Il primo ministro slovacco Robert Fico “più vicino a una prognosi positiva”

  • Di Kathryn Armstrong
  • notizie della BBC

didascalia dell’immagine, Robert Figo è stato colpito più volte a distanza ravvicinata da quello che le autorità dicono fosse un uomo armato “lupo solitario”.

Il primo ministro slovacco continua ad avvicinarsi ad una “prognosi positiva” dopo un ulteriore intervento chirurgico, afferma il vicepresidente del paese.

Robert Figo, 59 anni, è stato ferito a morte mercoledì in una sparatoria nella cittadina di Handlova.

Attualmente versa in condizioni gravi ma stabili. È improbabile che venga trasferito di nuovo a Bratislava nei prossimi giorni, hanno detto i funzionari.

Intanto in tribunale è comparso l’uomo accusato di tentato omicidio.

Secondo un portavoce della corte, ha stabilito che sarà detenuto in attesa del processo.

Il presunto aggressore non è stato formalmente nominato, ma i rapporti slovacchi lo identificano ampiamente come un uomo di 71 anni della città di Levis.

Il vice primo ministro Robert Kalinak ha dichiarato sabato che varie procedure mediche intraprese da Figo “stanno iniziando a dare i loro frutti” e che non avrà bisogno di assumere formalmente le sue funzioni ufficiali.

Ha detto che grazie agli sforzi del personale medico sono accaduti “molti miracoli” nell’ospedale dove era ricoverato il Primo Ministro.

“Non riesco a trovare parole di gratitudine per il fatto che ci stiamo avvicinando costantemente a quella prognosi positiva”, ha aggiunto.

Tuttavia, Kalinak ha affermato che le condizioni del primo ministro sono ancora “davvero gravi”.

“Naturalmente ciò non consente che tale scambio possa avvenire nel prossimo futuro, cioè alla fine della settimana.”

Ha subito diversi interventi chirurgici, incluso uno recente per rimuovere i tessuti morti.

Il ministro dell’Interno Matus Sudaj Estok ha dichiarato giovedì che il sospettato dell’omicidio di Fico aveva agito da solo e aveva precedentemente partecipato a proteste antigovernative.

L’attacco ha lasciato la Slovacchia tesa e profondamente polarizzata. Il vice primo ministro Robert Kalinak ha invitato il Paese a intraprendere un percorso di tolleranza, accusando l’opposizione e i media di incitare all’odio.

Dopo le elezioni in Slovacchia dello scorso settembre, Fico è tornato al potere a capo di una coalizione populista-nazionalista.

Fico è stato costretto a dimettersi in mezzo a massicce proteste.

La sua rielezione è stata un grande ritorno ottenuto su una piattaforma che includeva la promessa di porre fine agli aiuti militari a Kiev e alle ambizioni della NATO dell’Ucraina e altra retorica che ricorda più Mosca che Bruxelles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *