L’UE e il Regno Unito hanno raggiunto un nuovo accordo sulle regole commerciali post-Brexit in Irlanda del Nord

Londra (CNN) La Gran Bretagna e l’UE hanno raggiunto un accordo sulle nuove regole commerciali Irlanda del Nord Nel tentativo di risolvere una questione spinosa che ha alimentato le tensioni post-Brexit in Europa e nell’isola d’Irlanda.

L’accordo potrebbe risolvere la questione delle importazioni e dei controlli alle frontiere in Irlanda del Nord, uno degli aspetti più impegnativi e controversi dell’uscita del Regno Unito dall’UE.

Parlando in una conferenza stampa a Windsor, appena fuori Londra, il primo ministro Rishi Sunak ha affermato che il nuovo accordo, noto come “Windsor Framework”, fornirà “un commercio più agevole” all’interno del Regno Unito e “proteggerà il posto dell’Irlanda del Nord”. “protegge” la sovranità dell’Irlanda del Nord.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha riconosciuto le relazioni tese tra il Regno Unito e l’UE dopo la Brexit. Ha detto che entrambe le parti avevano bisogno di nuove soluzioni per “sfruttare la nostra partnership”. “Dobbiamo ascoltare molto attentamente le reciproche preoccupazioni”, ha affermato, indicando la cooperazione tra Regno Unito e UE in Ucraina.

L’accordo mira a risolvere i problemi creati dal Protocollo dell’Irlanda del Nord, un allegato all’accordo sulla Brexit concordato da Boris Johnson e dall’UE nel 2019. Il protocollo è stato sviluppato per impedire un confine fisico nell’isola dell’Irlanda del Nord. L’Irlanda ha aderito all’Unione Europea, il che significa che le merci non devono essere controllate tra la Repubblica e la provincia.

I due leader hanno delineato tre aree chiave in cui il nuovo accordo migliorerebbe il protocollo.

Sunak ha affermato che l’accordo proteggerà il libero flusso degli scambi tra la Gran Bretagna e l’Irlanda del Nord creando linee verdi e rosse per le merci che fluiscono nell’Irlanda del Nord. Le merci a rischio di ingresso nella Repubblica d’Irlanda saranno collocate su una corsia rossa prima di entrare nell’Irlanda del Nord. I prodotti in Irlanda del Nord fluiranno liberamente, il che significa che “se il cibo è disponibile sugli scaffali dei supermercati in Gran Bretagna, sarà disponibile in Irlanda del Nord”, ha affermato Sunak.

READ  Kung Fu Panda 4, Dune 2 Sconfiggi Artù il Re

Il primo ministro ha affermato che il Regno Unito e l’UE sono riusciti a preservare “il posto dell’Irlanda del Nord nell’Unione” attraverso l’accordo, consentendo al governo del Regno Unito di fissare le aliquote IVA applicabili in Irlanda del Nord, in contrasto con l’attuale sistema di fissazione delle aliquote. dall’Unione Europea. Ha detto che consentirà l’applicazione delle recenti politiche, come la riforma per tagliare il prezzo delle pinte nei pub britannici, nell’Irlanda del Nord.

Infine, ha annunciato un nuovo “freno Stormont” che consentirebbe al governo devoluto dell’Irlanda del Nord di tirare un “freno di emergenza” su qualsiasi nuova legge UE imposta alla provincia.

“Stabilirà un processo chiaro attraverso il quale l’assemblea democraticamente eletta può tirare il freno di emergenza sulle modifiche ai prodotti dell’UE, regole che hanno un effetto significativo e duraturo sulla vita di tutti i giorni”, ha affermato Sunak.

Ha anche affermato che se il governo dell’Irlanda del Nord avesse tirato il freno, al governo di Westminster sarebbe stato concesso il potere di veto sulla legislazione.

Van der Leyen è arrivato in Inghilterra lunedì per i colloqui finali con Sunak in vista di un rapporto sull’accordo alla Camera dei Comuni. Van der Leyen incontrerà il re Carlo III per un tè al Castello di Windsor, ha confermato Buckingham Palace.

I negoziati si sono intensificati nelle ultime settimane dopo mesi di stallo su come gestire i controlli nell’Irlanda del Nord, che fa parte del Regno Unito ma condivide un confine terrestre con la Repubblica d’Irlanda, uno stato membro dell’UE.

Ora che l’accordo è in atto, Sunak deve affrontare una reazione politica da parte degli irriducibili euroscettici del suo partito conservatore.

READ  Gli Heat prendono il vantaggio della serie 2-0 sui Celtics nelle finali della Eastern Conference: come l'intensità di Miami ha battuto Boston

L’incontro di Van der Leyen con il re si è rivelato controverso. “Il monarca è felice di incontrare qualsiasi leader mondiale se visita la Gran Bretagna ed è il consiglio del governo che dovrebbe farlo”, ha detto il palazzo nell’annunciare la sessione.

Una fonte reale ha affermato che l’incontro sarebbe stato un’opportunità per Charles per discutere di argomenti tra cui la guerra in Ucraina e il cambiamento climatico.

Ma è stato criticato da alcune figure sindacali di spicco. “Non posso credere che Sua Maestà King #10 abbia chiesto al Re di essere coinvolto nella finalizzazione di un accordo così controverso”, ha scritto in un tweet l’ex primo ministro dell’Irlanda del Nord Arlene Foster. “È brutto e peggiorerà molto in NI.”

Il protocollo dell’Irlanda del Nord, firmato dall’ex primo ministro Johnson a Bruxelles, ha tentato di riconoscere la delicata situazione che la Brexit aveva creato nell’Irlanda del Nord.

Normalmente, un confine tra uno stato membro dell’UE e un paese non UE come il Regno Unito richiederebbe infrastrutture come le dogane. Ma durante i disordini settari noti come Troubles, i posti di sicurezza lungo il confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda divennero obiettivi di gruppi paramilitari che lottavano per un’Irlanda unita.

In teoria, il protocollo dell’Irlanda del Nord aveva lo scopo di eliminare la necessità di infrastrutture di frontiera. È stato concordato che l’Irlanda del Nord sarebbe rimasta all’interno della sfera normativa dell’UE e che le merci che entravano in Irlanda del Nord dalla Gran Bretagna sarebbero state controllate prima del loro arrivo, imponendo di fatto un confine marittimo.

READ  4 ragioni per alzarsi, 4 ragioni per stare in piedi

Ciò ha fatto arrabbiare la comunità unionista filo-britannica nell’Irlanda del Nord, che ha sostenuto di essere stata tagliata fuori dal resto del Regno Unito e costretta ad avvicinarsi a una repubblica. La controversia sugli accordi è stata un ostacolo al ripristino della legislatura dell’Irlanda del Nord, che è stata sospesa dal 2017. La condivisione del potere tra unionisti e repubblicani era una parte fondamentale dell’Accordo del Venerdì Santo, il trattato di pace che segnò la fine dei Troubles.

Il conflitto ha colpito anche il commercio tra Gran Bretagna e Irlanda del Nord, con il Regno Unito che non ha attuato completamente il protocollo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *