Le Nazioni Unite esortano i lavoratori afghani a restare a casa dopo che i talebani hanno vietato alle donne di lavorare nell’organizzazione

(CNN) Le Nazioni Unite hanno affermato di essere state costrette a fare una “scelta terribile” dopo aver consigliato a tutto il proprio personale in Afghanistan di stare lontano dagli uffici nel Paese. I Talebani Divieto per le lavoratrici umanitarie afgane

“Il personale nazionale delle Nazioni Unite – donne e uomini – è stato istruito a non presentarsi agli uffici delle Nazioni Unite, con eccezioni limitate e misurate per incarichi critici”, ha affermato l’organizzazione in una nota.

Viene dopo che gli uomini afghani hanno lavorato per le Nazioni Unite a Kabul Era a casa la scorsa settimana In solidarietà con le loro colleghe.

Le Nazioni Unite hanno affermato che la mossa dei talebani è un’estensione di un precedente divieto imposto lo scorso dicembre che vietava alle donne afgane di lavorare nelle organizzazioni non governative nazionali e internazionali.

Il mandato costringe le Nazioni Unite a “fare una scelta terribile tra sostenere il popolo afghano e mantenere, e rispettare gli obblighi, le norme e i principi che sosteniamo”, ha affermato l’organizzazione in una dichiarazione martedì.

Ha aggiunto: “Il divieto è l’ultimo di una serie di misure discriminatorie attuate dai funzionari del regime talebano volte a limitare severamente la partecipazione di donne e ragazze nella maggior parte delle aree della vita pubblica e quotidiana in Afghanistan”.

L’Onu “valuterà la portata, i parametri e gli effetti dell’embargo e sospenderà le attività proibite”, si legge nella dichiarazione, aggiungendo che “la questione continuerà ad essere riesaminata”.

Da quando i talebani hanno preso il potere nel 2021, molte donne del personale delle Nazioni Unite nel paese hanno già subito restrizioni ai loro movimenti, comprese molestie e detenzione.

Ramis Alakbarov, rappresentante speciale delle Nazioni Unite per l’Afghanistan, residente e coordinatore umanitario, la scorsa settimana ha definito la decisione dei talebani una “violazione senza precedenti dei diritti umani”.

READ  Carlos Algarz batte Novak Djokovic in un thriller in cinque set e vince il primo titolo di Wimbledon

“Le vite delle donne afgane sono a rischio”, ha detto, “ed è impossibile raggiungere le donne senza donne”.

ONU La scorsa settimana le Nazioni Unite hanno dichiarato che la rappresentante speciale del segretario generale per l’Afghanistan, Rosa Otunbayeva, si stava impegnando con i talebani al più alto livello per “invertire immediatamente questo ordine”.

“Nella storia delle Nazioni Unite, nessun altro regime ha cercato di vietare alle donne di lavorare nell’organizzazione, semplicemente perché sono donne. Questa decisione rappresenta un attacco contro le donne, i principi fondamentali dell’ONU e il diritto internazionale”. disse Otunbayeva.

Anche altre figure all’interno dell’organizzazione hanno condannato la mossa, con l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani che l’ha definita “assolutamente spregevole”.

Dopo che i talebani hanno bandito le lavoratrici umanitarie a dicembre, almeno una mezza dozzina di importanti gruppi umanitari stranieri hanno temporaneamente sospeso le loro operazioni in Afghanistan, riducendo le risorse già scarse a un paese che ne ha più bisogno.

Il ritorno al potere dei talebani anticipa l’aggravarsi della crisi umanitaria in Afghanistan, aggravando i problemi che affliggono da tempo il paese. Dopo l’acquisizione, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno congelato circa 7 miliardi di dollari delle riserve estere del paese e tagliato i finanziamenti internazionali, paralizzando un’economia fortemente dipendente dagli aiuti esteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *