La Cina si fa beffe delle affermazioni dell’FBI che la fuga di notizie dal laboratorio di Wuhan potrebbe aver causato la pandemia di Covid

WASHINGTON, 1 marzo (Reuters) – L’FBI ha valutato che una fuga di notizie da un laboratorio nella città cinese centrale di Wuhan potrebbe aver causato la pandemia di Covid-19, ha detto martedì il direttore Christopher Wray, aggiungendo che la Cina “non ha credibilità”.

“L’FBI ha valutato da tempo che l’origine dell’epidemia fosse molto probabilmente un possibile incidente di laboratorio a Wuhan”, ha detto Ray a Fox News.

I suoi commenti hanno fatto seguito a un rapporto del Wall Street Journal di domenica secondo cui il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti aveva valutato con scarsa fiducia che l’epidemia fosse il risultato di una perdita di laboratorio involontaria in Cina.

Altre quattro agenzie, insieme alla National Investigation Agency, stanno ancora decidendo che l’epidemia potrebbe essere stata il risultato di una diffusione naturale, e due sono indecise, ha riferito il Journal.

Il portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha dichiarato lunedì che il governo degli Stati Uniti non ha raggiunto una conclusione definitiva e un consenso sull’origine della pandemia.

Il direttore del Federal Bureau of Investigation (FBI) Christopher Wray testimonia davanti al Comitato per la sicurezza interna della Camera sulle “minacce globali alla patria” a Capitol Hill a Washington, Stati Uniti, il 15 novembre 2022. REUTERS/Michael A. McCoy

La Cina ha condannato i commenti di Wray mercoledì, affermando di opporsi fermamente a qualsiasi “manipolazione politica” dei fatti.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

“Sulla base dello scarso record di frodi e inganni della comunità dell’intelligence statunitense, le loro decisioni mancano di credibilità”, ha detto ai giornalisti a Pechino il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning.

“… Esortiamo gli Stati Uniti a rispettare la scienza e i fatti”.

Molti dettagli della valutazione dell’agenzia non possono essere condivisi perché sono classificati, ha detto Ray.

Ha accusato il governo cinese di “fare tutto il possibile per bloccare e offuscare” gli sforzi degli Stati Uniti e di altri per saperne di più sulle origini dell’epidemia.

READ  Incidente ferroviario in India: oltre 260 morti nell'incidente di Odisha

Il virus è stato identificato per la prima volta a Wuhan nel dicembre 2019, si è diffuso in tutto il mondo e ha ucciso quasi 7 milioni di persone.

Rapporto di Eric Beach; Montaggio di Dan Whitcomb e Nick MacPhee

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *