Il PP conservatore spagnolo batte i socialisti alle elezioni regionali

MADRID, 28 maggio (Reuters) – I socialisti al potere in Spagna hanno subito una schiacciante sconfitta contro i conservatori dell’opposizione alle elezioni locali di domenica, con circa il 95% dei voti contati, a dimostrazione della loro vulnerabilità elettorale in vista delle elezioni generali di fine anno.

Solo tre delle 12 regioni in cui si terranno le elezioni manterranno il dominio socialista con margini ristretti, mentre il resto andrà al Partito popolare conservatore, anche se con alleanze o accordi di sostegno informali con il partito di estrema destra Vox.

Ignacio Jurado, professore di scienze politiche all’Università Carlos III, ha affermato che “la mappa sta cambiando completamente e il nuovo leader del PP – Alberto Núñez Feijo – è incoraggiante”.

Le vittorie del Partito popolare (PP) indicano che i conservatori potrebbero spodestare l’attuale coalizione di sinistra guidata dal Partido Socialista Obrero Español (PSOE) se rispecchiassero la loro performance nelle elezioni nazionali entro dicembre.

I conteggi hanno mostrato poche maggioranze chiare, ad eccezione della leader regionale del PP Isabel Díaz Ayuzo che ha vinto la rielezione con la maggioranza assoluta nella regione di Madrid.

“L’ala destra si sta espandendo nei sondaggi, ma non in modo drammatico. Ma l’oscillazione è sufficiente per spostare il baricentro da sinistra a destra”, ha detto Jurado.

Le principali battute d’arresto per i socialisti vennero dalle perdite a Valencia, Aragona e Isole Baleari, così come nella regione spagnola sudoccidentale dell’Estremadura, il più importante paese socialista.

“Lo tsunami che oggi ha colpito tutte le regioni spagnole ci ha sconvolti”, ha detto Javier Lampán, presidente socialista uscente dell’Aragona, in una conferenza stampa dove ha ammesso la sconfitta.

READ  Google ora ti consente di accedere al tuo account con passkey anziché password

La leadership nelle Isole Canarie sarà determinata dagli accordi, ma il PSOE ha poche possibilità di mantenere il potere.

La portavoce del PSOE Pilar Alegria ha dichiarato in una conferenza stampa che i risultati non sono stati “quelli che ci aspettavamo”.

Nelle grandi città come Valencia e Siviglia, dove sono stati eletti anche i sindaci, i numeri si sono spostati a favore del PP, che ha ottenuto la maggioranza assoluta a Madrid.

Barcellona era un’eccezione tra le grandi città, con un partito indipendentista che vinceva con un margine ristretto, che necessitava di un accordo con i socialisti per estromettere il sindaco in carica, l’estrema sinistra Ada Cola.

La campagna è stata segnata da diverse polemiche, dalle accuse di frode elettorale nelle piccole città a un caso di rapimento senza precedenti.

Il conteggio mostra un ritorno a un sistema bipartitico dominato dal PSOE e dal PP dopo un decennio di maggiore partecipazione di partiti minori come Podemos e Ciudadanos di sinistra.

Reportage di Jessica Jones e Belen Carreno; Di Jessica Jones; Montaggio di Hugh Lawson, Howard Koller e Deepa Babington

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Belen Carreno

Thomson Reuters

Rapporti su politica ed economia in Spagna. È anche direttore della rivista Reuters Next. Negli ultimi 20 anni è stato giornalista finanziario e redattore aziendale per diversi punti vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *