Golden State cade contro i Lakers in Gara 6, ponendo fine alle speranze di campionato

LOS ANGELES — Lo stile di gioco a ruota libera e incentrato sui 3 punti del campione in carica Golden State ha cambiato l’NBA e ha reso Stephen Curry un nome familiare. Ma venerdì sera, la squadra non è riuscita in sei partite contro i Los Angeles Lakers nelle semifinali della Western Conference, l’ultima volta che la squadra non è riuscita a tirare in profondità.

6, i Lakers hanno vinto 122-101.

È stato uno degli incontri di playoff più attesi da anni da quando le finali NBA del 2018 hanno contrapposto Curry contro la star dei Lakers LeBron James per la prima volta quando James era con i Cleveland Cavaliers. Ma alla fine la serie non è stata all’altezza del clamore, con scoppi dopo le emozionanti vittorie dei Lakers nei Giochi 2, 3 e 5 per aprire la serie.

In Gara 6, Golden State ha assistito dall’inizio. I Lakers hanno aperto la partita con un parziale di 24-9. Klay Thompson dei Golden State ha sbagliato nove dei suoi primi 10 tiri; Curry ha perso quattro dei suoi primi cinque. Poi, poco prima dell’intervallo, un colpo disperato all’ultimo secondo della guardia dei Lakers Austin Reaves ha mandato in delirio la Crypto.com Arena e Los Angeles all’intervallo con 10 punti di vantaggio. Nel terzo quarto, James ha guidato un drive per estendere il vantaggio a 19 ei Lakers avevano saldamente il controllo all’inizio del quarto quarto. Golden State non si è mai ripreso.

“Sei deluso e Shell è scioccata dal fatto che sia finita”, ha detto Curry. “Ogni stagione ci metti molto, ma uscendo lo scorso anno, provi a difenderci e a darci la possibilità di andare avanti. È un modo difficile per concludere la stagione.

READ  La qualità dell'aria di Detroit è la seconda peggiore al mondo a causa degli incendi in Canada

Ciò significa che la dinastia di Golden State – quattro campionati dietro Curry, Thompson e Draymond Green dal 2015 – potrebbe volgere al termine, o almeno sulla buona strada per un restyling. Con uno dei turni più costosi del campionato e un nuovo accordo di contrattazione collettiva volto a tenere a freno chi spende molto, Golden State cercherà di tagliare i costi. Potrebbe essere una svolta completa per la squadra, che è passata da una franchigia senza timone di mezzo sotto Curry a una delle più preziose dal punto di vista finanziario negli ultimi dieci anni.

Ma questa stagione è stata lenta per Golden State. Finì 44-38 per la sesta testa di serie nella Western Conference Il peggior record su strada del campionatoAlle 11-30.

Ma ci sono stati momenti in cui la squadra è stata in grado di scavare per esibizioni vintage.

Curry ha disputato una delle migliori partite della sua carriera nel primo turno dei playoff. Golden State ha affrontato i Kings al terzo posto a Sacramento in una partita 7 decisiva. Curry ha segnato 50 punti – il suo massimo in una partita 7 – e ha segnato sette triple. È stato un promemoria della magia che ha reso la sua squadra così eccezionale.

Golden State ha avuto un vantaggio sul campo di casa contro la settima testa di serie Lakers nelle semifinali della conferenza. Ma una sconfitta casalinga in Gara 1 ha dato il tono alla serie. Mentre Golden State ha dominato i giochi 2 e 5, il gioco 4 ha cambiato la serie: Golden State ha commesso diversi errori insolitamente sciatti, mettendo la squadra in un duro 3-1 nella serie.

READ  I pubblici ministeri di New York affermano che Trump è disposto a ritardare l'indagine sul silenzio fino alla fine di aprile

Alla fine era troppo da superare per Golden State.

La serie è servita da promemoria: è difficile rimanere al top a lungo.

Green, quattro volte All-Star, ha un’opzione giocatore per il prossimo anno e dovrebbe testare il libero arbitrio. Ne aveva uno Le migliori stagioni di quest’anno Ma il prossimo marzo compirà 34 anni e potrebbe impedire a Golden State di dargli un contratto massimo. Green ha mostrato un debole per il comportamento impulsivo nel campo di addestramento, come prendere a pugni il compagno di squadra Jordan Poole, e ha subito il secondo fallo tecnico in campionato durante la stagione regolare.

Thompson, cinque volte All-Star, ha ancora momenti in cui sembra uno dei migliori tiratori nella storia della NBA, ma a 33 anni e dopo due gravi infortuni, ha C’è una significativa riduzione della sicurezza. Il suo contratto scade dopo la prossima stagione.

Golden State deve decidere cosa fare dei suoi giovani giocatori, la squadra che sta cercando di costruire mentre insegue un campionato, un percorso criticato per aver messo troppo peso sul 35enne Curry. In particolare, Poole, una guardia di 23 anni, ha lottato duramente nei playoff fino a quando Golden State non lo ha ingaggiato. Una proroga del contratto di quattro anni Valeva fino a $ 140 milioni in ottobre. Altri giovani giocatori, Jonathan Cuminga e Moses Moody, entrambi 20enni, sono entrati e usciti dalla formazione per tutta la stagione.

Inoltre, la firma di Bob Myers, direttore generale della squadra negli ultimi dieci anni, Quest’anno finisce. Potrebbe spettare a un altro architetto portare la dinastia al livello successivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *