o distruzione”.

“Sfortunatamente, il male è tornato”, ha detto. “Allora il male si è precipitato nelle nostre città e nei nostri villaggi, come fa ora, come prima uccideva la nostra gente, così fa ora”.

Angela Dewan e Katharina Krebs della CNN hanno contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *