Il commercio cinese di gennaio-febbraio crolla di nuovo mentre la domanda globale rallenta

PECHINO, 7 marzo (Reuters) – Le esportazioni cinesi sono diminuite nel periodo gennaio-febbraio, indicando la continua debolezza della domanda estera e sostenendo le preoccupazioni del governo secondo cui un rallentamento globale potrebbe ostacolare la ripresa del Paese dai danni dell’era della pandemia.

Le importazioni sono diminuite, hanno mostrato i dati del governo martedì, riflettendo una domanda estera più debole poiché il paese ha importato parti e materiali per molte delle sue esportazioni.

“La domanda da lì dovrebbe continuare a indebolirsi data la maggiore inflazione negli Stati Uniti e in Europa, che smorza anche la domanda di trasformazione della Cina”, ha affermato Iris Pang, capo economista per la Grande Cina presso ING.

Le esportazioni di gennaio e febbraio sono state inferiori del 6,8% rispetto all’anno precedente, dopo un calo annuo del 9,9% registrato a dicembre. Tuttavia, il risultato è stato migliore dell’aspettativa media di un calo del 9,4% in un sondaggio Reuters.

Le importazioni sono state un debole 10,2%, un risultato peggiore rispetto a dicembre, in calo del 7,5% rispetto all’anno precedente. Hanno ampiamente mancato la stima del sondaggio di un calo del 5,5%.

“I dati arrivano come risultato del peggioramento della domanda di beni globali, non solo in Cina ma anche tra altri grandi esportatori asiatici come la Corea del Sud e il Vietnam”, ha detto l’economista Xu Tianchen, citando altri dati recenti dell’Economist Intelligence Unit.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Grafica Reuters

Un calo del 26,5% delle importazioni cinesi di semiconduttori indica un mercato in contrazione per le esportazioni di elettronica di consumo utilizzata per realizzare tali componenti.

La Cina ha fissato un obiettivo per la crescita del prodotto interno lordo (PIL) quest’anno dopo che le dure restrizioni dovute alla pandemia hanno spinto l’economia a uno dei tassi più bassi degli ultimi decenni lo scorso anno. Il PIL dello scorso anno è aumentato solo del 3% nel 2021.

READ  Trattando generosamente Macron, il cinese Xi ha incitato la Francia a "opporsi" agli Stati Uniti

Il ministro del Commercio Wang Wentao ha avvertito giovedì che la pressione al ribasso sulle importazioni e sulle esportazioni cinesi aumenterà in modo significativo quest’anno a causa del rischio di un rallentamento globale e dell’indebolimento della domanda esterna.

“In termini di dollari, le importazioni sono diminuite più delle esportazioni, indicando una domanda più debole sia nei mercati interni che in quelli esteri”, ha affermato Dan Wang, capo economista della Hong Cheng Bank China.

I dati hanno fatto scendere le azioni di Hong Kong e della Cina continentale, cancellando i guadagni precedenti. L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,33% negli scambi pomeridiani, mentre l’indice delle blue chip cinesi CSI300 è stato dell’1,46%.

Le importazioni cinesi di carbone e soia sono aumentate rispetto a un anno fa, mentre le importazioni di greggio sono diminuite dell’1,3%. Le importazioni di gas naturale sono diminuite del 9,4%.

Le esportazioni verso gli Stati Uniti sono diminuite del 21,8%, mentre le importazioni dagli Stati Uniti sono diminuite del 5%. Le esportazioni verso l’UE sono diminuite del 12,2%, mentre le importazioni sono diminuite del 5,5%.

La dogana combina i dati commerciali di gennaio e febbraio per appianare le distorsioni causate dalla tempistica del capodanno lunare, che quest’anno cade a gennaio.

Gli economisti si aspettano che le importazioni si riprendano gradualmente con il ritorno della fiducia dei consumatori dopo la revoca delle restrizioni COVID-19 a dicembre, ma affermano che il rallentamento all’estero potrebbe anche ridurre il volume delle merci in arrivo in Cina.

L’attività manifatturiera è cresciuta al ritmo più veloce in più di un decennio a febbraio, i dati del National Bureau of Statistics hanno mostrato la scorsa settimana, dando speranza agli economisti.

READ  Lo studio del CDC avverte di un "drammatico aumento" del fungo mortale negli Stati Uniti

I dati sull’attività industriale di altre economie asiatiche per febbraio sono stati molto più deboli, tuttavia, rafforzando l’opinione secondo cui le condizioni all’estero sono più modeste.

Rapporto di Joe Cash ed Ellen Zhang; Montaggio di Bradley Perrett

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *