I Denver Nuggets guidano la spazzata dei Lakers nelle finali NBA

LOS ANGELES – All’inizio della storica celebrazione dei Denver Nuggets, l’attaccante dei Los Angeles Lakers LeBron James è uscito dal campo di casa senza rivelare il suo volto.

Lunedì sera, i Nuggets hanno sigillato un ultimo sussulto dei Lakers. Anche dopo il cicalino finale, alcuni dei giocatori di Denver sembravano non poter credere che la serie fosse finita e che ce l’avessero fatta davvero.

I Nuggets sono diretti alle finali NBA per la prima volta nella storia della franchigia dopo aver terminato una serie di quattro partite contro i Lakers nelle finali della Western Conference 113-111 lunedì.

Denver affronterà il vincitore delle finali della Eastern Conference, in cui i Miami Heat detengono un vantaggio di serie per 3-0 sui Boston Celtics. Gara 4 in Oriente è martedì a Miami.

Il centro dei Nuggets Nikola Jokic è stato nominato Most Valuable Player delle finali della Western Conference. Sorrise calorosamente mentre teneva in mano il suo trofeo ei suoi compagni di squadra lo circondarono in campo e gli accarezzarono la testa. Lunedì aveva 30 punti, 14 rimbalzi e 13 assist.

“Anche se lo difendi per un grande possesso in cui pensi di poterlo difendere, si mette la palla dietro la testa in stile Larry Bird e la spara a 50 piedi in aria ed entra”, ha detto James, poi ha riso. Ingannevolmente. “Come ha fatto quattro o cinque volte in questa serie.” Mentre si toglieva il cappello, disse: “Allora gli fai questo”.

Denver non ha mai raggiunto le finali NBA nelle sue 47 stagioni in campionato. La striscia più lunga ora appartiene ai Sacramento Kings, risalenti al 1951 quando erano chiamati Rochester Royals. Pellicani, lupi selvatici, tosatrici, grizzly e calabroni Non è mai stato.

“Sono davvero contento per i ragazzi e per l’organizzazione e per come stiamo combattendo”, ha detto Jokic. “Ricordo i giorni in cui non c’era nessuno in casa nostra: si sentiva la palla che rimbalzava sul pavimento e non c’erano tifosi”.

READ  La più lunga ondata di caldo negli Stati Uniti meridionali non mostra segni di fine

Per i Nuggets, la vittoria di lunedì ha coronato un processo lungo anni in cui i loro giocatori principali sono cresciuti insieme, affrontando infortuni impegnativi e domande sulla loro capacità di competere anche in Occidente. Jokic ha vinto due volte il premio MVP del campionato, ma è arrivato alle finali della conferenza solo una volta.

Denver ha perso la guardia stellare Jamal Murray nell’aprile 2021 quando si è strappato il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro. L’allenatore dei Nuggets Michael Malone, il giorno dopo l’infortunio, ha chiesto in lacrime a Murray se i Nuggets lo avrebbero scambiato, definendosi “merce danneggiata”.

“L’ho abbracciato”, ha detto Malone. “Ho detto: ‘No, sei nostro. Ti vogliamo bene. Ti aiuteremo a tornare e sarai un giocatore migliore per questo.

Murray ha saltato quella stagione e tutto il 2021-22. Nei playoff di quest’anno, la pazienza di Denver ha dato i suoi frutti.

Murray sta iniziando a sembrare il giocatore che era prima dell’infortunio e Jokic continua a giocare a un livello d’élite, perfettamente integrato dai talentuosi giocatori di ruolo di Denver.

I Nuggets sono saliti al primo posto in Occidente a dicembre e non sono mai usciti dal primo posto. Nei playoff, hanno sconfitto i Timberwolves 4–1 al primo turno e i Phoenix Suns 4–2 al secondo turno. Nonostante il dominio di Denver per tutta la stagione, gli oddsmaker non vogliono che vinca il campionato. I Nung lo abbracciarono.

“Siamo sfavoriti”, ha detto la guardia Kentavious Caldwell-Pope. “Non otteniamo abbastanza credito per quello che facciamo.” Ha continuato: “Non si dice molto, lo prendiamo sul personale. Sfruttiamo quell’energia e dimostriamo che tutti si sbagliano.

Anche dopo i primi due round, pochi pensavano che i Lakers fossero abbastanza pericolosi da essere finalmente la squadra che avrebbe rovesciato i Nuggets.

Quella fiducia nei Lakers è cresciuta solo durante i playoff.

Per un po ‘, i Lakers sembravano condannati a causa di problemi di roster e infortuni alle loro stelle James e Anthony Davis. Hanno iniziato la stagione con un record di 2-10. A dicembre, quando i Nuggets stavano consolidando il loro posto in Occidente, i Lakers erano 13esimi.

READ  Alcuni uomini possono evitare lo screening del cancro alla prostata, ritardando il trattamento aggressivo

La guardia Russell Westbrook, che ha lottato con i Lakers la scorsa stagione, non è ancora in forma ed è stata rimossa dalla formazione titolare dopo tre partite. Davis si è infortunato alla gamba il 16 dicembre contro i Nuggets e ha perso 20 partite mentre si riprendeva. Poco dopo il ritorno di Davis, James ha saltato diverse partite a causa di un infortunio alla gamba che secondo alcuni medici avrebbe richiesto un intervento chirurgico.

Ma i cambiamenti alla scadenza commerciale di febbraio hanno aiutato. I Lakers hanno scaricato Westbrook e hanno portato giocatori di ruolo: Jarrett Vanderbilt, D’Angelo Russell e Malik Beasley. Hanno anche scambiato per Rui Hachimura a gennaio.

Alla fine della stagione regolare erano saliti al settimo posto in Occidente e si erano qualificati per i playoff sconfiggendo il Minnesota ai tempi supplementari nella gara di play-in. Al primo turno, hanno messo a tacere una clamorosa squadra di Memphis che aveva trascorso gran parte della stagione tra le prime tre in Occidente, battendola 4-2. Hanno poi sconfitto il campione in carica Golden State Warriors 4-2 in un secondo turno dominante.

Nel frattempo, il loro capo allenatore del primo anno, Darwin Hamm, ha ricordato loro quanto pochi si aspettassero che arrivassero ai playoff.

Ma i Nuggets si sono rivelati un diverso tipo di avversario. Sono più coesi, meno drammatici e più forti al centro rispetto a Memphis e Golden State.

“Abbiamo gareggiato ogni notte”, ha detto Hamm. “Abbiamo gareggiato in ogni partita di questa serie. Ho detto ai ragazzi cosa significa, come si sente questa sensazione in questo momento, cosa abbiamo fatto in un’intera stagione, cosa dobbiamo fare per arrivare a questo punto.

Nelle prime due serie dei Lakers, i loro avversari li hanno attaccati verbalmente quando la guardia dei Grizzlies Dillon Brooks ha chiamato James, 38 anni, o quando i Warriors li hanno accusati di aver perso chiamate favorevoli. I Nuggets hanno adottato un approccio diverso, mostrando rispetto fuori dal campo fino alla fine.

READ  Il Michigan assume l'allenatore capo della FAU Dusty May per sostituire Juan Howard

“Non dirò che sono spaventato, ma sono preoccupato”, ha detto Jokic dopo la vittoria di Denver in Gara 3. “Perché hanno LeBron dall’altra parte e può fare tutto”.

James sembrava più irregolare in questa serie rispetto al passato. È andato 0 su 10 da 3 punti nelle prime due partite, ha commesso errori costosi alla fine di Gara 1 ed è stato ridicolizzato per aver mancato una schiacciata in Gara 2. Ha portato la squadra finora nella postseason di Davis, ma i Nuggets no. Non farglielo fare di nuovo.

Ore prima della partita di lunedì, James stava facendo il suo riscaldamento pre-partita quando un gruppo di operatori televisivi ha provato per la presentazione del trofeo del campionato della Western Conference a pochi metri di distanza sul campo. James ha detto di averlo usato come motivazione.

Ha segnato 31 punti nel primo tempo, realizzando tutti i suoi tentativi da 3 punti nel primo quarto.

“È stato spaventoso”, ha detto Caldwell-Pope. “Sappiamo chi è LeBron”.

James ha chiuso con 40 punti, 10 rimbalzi e 9 assist. Nell’ultima giocata della partita, James è andato a canestro e ha tentato un tiro da pareggio tra la folla dei Nuggets. Murray era lì, James si è riunito per tirare e Murray ha tenuto entrambe le mani sulla palla.

“Sapevo che volevo essere lì”, ha detto Murray.

Il tempo è scaduto e la panchina dei Nuggets si è svuotata per festeggiare.

“È come un piccolo shock”, ha detto l’attaccante Aaron Gordon. “Sei sicuro che non abbiamo molto tempo a disposizione? Sei sicuro che non abbiamo un altro quarto da giocare o un’altra partita da giocare? È un’altra possibilità per loro di vincere? E poi è come: ‘Oh. NO. Abbiamo vinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *