Gli Yoshinobu Yamamoto Dodgers superano gli Yankees in 11 inning

Mentre il mondo del baseball ruotava attorno a lui venerdì, a Yoshinobu Yamamoto non importava.

Assente nella clubhouse dei Dodgers prima della partita, Yamamoto si sedette da solo nel suo armadietto, poi appoggiò i piedi su un divano di pelle nera, esaminando in silenzio i rapporti di scouting mentre i giornalisti sciamavano nella stanza vuota.

È sceso in campo ore dopo allo Yankee Stadium per l’apertura dell’attesissima serie Dodgers-Yankees di questo fine settimana, attirando un coro di fischi da una base di fan che sperava di vederlo in gessato.

E ovviamente i Dodgers non hanno avuto un inizio di sette inning e sette strikeout senza reti Vittoria per 2-1La gemma di Yamamoto all’undicesimo inning ha dato il via a Dioscar Hernandez per una doppietta decisiva per la partita.

“La sua migliore uscita come Dodger”, ha detto il manager Dave Roberts.

Inoltre, era la prima volta che Yamamoto vedeva una superstar.

“Mi è piaciuta l’atmosfera”, ha detto Yamamoto attraverso il suo traduttore. “Era un terreno fantastico. Mi è piaciuta tutta la partita.

Nella preparazione di questa serie nel Bronx – una resa dei conti tra due dei franchise più storici della MLB, ma due squadre al primo posto che potrebbero incontrarsi nelle World Series – la maggior parte dell’attenzione ha circondato sia gli ex giocatori di valore che i perenni. -Stelle in due file.

Shohei Ohtani, Mookie Betts e Freddie Freeman per i Dodgers. Aaron Judge, Giancarlo Stanton e Juan Soto per New York (anche se Soto ha saltato la partita di venerdì per un infortunio all’avambraccio che è discutibile giocare questo fine settimana).

“Sono entusiasta di vedere spuntare le stelle”, ha detto Roberts prima della partita. “Abbiamo alcuni dei migliori giocatori del pianeta che giocano qui.”

Non è chiaro esattamente dove Yamamoto si inserisca in quella costellazione di celebrità.

READ  Domande sulla scadenza del draft NBA: Bama, UConn, Brony James e altro

La 25enne stella giapponese ha ricevuto il più grande contratto nella storia della MLB per un lanciatore al di fuori di Ohtani in questa offseason, firmando con i Dodgers – nonostante il forte interesse di altri club del grande mercato, primi fra tutti gli Yankees – per il 12esimo. contratto annuale da 325 milioni di dollari.

È arrivato alla MLB come uno dei lanciatori più decorati nella storia del baseball professionale giapponese, vincendo tre volte il Cy Young Award della lega.

“Gli Yankees sono una grande squadra e apprezzo l’interesse che hanno avuto nei miei confronti durante le trattative”, ha detto Yamamoto. “Ma quando li affronto è una partita normale”.

Nonostante tutto, Yamamoto è entrato nella sua stagione da matricola venerdì con alcuni momenti caratteristici.

La sua media guadagnata è stata di 3,32, solida ma fuori dai primi 35 nelle major. Non ha ancora affrontato un crimine in nessuno dei più forti di New York.

“Sarà un buon test per lui”, ha detto Roberts prima della partita. “Ma so, ovviamente, che il momento, il palco non sarà grande.”

Yoshinobu Yamamoto lancia davanti alla star dei New York Yankees Aaron Judge durante il primo inning di venerdì allo Yankee Stadium.

Yoshinobu Yamamoto lancia davanti alla star dei New York Yankees Aaron Judge durante il primo inning di venerdì allo Yankee Stadium.

(Frank Franklin II/Associated Press)

Tale intuizione è esatta.

Tre ore prima del primo lancio, Yamamoto è rimasto mentre il resto dei suoi compagni di squadra uscivano da una clubhouse piena di più di due dozzine di giornalisti. Cappello al contrario. Cuffie accese. Sembra essere nel suo mondo, senza attirare l’attenzione su ciò che molti hanno definito essere il miglior risultato della stagione finora.

READ  UBS completa l'acquisizione di Credit Suisse per diventare un colosso della gestione patrimoniale

“Ha giocato molte partite importanti nella sua carriera”, ha detto Roberts della carriera di Yamamoto in Giappone e del campionato World Baseball Classic dello scorso anno con il Giappone. “Questa sarà un’altra esperienza per lui”.

Una volta preso il sopravvento, però, Yamamoto non ha lanciato come se fosse una partita qualunque.

Dal salto, il destriero da 5 piedi e 11 ha riscontrato una maggiore velocità nella sua palla veloce, lanciando 29 tiri a 97 mph o più velocemente (e altri sei a 96,9). Ha superato quel traguardo solo tre volte in tutta la stagione.

“Penso che i miei meccanici abbiano lavorato molto bene oggi,” ha detto Yamamoto.

“Ogni volta che hai più velo, aiuta”, ha aggiunto il ricevitore Will Smith.

I compagni di squadra dei Dodgers Jason Heyward, Dioscar Hernandez e Andy Page festeggiano.

I compagni di squadra dei Dodgers (da sinistra) Jason Heyward, Theoscar Hernandez e Andy Page festeggiano dopo una vittoria per 2-1 sui New York Yankees allo Yankee Stadium venerdì.

(Frank Franklin II/Associated Press)

Anche le parti secondarie di Yamamoto sembravano più nitide del solito, poiché ha utilizzato uno splitter e uno slider per completare i suoi quattro strikeout.

“Le cose che ha fatto in Giappone”, ha detto Hernandez, “le ha mostrate oggi”.

Alla domanda in seguito su come sarebbe stato venerdì rispetto alla situazione post-stagionale, Yamamoto ha sorriso timidamente.

“Non penso a ottobre”, ha detto. “Sto solo cercando di eseguire le mie proposte come al solito.”

Roberts ha imparato qualcosa sul lanciatore che gli è stato assegnato il compito di ancorare la rotazione insieme al collega aggiunto fuori stagione Tyler Glasnow?

“No”, ha detto Roberts. “So che non scapperà da questo momento.”

Gli Yankees, che sono entrati nella serata con una serie di otto vittorie consecutive e il miglior record nelle major, hanno pressato Yamamoto in anticipo. Il giudice all’inizio ha raddoppiato. Due corridori sono arrivati ​​secondi grazie a un errore di Kike Hernandez e a un singolo di Trent Grisham.

Ma dopo essere sfuggito a entrambi questi ingorghi – con un paio di slider wipeout per strikeout inning-end – Yamamoto ha girato nella direzione opposta.

READ  L'influenza aviaria si diffonde alle mucche da latte

Non ha rinunciato a un’altra vittoria. Ha ritirato 15 degli ultimi 17 battitori che ha affrontato. Negli ultimi due inning di un’uscita di 106 tiri, ha lavorato le sue uniche due passeggiate, sventolando Stanton con una palla veloce nel sesto e inducendo un doppio gioco a terra sul tiro finale di DJ LeMahieu.

Quando finalmente lasciò la pista, Yamamoto strinse i pugni e lanciò un urlo celebrativo.

“Penso che ce ne sia un po’, ed è ancora lo Yankee Stadium”, ha detto Roberts, aggiungendo che solo la meccanica senza speranza ha portato all’accelerazione di Yamamoto. “Penso che Velo abbia qualcosa a che fare con tutto questo.”

La partita è rimasta senza reti dopo che Yamamoto ha lasciato il tumulo.

Gli Yankees rimasero bloccati all’ottavo posto con le basi caricate. Entrambe le squadre non sono riuscite a segnare un corridore base extra-inning automatico nel 10°. Teoscar Hernandez ha trovato il divario nel campo centrale a sinistra all’11°, segnando Ohtani (che è andato 0 su 5) dalla seconda base e Freeman (0 su 2 con due passeggiate) all’inizio, nessuna delle due squadre è riuscita a trovare un corridore SU. su tutta la linea.

“È il vecchio adagio che un buon lancio batte un buon colpo”, ha detto Roberts. “Puoi eliminare tutti i buoni battitori che riesci a trovare.”

Gli Yankees hanno recuperato un punto in fondo all’11 quando Judge (due su tre con due passeggiate) ha allineato un singolo RBI di Yohan Ramirez – un tipico mitigatore a bassa leva che chiedeva al bullpen esaurito dei Dodgers di salvare la partita. .

Tuttavia, gli Yankees non hanno raccolto nient’altro.

A quel punto, Yamamoto li aveva tenuti zitti per molto tempo. In una serie sul potere delle star, il lanciatore giapponese si è assicurato che il suo nome fosse in cima alla lista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *