Il teatro “si rammarica” ​​dei commenti di Richard Dreyfuss all’evento “Jazz”.

Un teatro del Massachusetts ha espresso “rammarico” per i commenti fatti dall’attore Richard Dreyfuss durante la proiezione di apertura estiva di “Lo Squalo”.

Dreyfus è apparso sabato per una sessione di domande e risposte al Cabot Theatre di Beverly come parte della proiezione del film di successo del 1975 diretto da Steven Spielberg.

Testimoni sui social media hanno affermato che ha affrontato argomenti che vanno da Barbra Streisand alle persone transgender alle donne, il direttore esecutivo di Capote J. Casey Soward ha dichiarato lunedì in una dichiarazione che “non riflette i valori di inclusione e rispetto che sposiamo come organizzazione”.

Il video verificato da NBC News mostra Dreyfus che appare sul palco con un costume rotto che viene rimosso dagli addetti al palco, usando pantaloni, una camicia, una giacca e un bastone.

La Dreyfus Initiative, un’organizzazione no-profit di Encinitas, California, dedita al rafforzamento dell’educazione civica negli Stati Uniti, non ha risposto immediatamente alle e-mail e a una telefonata in cerca di commenti lunedì, un giorno festivo.

L’evento tutto esaurito è stato pubblicizzato come “Una serata con Richard Dreyfuss + Jazz Screening”. Il teatro si trova a 23 miglia a nord di Boston. “Jazz” era ambientato a Martha’s Vineyard nel Massachusetts, a circa 120 miglia a sud di Beverly.

Intervistato dal pubblico Il Globo di Boston Hanno detto di aver pagato $ 300 ciascuno per i biglietti che includevano un incontro con Dreyfuss, ma sono rimasti sgomenti quando ha denigrato le donne nel film, il movimento MeToo e i diritti LGBTQ. Sarah Hawke ha detto al giornale che i commenti sulle persone transgender l’hanno spinta a fare coming out con il suo partner.

READ  CDC apre un'indagine dopo 35 test positivi per Covid a seguito della conferenza CDC

In una dichiarazione del Cabot Theatre, Soward ha affermato che il locale “condivide serie preoccupazioni” in seguito al recente incidente con Richard Dreyfuss.

Ha continuato: “Siamo profondamente dispiaciuti per il disagio che ciò ha causato a così tanti dei nostri sostenitori. Ci rammarichiamo che un evento che doveva essere una conversazione per celebrare un film iconico sia diventato una piattaforma per opinioni politiche”.

Dreyfuss, 76 anni, è stato fonte di commenti controversi negli ultimi anni, in particolare la sua risposta all’annuncio degli Academy Awards dello scorso anno secondo cui le candidature agli Oscar devono soddisfare determinati standard di diversità e inclusione.

“Nessuno dovrebbe dirmi come artista che devo cedere all’idea più recente e attuale di cosa sia la moralità”, ha detto in “Firing Line with Margaret Hoover” della PBS.

I commenti di sabato hanno suscitato critiche e sostegno. Un membro del pubblico ha detto che stava facendo eco a un commento su Facebook, classificato l’evento “Una serata di misoginia e omofobia con Richard Dreyfuss.”

Nato a New York City, cresciuto a Beverly Hills, in California e residente nella contea di San Diego, Dreyfus ha avuto un ruolo da protagonista nel film del 1973 “American Graffiti”. Ma la sua interpretazione di un biologo marino nell’ultimo film estivo, “Lo squalo”, lo ha reso uno dei migliori attori di Hollywood.

Dreyfus ha utilizzato alcuni dei suoi crediti cinematografici per criticare lo stato dell’istruzione e della politica negli Stati Uniti e per sostenere “la privacy, la libertà di parola, la democrazia e la responsabilità individuale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *