La missione JUICE sarà presto lanciata nei mondi oceanici ghiacciati di Giove

(CNN) L’Agenzia spaziale europea sta per inviare un veicolo spaziale per esplorare Giove e le sue tre lune più grandi e intriganti.

La missione Jupiter IC Moons Explorer, o JUICE, avrebbe dovuto essere lanciata giovedì alle 8:15 ET su un razzo Ariane 5 dallo spazioporto europeo di Gouro, nella Guyana francese. Ma una minaccia fulminea ha ritardato il lancio, che è stato riprogrammato per venerdì alle 8:14 ET.

Guarda l’uscita in diretta Il sito web dell’ESA O Canale Youtube.

Dopo il lancio, la navicella si separerà dal razzo Ariane 5 28 minuti dopo. Nei successivi 17 giorni, Juice dispiegherà i suoi pannelli solari, antenne e altre apparecchiature, seguiti da tre mesi di test e preparazione delle apparecchiature.

I bambini di tutto il mondo hanno condiviso opere d’arte ispirate ai succhi due anni fa. L’opera d’arte di Yarina, una bambina di dieci anni, ha vinto il concorso per diventare il logo della missione ed è stata aggiunta al muso del razzo che trasporta il succo.

Ci vogliono otto anni perché il succo raggiunga Giove, il pianeta più grande del nostro sistema solare. Durante il suo lungo viaggio, la navicella sorvolerà la Terra, la nostra Luna e Venere usando alcune fionde gravitazionali per facilitare il viaggio.

Interattivo: la ricerca della vita nel nostro sistema solare

Una volta che Zeus arriverà su Giove nel luglio 2031, il veicolo spaziale trascorrerà circa tre anni e mezzo in orbita attorno al gigante gassoso e sorvolerà le sue tre lune, Ganimede, Callisto ed Europa. Alla fine della missione, Juice si concentrerà esclusivamente sull’orbita di Ganimede, diventando così il primo veicolo spaziale a orbitare attorno a una luna nel sistema solare esterno.

Un’illustrazione raffigura la linfa in viaggio verso Giove.

Ganimede, Callisto ed Europa sono mondi coperti di ghiaccio che potrebbero avere oceani sotterranei che potrebbero ospitare la vita.

Nel frattempo, la NASA Missione Europa ClipperLanciato nel 2024, dovrebbe raggiungere Giove nell’aprile 2030 e condurre quasi 50 passaggi ravvicinati di Europa, raggiungendo infine solo 16 miglia (25 chilometri) dalla superficie lunare.

READ  Paxton Aaronson è stato un punto luminoso nel sorteggio USMNT-Colombia

Insieme, le due missioni potrebbero svelare alcuni dei più grandi misteri su Giove e le sue lune.

Era intimamente associato al re del sistema solare

L’esplorazione di Giove è iniziata negli anni ’70 con le missioni Pioneer e Voyager della NASA, seguite da missioni dedicate a Giove come le sonde Galileo e Juno. Juno orbita attorno a Giove e dal 2016 sorvola alcune delle sue lune.

La missione JUICE ha cinque obiettivi principali: utilizzare la sua potente suite di 10 strumenti per caratterizzare tre lune ghiacciate, determinare se hanno oceani, scoprire cosa rende Ganimede così unico e determinare se le lune sono abitabili.

Gli scienziati planetari vogliono sapere quanto sono profondi gli oceani, se contengono acqua dolce o salata e come l’acqua interagisce con il ghiaccio di ciascuna luna. Ganimede, Callisto ed Europa hanno superfici diverse. Il succo può rivelare quale tipo di attività ha fatto apparire alcuni di loro scuri e butterati o pallidi e bucati.

Ganimede è la luna più grande del Sistema Solare, più grande di Plutone e Mercurio, e ha un campo magnetico simile a quello terrestre. Gli strumenti di Zus possono rivelare la rotazione, la gravità, la forma, la struttura interna, la composizione e la rugosità della luna usando il radar attraverso la sua crosta ghiacciata.

Rappresentazione artistica della linfa che vola da Ganimede con Giove sullo sfondo.

JUICE condurrà anche un’analisi dettagliata di Giove per determinare come il complesso ambiente magnetico e di radiazioni che circonda questo enorme pianeta ha modellato le sue lune e come si è formato Giove. Comprendere la storia delle origini di Giove può aiutare gli scienziati ad applicare queste scoperte a pianeti simili a Giove che si trovano al di fuori del nostro sistema solare.

Il campo magnetico di Giove è 20 volte più forte di quello della Terra e ha un ambiente di radiazioni dure, che influenzano entrambe le sue lune. La missione JUICE è progettata per svelare cosa succede quando Giove interagisce con le sue lune, tra cui aurore, punti caldi, emissioni radio e onde di particelle cariche.

READ  Walmart chiude negozi a Chicago, segnala proteste nelle città urbane

Potenziale per la vita

Sebbene tutte e tre le lune siano racchiuse in uno spesso strato di ghiaccio, il riscaldamento interno può avvenire nel nucleo di ciascuna luna e tale riscaldamento potrebbe rendere gli oceani interni potenziali habitat per la vita passata o presente.

Le fonti degli elementi costitutivi della vita, inclusi elementi come carbonio, ossigeno, azoto, ferro e magnesio, si possono trovare sulle lune.

Precedenti missioni come Galileo e Cassini, che hanno visitato Saturno e le sue lune, hanno confermato l’esistenza di acqua liquida su pianeti e lune lontane dal Sole, e che probabilmente l’acqua si trova sotto la superficie.

“Penso che Zoos confermi che la nostra comprensione di dove cercare un potenziale habitat è cambiata negli ultimi 20 anni”, ha affermato Michael Dougherty, professore di ricerca della Royal Society presso l’Imperial College di Londra e ricercatore principale del magnetometro di Zoos.

La vita come la intendiamo sulla Terra richiede acqua liquida, calore e materia organica – “e poi hai bisogno che queste prime tre cose siano abbastanza stabili per un tempo abbastanza lungo da far sì che qualcosa possa effettivamente accadere”, ha detto Dougherty.

Juice volerà da Europa due volte.

“Con JUICE, vogliamo confermare la presenza di acqua liquida su queste lune e confermare le loro fonti di calore. Altri strumenti possono rilevare a distanza se c’è materiale organico sulla superficie, in modo da legare insieme tutto quel materiale”, ha detto. disse.

Giove sopravvissuto

Il veicolo spaziale delle dimensioni di un camion di Zuss è progettato per sopravvivere al lungo viaggio verso Giove e sopravvivere agli estremi dell’ambiente del gigante gassoso una volta arrivato. Due pannelli solari a forma di croce alimenteranno il veicolo spaziale e volte rivestite di piombo ne proteggeranno l’elettronica altamente sensibile.

READ  Nuova Zelanda: 6 morti nell'incendio di un ostello a Wellington

La missione guidata dall’ESA include contributi della NASA e della Japan Aerospace Exploration Agency. I test e la modellazione delle cinture di radiazione di Giove hanno permesso agli ingegneri di prevedere cosa avrebbe incontrato Giove.

“Il risultato principale di questo modello è mostrare che quello che all’inizio sembrava essere un luogo pericoloso è completamente fuori portata”, ha dichiarato Christian Erdt, responsabile dei sistemi e della navicella spaziale di Juss, in una dichiarazione. “Circa tre anni e mezzo su Giove coprirebbero l’esposizione equivalente alle radiazioni di un satellite per telecomunicazioni in 20 anni nell’orbita terrestre geostazionaria – abbiamo molta esperienza nella gestione di questo”.

Juice può esplorare perché ogni luna, come Callisto, ha una superficie diversa.

Per aiutare Giove a sopravvivere, la sua traiettoria è progettata per superare Callisto 21 volte, ma passare da Europa solo due volte. Europa è la più vicina a Giove e si trova bene all’interno del suo alone di radiazione. Due orbite della Luna subiranno circa un terzo della radiazione totale del veicolo spaziale.

Alcuni degli strumenti di Jus sono schermati, mentre altri sono esposti alle intemperie per studiare le atmosfere di Giove e delle sue lune. Più imager e sensori acquisiscono e trasmettono dati a diverse lunghezze d’onda della luce.

Data la distanza tra il veicolo spaziale e la Terra, ci vorrebbero 45 minuti per inviare un segnale unidirezionale a Juice. Ma non è niente in confronto agli anni di attesa che il succo arrivasse su Giove.

Gli scienziati stanno già anticipando dati unici sul ritorno del succo.

“Penso che il primo sorvolo di Ganimede sia stato un momento molto importante”, ha detto Dougherty. “Nei primi uno o due passaggi ravvicinati confermeremo che c’è un oceano.”

Katie Hunt della CNN ha contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *