Gli Stati Uniti ritireranno tutte le truppe dal Niger entro settembre

Il ritiro di 1.000 soldati americani dal Niger è in corso e tutte le truppe americane lasceranno il paese dell’Africa occidentale entro il 15 settembre, hanno detto domenica i governi degli Stati Uniti e della Nigeria.

Accordo, descritto Una dichiarazione congiunta Gli eserciti di entrambi i paesi fanno eco ai termini della distensione annunciata dall’amministrazione Biden il mese scorso. Segna anche l’inizio della fine del più duraturo alleato antiterrorismo del Pentagono nella instabile regione africana del Sahel.

L’alto funzionario del Pentagono Christopher P. Il sindaco e l’alto funzionario statunitense, il tenente generale Daquin RM Anderson, hanno incontrato la settimana scorsa i rappresentanti militari del Niger a Niamey, la capitale del Niger. Maggiore Mamane Sani Kyaw, si legge nella dichiarazione. L’incontro avrà lo scopo di “coordinare il ritiro ordinato e sicuro delle forze statunitensi dal Niger”.

In una dichiarazione rilasciata dal Pentagono, i due eserciti hanno stabilito procedure per facilitare l’ingresso e l’uscita del personale statunitense, compresi i permessi di volo e di atterraggio per gli aerei militari. Il Niger ha bloccato l’approvazione di alcuni di questi permessi negli ultimi mesi, hanno detto funzionari statunitensi.

In una dichiarazione separata pubblicata sui social media, l’esercito del Niger ha affermato che “il ritiro delle forze statunitensi dal Niger sarà effettuato con rispetto reciproco e trasparenza entro la metà di settembre 2024”.

La data era in linea con le aspettative dei funzionari statunitensi, ma è diventata ufficiale solo dopo gli incontri della scorsa settimana. Circa 100 membri del servizio militare statunitense con esigenze mediche o obblighi familiari, o perché il loro lavoro era stato precedentemente licenziato, sono partiti con voli commerciali la scorsa settimana, ha detto Kelly Cahalan, portavoce del Comando Africa dell’esercito a Stoccarda, in Germania. , ha detto domenica.

READ  Un gran giurì di New York ha incriminato un ex marine per l'uccisione di Jordan Neely

In una teleconferenza con i giornalisti domenica pomeriggio, un alto funzionario della difesa ha detto che le forze statunitensi porteranno con sé tutte le armi o attrezzature pericolose o pericolose, ma altri oggetti come case, generatori e condizionatori d’aria sarebbero lasciati ai nigeriani. usare

Le relazioni degli Stati Uniti con il Niger si sono costantemente deteriorate da quando l’esercito ha deposto il presidente del paese, Mohamed Bassum, lo scorso luglio. L’amministrazione Biden ha aspettato fino a ottobre per dichiarare ufficialmente un colpo di stato il colpo di stato militare, sperando di evitare un mandato del Congresso per congelare gli aiuti economici e militari a qualsiasi governo ritenuto insediato dal colpo di stato militare finché la crisi non sarà risolta e la democrazia ripristinata.

Tuttavia, i colloqui diplomatici non sono andati da nessuna parte, e la Giunta ha dichiarato a marzo che avrebbe posto fine al suo accordo di cooperazione militare con gli Stati Uniti dopo un incontro controverso con una delegazione diplomatica e militare americana di alto livello a Niamey. I leader nigeriani hanno accusato i funzionari statunitensi di aver detto loro come gestire il loro paese, un’accusa che i funzionari dell’amministrazione Biden hanno negato.

La decisione del Niger è in linea con la recente tendenza dei paesi della regione del Sahel, una regione arida a sud del Sahara, a tagliare i legami con l’Occidente. Sono invece sempre più alleati con la Russia.

All’inizio di aprile sono arrivati ​​improvvisamente in Niger circa 100 istruttori russi e un sistema di difesa aerea. Secondo l’agenzia di stampa statale russa RIA Novosti, il personale russo fa parte dell’Africa Corps, una nuova struttura paramilitare che sostituirà il gruppo Wagner, la cui compagnia militare era guidata da Yevgeny V, i cui mercenari e le cui operazioni si diffondevano in tutta l’Africa. Prigogine è morto in un incidente aereo l’anno scorso.

READ  Le Nazioni Unite esortano i lavoratori afghani a restare a casa dopo che i talebani hanno vietato alle donne di lavorare nell'organizzazione

Il rifiuto da parte del Niger di legami militari con gli Stati Uniti ha fatto seguito al ritiro delle truppe dalla Francia, portando negli ultimi decenni a sforzi di antiterrorismo straniero contro i gruppi jihadisti nell’Africa occidentale, ma recentemente il Niger è stato considerato un paria nella regione. .

Circa 400 dipendenti statunitensi lavorano in una base aerea a Niamey, mentre i restanti 600 presso la base aerea statunitense 201, un’installazione di sei anni da 110 milioni di dollari nella remota città di Agadez. Dopo il colpo di stato, le truppe ad Agadez sono rimaste inattive, con la maggior parte dei loro droni MQ-9 Reaper a terra, tranne che per missioni di sorveglianza in volo per proteggere il personale statunitense.

La perdita delle due basi sarebbe un duro colpo per l’antiterrorismo e per la sicurezza nel Sahel, hanno riconosciuto i funzionari statunitensi. Sono in corso discussioni con i paesi costieri dell’Africa occidentale come Ghana, Togo e Benin, ma i negoziati sono ancora in una fase iniziale.

“Quelle basi hanno rappresentato per noi un enorme vantaggio in termini di portata e influenza strategica e a livello operativo”, ha affermato il generale Michael E. Langley, capo dell’Africa Command dell’esercito, ha detto in un’intervista il mese scorso.

Un alto funzionario della difesa, parlando in condizione di anonimato per discutere di questioni operative, ha detto che il Pentagono potrebbe riprendere l’addestramento o altra assistenza alla sicurezza in futuro e che i funzionari militari nigeriani vogliono mantenere i rapporti con le loro controparti americane. Colleghi. Ma in base a quali nuove regole ciò accadrà non è chiaro.

Non è inoltre chiaro quale futuro accesso gli Stati Uniti avranno alla vasta base di Agadez, e se i consiglieri russi e forse anche le forze aeree russe si muoveranno se i legami del Niger con il Cremlino si approfondiranno. La dichiarazione congiunta rilasciata domenica non specifica il destino dei siti.

READ  Revisione giudiziaria israeliana: il Parlamento inizia la sessione di revisione giudiziaria con Netanyahu in ospedale

Ruth McLean Reporting contribuito da Dakar, Senegal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *