La Corea del Nord tenta di lanciare un satellite spaziale; Allerte revocate in Giappone e Corea

SEOUL/TOKYO, 31 maggio (Reuters) – L’esercito della Corea del Sud ha dichiarato di aver tentato mercoledì di lanciare un satellite spaziale nordcoreano sull’oceano, mentre la Corea del Nord dotata di armi nucleari cerca di prendere piede nella corsa allo spazio regionale. .

Il lancio ha provocato avvisi di emergenza e brevi avvisi di evacuazione in alcune parti della Corea del Sud e del Giappone, che in seguito non hanno segnalato alcun pericolo o danno.

L’esercito della Corea del Sud ha detto che stava ancora indagando sul successo del lancio, e i media in Corea del Sud e Giappone hanno affermato che i loro governi stavano indagando sulla possibilità che fosse fallito. I media statali nordcoreani non hanno rilasciato immediatamente il missile.

La Corea del Nord ha dichiarato che lancerà il suo primo satellite spia militare tra il 31 maggio e l’11 giugno per aumentare il monitoraggio delle operazioni militari statunitensi.

Si unisce a una corsa allo spazio sempre più accesa nella regione. La scorsa settimana la Corea del Sud ha messo in orbita i satelliti su un razzo progettato e prodotto internamente per la prima volta, e la Cina ha inviato martedì tre astronauti alla sua stazione spaziale ora pienamente operativa come parte di una rotazione dell’equipaggio.

“Indipendentemente dal fatto che l’attuale missione satellitare della Corea del Nord abbia successo o meno, ci si può aspettare che Pyongyang scateni propaganda politica sulle sue capacità spaziali e retorica diplomatica volta a creare un cuneo tra Seoul e Tokyo”, ha affermato Leif-Eric Easley in uno studio internazionale. Professore alla Ewha University, Seoul.

READ  Elezioni in Russia: un sondaggio organizzato potrebbe dare a Putin un altro mandato

Vengono emessi avvisi

Nei dati forniti alle autorità internazionali, la Corea del Nord ha affermato che il lancio avrebbe portato il razzo a sud, con vari stadi e altri detriti che dovrebbero cadere nel Mar Giallo e nell’Oceano Pacifico.

Le sirene dei raid aerei hanno ululato nella capitale sudcoreana di Seoul alle 6:32 (2132 GMT di martedì). Gli avvisi in seguito hanno riferito che l’avviso della città era stato inviato per errore.

Mercoledì scorso il governo giapponese ha emesso un avviso di emergenza ai residenti della prefettura meridionale di Okinawa attraverso il suo sistema di trasmissione J-Alert. Il governo ha avvertito i residenti di rimanere in casa se sono fuori.

Successivamente ha affermato che il missile non sarebbe volato nel territorio del Giappone e ha revocato l’avvertimento.

Tecnologia missilistica

Martedì, Ri Pyong Chol, vicepresidente della Commissione militare centrale del Partito dei lavoratori al governo della Corea del Nord, ha affermato che Pyongyang “ha bisogno della capacità di raccogliere informazioni sulle operazioni militari” per le esercitazioni militari congiunte in corso tra Stati Uniti e Corea del Sud. nemico in tempo reale.”

Prima del lancio di mercoledì, il Dipartimento di Stato americano ha affermato che qualsiasi lancio nordcoreano che utilizza la tecnologia dei missili balistici violerebbe diverse risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

“I veicoli di lancio spaziale (SLV) incorporano tecnologie simili e intercambiabili con quelle utilizzate nei missili balistici, compresi i missili balistici intercontinentali”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato.

La Corea del Nord ha già tentato cinque lanci di satelliti, mettendo in orbita due satelliti, durante il suo ultimo lancio nel 2016. Tuttavia, la sua capacità di costruire satelliti funzionanti non è stata dimostrata, affermano i ricercatori.

READ  Guerra Russia-Ucraina: ultimi aggiornamenti - The New York Times

“A nostra conoscenza, la Corea del Nord ha pochissime capacità di costruire satelliti”, ha affermato Brian Weeden della Secure World Foundation, un’organizzazione con sede negli Stati Uniti per la politica spaziale e la difesa.Non sembra avere un potenziale significativo”.

Reportage di Hyonhee Shin, Ju-min Park e Josh Smith a Seoul e Chang-Ran Kim a Tokyo; Reportage aggiuntivo di David Brunstrom a Washington; Montaggio di Chris Rees e Sonali Paul

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *