I prezzi del petrolio salgono sulle speranze di inflazione globale

  • Borse asiatiche:
  • Il Brent è salito di oltre il 5% dopo che l’OPEC+ ha annunciato tagli all’offerta
  • Il Nikkei è in rialzo, ma i futures sulle azioni statunitensi scivolano
  • Il dollaro si è rafforzato con l’aumentare delle possibilità di un aumento della Fed a maggio

SYDNEY, 3 aprile (Reuters) – I prezzi del petrolio sono saliti lunedì dopo che l’Arabia Saudita e altri produttori OPEC+ hanno annunciato una tornata a sorpresa di tagli alla produzione, un segnale più rischioso per i giorni dell’inflazione globale dopo che i deboli dati sui prezzi statunitensi hanno rafforzato la fiducia del mercato.

I futures sul petrolio Brent sono saliti di $ 4,30 a $ 84,19 al barile, una riduzione di circa 1,16 milioni di barili al giorno, mentre il greggio statunitense è salito di $ 4,17 a $ 79,84.

Il cambiamento arriva prima di una riunione virtuale del gruppo ministeriale OPEC+, che comprende Arabia Saudita e Russia.

“L’impegno dei principali membri dell’OPEC+ ad aderire ai tagli alla produzione potrebbe essere più forte che in passato”, ha affermato Vivek Dhar, analista energetico presso CBA.

“Ciò significa che i mercati petroliferi potrebbero vedere un taglio dell’1% o più dell’offerta globale di petrolio a partire da maggio”.

L’ultimo taglio potrebbe spingere i prezzi del petrolio fino a 10 dollari al barile, ha detto domenica il capo della società di investimenti Pickering Energy Partners.

Goldman Sachs ha alzato le previsioni per il Brent a 95 dollari entro la fine dell’anno e a 100 dollari nel 2024.

“Il taglio a sorpresa di oggi è coerente con la nuova teoria OPEC+, in quanto possono operare senza perdite significative di quote di mercato”, ha affermato Goldman.

READ  I residenti di San Diego guardano stupiti mentre il razzo SpaceX fa oscillare il cielo della SoCal - NBC 7 San Diego

“Anche se sorprendente, questo taglio riflette importanti considerazioni economiche e potenzialmente politiche”.

Un aumento dei costi energetici ha parzialmente oscurato la lettura più lenta dell’argento per l’inflazione core degli Stati Uniti, che Wall Street ha visto una nota più forte alla fine del mese.

I futures S&P 500 sono scesi dello 0,3% lunedì, mentre i futures Nasdaq hanno perso lo 0,6%. I futures EUROSTOXX 50 hanno perso lo 0,1%, mentre i futures FTSE hanno guadagnato lo 0,1%.

L’indice più ampio di azioni dell’area Asia-Pacifico di MSCI al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) è ​​sceso dello 0,4%.

Le blue chip cinesi (.CSI300) sono aumentate dello 0,6% dopo che il sondaggio Caixin/S&P sui produttori ha mostrato un calo a sorpresa a 50,0 a marzo e contrastava con la forza vista nei sondaggi sui servizi la scorsa settimana.

Il Nikkei giapponese (.N225) è salito dello 0,3%, pur rimanendo al di sotto delle stime dei produttori.

Notizie migliori sono arrivate dall’ultima indagine manifatturiera della Bank of Japan, che è migliorata a 49,2 a marzo da 47,7 a febbraio, la contrazione più lenta da novembre.

Meno tagli di cibo

Lo shock per le aspettative di inflazione ha spinto i rendimenti dei Treasuries USA a due anni a salire di 4 punti base al 4,11%, mentre i future sui Fed funds hanno attenuato le aspettative di tagli dei tassi più avanti nel corso dell’anno.

Il mercato ha aumentato la probabilità di un aumento dei tassi della Federal Reserve di un quarto di punto al 61% a maggio, dal 48% di venerdì, e un taglio di 38 punti base entro la fine dell’anno.

È stato seguito da un guadagno del dollaro dello 0,5% a 133,44 contro lo yen giapponese, mentre l’euro è sceso di quasi lo 0,5% a 1,0789 dollari. L’aumento dei prezzi del petrolio è una cattiva notizia per la bilancia commerciale del Giappone, poiché importa la maggior parte della sua energia.

READ  Lancio del razzo SpaceX Falcon 9 Starlink 6-6

L’oro è sceso di quasi lo 0,9% a 1.950 dollari l’oncia, rafforzando il dollaro.

Le prospettive per le tariffe statunitensi potrebbero essere influenzate dai dati ISM sulla produzione e sui salari di questa settimana, anche se la reazione al rapporto sull’occupazione di venerdì sarà attenuata dalle vacanze di Pasqua.

Questa settimana le banche centrali in Australia e Nuova Zelanda tengono riunioni di politica monetaria, con quest’ultima che dovrebbe aumentare i tassi di un altro quarto di punto al 5,0%.

I mercati scommettono che la Reserve Bank of Australia (RBA) sospenderà la sua campagna di inasprimento dopo 10 aumenti consecutivi. ,

Segnalazione di Wayne Cole; Montaggio di Sri Navaratnam e Stephen Coates

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *