Gli Stati Uniti confermano che i camion di primo soccorso arrivano tramite una nave di Gaza

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine, Camion in fila vicino alla spiaggia per portare aiuti a Gaza

  • autore, Vicky Wong
  • azione, notizie della BBC

L’esercito americano ha confermato che la prima spedizione di aiuti umanitari è arrivata a Gaza tramite una nave galleggiante temporanea.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha detto che i camion degli aiuti hanno iniziato a sbarcare intorno alle 09:00 ora locale (07:00 BST) di venerdì.

Il primo ministro Rishi Sunak ha affermato che sono stati forniti 8.400 rifugi di plastica. Si prevede che circa 500 tonnellate di aiuti britannici, tra cui tende, kit sanitari e carrelli elevatori, raggiungeranno Gaza nelle prossime settimane tramite una nave costruita negli Stati Uniti.

Tuttavia, Sunak ha affermato che la rotta marittima “non è l’unica risposta” alla crisi umanitaria dell’enclave.

“Dobbiamo vedere aperte più vie terrestri, compreso il valico di Rafah, per garantire che più aiuti arrivino in sicurezza alle persone bisognose”.

Il ministro degli Esteri britannico Lord Cameron ha dichiarato: “I Kazan sono a rischio di carestia e hanno bisogno di forniture essenziali – Israele deve garantire che le rotte terrestri siano aperte e che gli aiuti arrivino sani e salvi dove sono necessari”.

Sia Sunak che Lord Cameron chiedono agli israeliani di mantenere il loro impegno di consentire ad almeno 500 camion di aiuti al giorno di entrare a Gaza, dove circa 2,2 milioni di persone hanno urgentemente bisogno di cibo, alloggio e altra assistenza.

Ha aggiunto che il valico di Rafah – sequestrato da Israele la settimana scorsa – “deve essere aperto immediatamente”. Israele ed Egitto si incolpano a vicenda per la sua chiusura.

Si prevede che il tunnel consentirà inizialmente l’accesso a 90 camion, che aumenteranno a 150 una volta pienamente operativo.

Il personale britannico sta lavorando a fianco del personale americano a RFA Cardigan Bay per costruire e gestire la nave.

Mentre Israele continua la sua campagna militare contro Hamas, alcune settimane fa gli Stati Uniti hanno iniziato a costruire una base galleggiante per facilitare la consegna di aiuti a Gaza.

Piccole navi militari statunitensi – in grado di trasportare tra le cinque e le 15 tonnellate di aiuti – li hanno poi trasportati sulla nave galleggiante, lunga diverse centinaia di metri e ancorata al largo della costa di Gaza.

I camion hanno viaggiato a fianco della nave prima di scaricare gli aiuti in uno scalo di smistamento sulla costa.

I funzionari hanno affermato che l’ONU, in primo luogo il Programma alimentare mondiale, sarà responsabile della distribuzione degli aiuti.

L’offensiva israeliana è iniziata il 7 ottobre dopo che uomini armati di Hamas sono esplosi nel sud di Israele, uccidendo 1.200 persone e prendendo 252 ostaggi a Gaza.

Secondo i dati del Ministero della Sanità, gestito da Hama, più di 35.000 palestinesi sono stati uccisi.

didascalia dell’immagine, Gli aiuti verranno raccolti dalla piattaforma galleggiante prima di essere trasportati a Gaza

Le forniture a Gaza sono diminuite in modo significativo. Inviare aiuti via terra è pericoloso, poiché a volte i convogli vengono dirottati da bande criminali e assaliti da civili disperati.

fonte dell’immagine, Ministero della Difesa

didascalia dell’immagine, Il governo del Regno Unito ha confermato che i lavoratori britannici hanno contribuito a fornire cibo sufficiente a sfamare 11.000 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *