Jones: La fine dell’era di Daniel Snyder offre ai fan di Commanders una nuova, vera speranza per il futuro

La notizia che i tifosi di Washington avevano tanto desiderato, chiedendosi se sarebbero vissuti abbastanza per sentirla, è finalmente arrivata giovedì pomeriggio.

Daniel Snyder – odiato dalla maggior parte dei sostenitori della sua squadra di calcio (attuali ed ex) – si sta avvicinando a un accordo per vendere i comandanti a un gruppo guidato dal co-proprietario dei Philadelphia 76ers Josh Harris e dall’NBA Hall of Famer Magic Johnson. 6,05 miliardi di dollari.

Le bande musicali e da ballo non intasano solo le strade ei marciapiedi di Washington, DC e delle aree circostanti, ma potrebbero anche farlo. I 24 anni di proprietà dell’orologio da parte di Snyder sono stati miserabili, tristemente inetti e segnati da numerose epiche delusioni e imbarazzi. Il 13 aprile 2023 potrebbe essere ridotto a una vacanza annuale al DMV.

I fan di Washington sanno molto di Harris. Non hanno sentito la visione che lui ei suoi alleati, incluso Johnson, avevano per la proprietà. Ma ai fedeli del bordeaux e dell’oro non importa. La notizia dell’imminente partenza di Snyder porta alla compagnia la versione più autentica della speranza che questa base di fan abbia vissuto da molto tempo.

Vai più a fondo

Josh Harris, chi sarà presto il nuovo proprietario di Commanders?

I fan di Washington sanno tutto sulla speranza. Snyder ha venduto molto nelle ultime 24 stagioni. Ma la speranza è sempre falsa a causa dell’ego e dell’incompetenza di Snyder.

Snyder ha licenziato un comprovato costruttore di roster in Charlie Casserly e poi ha giocato a fantacalcio, portando un futuro Hall of Famer altamente pagato ea lungo termine per iniziare il suo regno. Ma quelle mosse hanno minato i progressi che l’azienda aveva iniziato a mettere insieme durante la sua prima era post-Joe Gibbs.

READ  Il consiglio di Joel Embiid a James Harden in difficoltà: "Sii aggressivo"

La proprietà ha venduto di nuovo la speranza dopo una stagione assumendo un allenatore di grande nome, Marty Schottenheimer, perché Snyder sicuramente sapeva di più su come gestire una squadra.

La speranza è poi arrivata sotto forma dell’allenatore del college Steve Spurrier, che non è riuscito a uscire da un sacchetto di carta bagnato nella NFL.

C’è stato l’esilarante esperimento di Jim Zorn che non sarebbe mai dovuto accadere.

Altre speranze sono arrivate dopo l’arrivo di un altro futuro Hall of Famer in Mike Shanahan, un altro allenatore che ha lasciato la città dopo che Snyder ha avvelenato il rapporto tra Shanahan e il pregiato debuttante Robert Griffin III. Anche il mandato inefficace di Jay Gruden (un’altra corsa segnata dalle mosse ingerenti di Snyder) fallì.

L’unica mossa positiva fatta da Snyder è stata quella di attirare Gibbs fuori dal ritiro per allenare nuovamente la squadra dal 2004 al 2007 e rimanere abbastanza lontano da raggiungere i playoff due volte in quel periodo di quattro anni.

Ma nel complesso, da quando ha acquistato la squadra dalla tenuta di Jack Kent Cooke, l’unica cosa che Snyder è riuscito a fare è gestire la franchigia sul campo.

Quanti acquisti di free agent proibitivi, costosi e inappropriati o acquisizioni commerciali hanno avuto luogo? Quante pregiate scelte al draft sono state sprecate? Quante lotte di potere ha vinto Snyder a scapito del progresso? Quante polemiche fuori dal campo sono state nascoste e deviate per impedire ad allenatori e giocatori di raggiungere il loro vero potenziale?

Ecco una linea imbarazzante per te: il mandato di Snyder consisteva in 10 head coach, 27 quarterback titolari. Solo una volta la squadra di Snyder è riuscita a mettere insieme stagioni vincenti consecutive, appena (9-7 e 8-7-1 nel 2015 e 2016).

READ  Elezioni della Corte Suprema del Wisconsin 2023: risultati in tempo reale

Una franchigia che ha vinto tre Super Bowls con tre quarterback dal 1982 al 1991 e si è classificata tra i roster più rispettati dell’intera NFL si è deteriorata in una soap opera da clown che ha raccolto solo sei stagioni vincenti e sei apparizioni ai playoff con Snyder dal 1999. 2022.

Ma non si tratta di fallimento. Molte squadre intraprendono viaggi nella foresta lunghi e senza meta. Ma nessuno lo ha fatto mentre la sua leadership si è comportata con tale arroganza e palese disprezzo per la pubblica decenza.

Snyder – così insicuro, chiama tutti “Mr. Snyder” e proibisce ai dipendenti di guardarlo negli occhi mentre camminano lungo il corridoio – nessuno.

Ha sminuito e alienato alcuni dei suoi franchise più amati. Ha fatto causa ai suoi stessi abbonati. La libertà di parola è stata soppressa vietando i simboli. I media lo hanno incolpato travisando i suoi difetti. Oh, e non dimenticare le irregolarità finanziarie che hanno messo Snyder in acqua calda con altri proprietari e giurisdizioni multiple.

Ha anche favorito un ambiente tossico aggravato dalle accuse di cattiva condotta sessuale.

Vai più a fondo

Dan Snyder Timeline: il proprietario del contratto per vendere i comandanti a Josh Harris

La maggior parte dei fan ha trovato impossibile apprezzare Snyder e chi potrebbe biasimarli? Alcuni hanno scelto di andarsene. Altri cercarono di dargli il beneficio del dubbio, ma anche loro si stancarono delle infinite polemiche e della sua vendicatività.

Ma ora, Snyder sta uscendo con grazia dalla porta.

Quella partenza porta sollievo e speranza.

Perché? Perché i fan di Washington sono convinti che le cose non possano andare peggio. Hanno sopportato tutto, nonostante Sneijder si aggrappasse a un briciolo di speranza che la sua squadra tornasse alla rispettabilità, senza mai avere la minima idea di come guidare in modo efficace.

READ  L'esercizio fisico riduce il rischio genetico di diabete di tipo 2

Ma ora arrivano Harris e compagnia, che hanno esperienza nella gestione di franchise professionistiche in più sport e leghe e godono del rispetto dei loro coetanei, cosa che certamente non si può dire di Snyder.

Molte domande sorgono prima che qualcuno possa fare qualsiasi tipo di dichiarazione o profezia sul nuovo gruppo come vero. Ma il fetore associato a Snyder è sparito. In definitiva, la speranza è che l’organizzazione operi come un’operazione di prima classe, pur essendo guidata da un leader con una visione chiara.

Il cambiamento, ovviamente, richiede tempo.

Il presidente del team Jason Wright ha trascorso gli ultimi due anni e mezzo cercando di annullare tutti i danni che Snyder aveva fatto. Decenni. Ma c’è ancora tanta strada da fare.

Tuttavia, il vero primo passo verso un domani più luminoso è finalmente arrivato. Per una volta, le prospettive sono plausibili – a differenza di tutto il resto in passato, “se Snyder non rovina tutto” la maggior parte del franchise segue qualunque nuova direzione prenda.

Il maestro dell’auto-sabotaggio porta con sé le nuvole oscure che indugiano da anni. Ora i raggi della speranza stanno finalmente iniziando a fare capolino.

(Foto: Tony L. Sandys/Washington Post via Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *