La distensione saudita-iraniana: una battuta d’arresto per Israele e un risveglio nelle relazioni con gli Stati Uniti

GERUSALEMME, 12 mar (Reuters) – Gli ostaggi sauditi-iraniani hanno assestato un duro colpo agli sforzi del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu per isolare Teheran.

Una preoccupazione più urgente per Israele, sostengono alcuni esperti, è che l’accordo mediato dalla Cina di venerdì tra le maggiori potenze musulmane sunnite e sciite segna l’arrivo degli Stati Uniti nella regione quando il governo Netanyahu ne ha più bisogno.

Un funzionario israeliano, che non ha voluto essere nominato, ha descritto il processo come un processo non sorprendente e preliminare che non avrebbe impedito alcun progresso parallelo verso la normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita. Dopotutto, Israele si è avvicinato agli Emirati Arabi Uniti nonostante il coinvolgimento di Abu Dhabi a Teheran.

Nel frattempo, Israele continua a fare velate minacce di colpire da solo l’Iran se la diplomazia nucleare sarà ritenuta a un punto morto.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Ma tutti gli scenari dipendono ancora da Washington, un sostenitore degli accordi di pace arabo-israeliani e un alleato dolce e protettivo che detesterebbe attraversare Israele se mostra il semaforo rosso per un’azione militare.

Questo è un colpo brillante da parte di Cina e Iran per ridurre il default saudita-statunitense e saudita-israeliano. Aiuta a salvare Teheran dal freddo e mina gli sforzi di Stati Uniti e Israele per costruire un’alleanza regionale per contrastare l’Iran. fabbricare armi nucleari”, ha dichiarato Mark Dubowitz, amministratore delegato della Foundation for the Defense of Democracies a Washington.

Tuttavia, ci sono tensioni non correlate nell’alleanza israelo-americana. L’amministrazione democratica del presidente Joe Biden, che deve ancora invitare Netanyahu alla Casa Bianca, ha espresso una preoccupazione insolitamente forte per la sua alleanza religioso-nazionalista.

READ  USWNT sconfigge il Vietnam per aprire la Coppa del Mondo femminile 2023: NPR

Netanyahu è stato circondato da manifestazioni di massa senza precedenti in Israele contro le sue riforme giudiziarie. Le proteste hanno incluso l’impegno di alcuni aviatori a non presentarsi per l’addestramento, segnale che la prontezza al combattimento e il morale sono stati scossi.

Una sveglia

Amos Yadlin, un ex capo dell’intelligence militare sotto Netanyahu, ha affermato che la situazione di stallo saudita-iraniana dovrebbe essere un campanello d’allarme.

“L’attenzione del governo su una revisione giudiziaria che frammenterà la nazione e indebolirà Israele in tutte le dimensioni riflette una profonda disconnessione tra Netanyahu e le tendenze geopolitiche internazionali”, ha affermato Yadlin su Twitter.

Accusando Netanyahu di “arrecare un danno straordinario alla nostra sicurezza nazionale”, Yadlin ha detto che dovrebbe abbandonare le riforme – che i critici definiscono un tentativo di soggiogare i tribunali al governo – e collaborare strettamente con Biden su come costruire e gestire congiuntamente israelo-saudita cravatte. Il programma nucleare iraniano.

Yadlin – uno dei piloti che hanno bombardato il reattore nucleare iracheno nel 1981 e servito come alto generale durante l’attacco israeliano del 2007 a un presunto reattore nucleare in Siria – non può risparmiare gran parte della capacità di Israele di andare da solo contro l’Iran. sono distanti, dispersi e custoditi.

Allo stesso modo, l’ex ministro della difesa di Netanyahu Ehud Barak, diventato commentatore politico, ha descritto l’Iran come “in marcia con fiducia verso il diventare uno stato de facto di entrata nucleare”.

“Il coordinamento USA-Israele sembra essere forte nel settore della sicurezza, ma debole e bisognoso di cambiamento nel settore criminale”, ha scritto nel quotidiano Yedioth Ahronoth.

L’Iran nega di cercare armi nucleari.

READ  Guadagni di Charles Schwab: cosa guardare

Eitan Ben-David, l’ex vice consigliere per la sicurezza nazionale di Netanyahu, ha affermato che Israele sta sviluppando la sua capacità di intraprendere la necessaria azione militare unilaterale, dando priorità secondaria ai partenariati statunitensi e alle potenziali alleanze del Golfo Arabo.

L’Arabia Saudita era consapevole dell’importante ruolo degli Stati Uniti nella regione e del valore delle relazioni bilaterali con Israele, ha affermato.

“Oggi c’è un serio sforzo per approfondire, rinnovare e far progredire queste relazioni – con il coinvolgimento americano, ovviamente, ma anche direttamente”, ha detto Ben-David alla radio pubblica israeliana Khan.

Il New York Times ha riferito durante il fine settimana che in cambio della normalizzazione dei legami con Israele, Riyadh vuole aiuto per costruire un programma nucleare civile e meno restrizioni sugli acquisti di armi statunitensi.

Yadlin ha messo in guardia contro Netanyahu, politicizzato internamente e in contrasto con la Casa Bianca, che cede a tali richieste, “nella sua audacia di trattare il piano di pace saudita come un’impresa”.

L’ufficio stampa del governo saudita non ha risposto immediatamente alla richiesta di Reuters di commentare il rapporto del New York Times. L’Arabia Saudita ha collegato qualsiasi mossa del regno per normalizzare le relazioni con Israele alla risoluzione degli obiettivi dello stato palestinese.

Da parte sua, venerdì la Casa Bianca sembrava minimizzare il coinvolgimento della Cina nello sviluppo. Il suo portavoce per la sicurezza nazionale, John Kirby, ha affermato che la Casa Bianca ritiene che le pressioni interne ed esterne, inclusa l’efficace deterrenza dell’Arabia Saudita contro gli attacchi dell’Iran o dei suoi delegati, alla fine abbiano portato Teheran al tavolo.

READ  Barca di migranti: i parenti cercano i propri cari poiché si temono centinaia di morti

Scritto da Dan Williams, a cura di William McLean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *