La First Republic Bank ha perso 102 miliardi di dollari in depositi dei clienti

La First Republic Bank, il prestatore statunitense più travagliato dalla crisi bancaria del mese scorso, lunedì ha rivelato i cupi dettagli di quanto siano travagliati i suoi affari – e nient’altro.

Nel tanto atteso primo aggiornamento della banca agli investitori da quando è entrata in caduta libera nell’ultimo mese e mezzo, i suoi leader non hanno detto molto. In una teleconferenza con gli analisti di Wall Street per discutere i risultati del primo trimestre, i dirigenti della banca hanno fornito solo 10 minuti di osservazioni preparate e si sono rifiutati di rispondere a domande, dando agli investitori e al pubblico poche risposte su come uscire dalla stasi.

Una cosa è certa: la banca, che si rivolge a clienti facoltosi lungo la costa, è appesa a un filo. Nel primo trimestre, ha perso un drammatico $ 102 miliardi di depositi dei clienti – più della metà dei $ 176 miliardi che deteneva alla fine dello scorso anno – senza contare la temporanea ancora di salvezza di $ 30 miliardi che ha ricevuto dalle maggiori banche della nazione il mese scorso.

First Republic ha riportato un utile trimestrale di 269 milioni di dollari, in calo di un terzo rispetto all’anno precedente. Le sue azioni sono diminuite del 15% nel trading esteso dopo il rilascio dei suoi risultati.

La banca ha affermato che i deflussi di depositi si sono in gran parte fermati nell’ultima settimana di marzo. Tra il 31 marzo e il 21 aprile, la banca ha dichiarato di aver perso solo l’1,7% dei suoi depositi, la maggior parte dei quali era legata al pagamento delle tasse da parte dei suoi clienti.

READ  Traffico bloccato sul ponte di Crimea, segnalazioni di bombe

La scivolata della banca è iniziata quasi sei settimane fa, quando gli istituti di credito di medie dimensioni Silicon Valley Bank e Signature Bank sono stati rilevati dalle autorità di regolamentazione federali dopo che i clienti hanno ritirato grandi quantità dei loro depositi. La First Republic, con sede a San Francisco, è stata ampiamente vista come il prossimo istituto di credito che probabilmente fallirà perché aveva tanti clienti quanto la Silicon Valley Bank e molti dei suoi conti contenevano più del limite di $ 250.000. Per l’assicurazione sui depositi federali.

Le azioni di First Republic sono aumentate di oltre il 10% lunedì prima del rapporto sugli utili, ma sono diminuite di oltre l’85% da metà marzo.

First Republic ha negoziato con consulenti finanziari e funzionari governativi per elaborare un piano per salvarsi che potrebbe comportare la vendita della banca o parti di essa o la raccolta di nuovo capitale.

Rimane ancora molto da fare. La banca ha dichiarato lunedì che taglierà un quarto della sua forza lavoro e ridurrà i compensi dei dirigenti di un importo non specificato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *