Max Verstappen vince il Gran Premio di Monaco, battendo Alonso e la pioggia

Il leggendario Circuit de Monaco è una delle tappe più famose del programma della Formula 1, ma anche una delle più insidiose. Una discesa a tornanti. le mura Abbastanza vicino da baciare. Un tunnel buio che esce dai conducenti in un’esplosione di luce solare accecante.

È stata anche una buona giornata.

La domenica non è stata una buona giornata: ha iniziato a piovere durante il Gran Premio di Monaco e quando le gomme hanno iniziato a perdere aderenza, le condizioni sono peggiorate così rapidamente che anche le squadre più esperte avrebbero potuto essere colte dalla trepidazione.

Ma Max Verstappen non è un pilota medio. Mentre altri hanno lottato, ha ottenuto la sua quarta vittoria della stagione e la 39esima della sua carriera. È stata la sua seconda vittoria a Monaco in tre anni e ha esteso il vantaggio suo e della Red Bull nella classifica a punti della stagione.

“È incredibilmente scivoloso”, ha detto Verstappen riguardo alla gestione delle prime condizioni di pioggia dell’attuale stagione di Formula 1. “Quando sei in testa non vuoi spingere troppo, ma non vuoi perdere troppo tempo .”

“Abbiamo tagliato i muri un paio di volte – è stato molto difficile – ma questo è Monaco”.

Fernando Alonso dell’Aston Martin ha concluso la gara da cui era partito, secondo, e Esteban Ocon dell’Alpine ha fatto lo stesso terzo. Ma Verstappen non ha avuto una sfida seria per tutto il giorno nelle quasi due ore di gara poiché le auto veloci a volte strisciavano lentamente mentre i piloti cercavano di mantenere i nervi saldi.

La pioggia, che era stata sul radar di tutti per la prima metà della gara, è finalmente arrivata al 50esimo giro, e ha causato frenetici pit stop e cambi gomme per i leader. Il problema era che non pioveva presto su ogni parte della pista, quindi le gomme che andavano bene sull’asciutto all’improvviso non potevano farcela con le slick.

READ  Le persone temono di perdere la vista dopo aver visto un'eclissi solare totale

Questo ha creato una serie di scene folli e finali diversi. Alonso, secondo in corsa, Due insidie ​​consecutive Dopo che la sua squadra ha inizialmente piazzato la categoria sbagliata. La Ferrari ha chiamato contemporaneamente entrambe le sue vetture ai box per apportare modifiche. Altri conducenti hanno perso la vista e il controllo.

La combinazione di curve strette, sezioni ravvicinate e gomme sottili ha creato dozzine di momenti di tensione. Carlos Sainz Jr. della Ferrari scivola contro una barriera. Kevin Magnussen ha perso il controllo della sua Haas ma è scampato a gravi danni. Lance Stroll non è stato così fortunato; È stato costretto a lasciare la gara dopo che la sua Aston Martin non è stata in grado di continuare dopo un incidente a fine gara.

Nonostante tutto, Verstappen è rimasto calmo e la sua squadra ha fatto le scelte giuste. Quando è iniziata la gara, quando è iniziata la pioggia, quando sono iniziate le modifiche, è uscito da alcuni giri caotici in cui era in testa.

Verstappen. Anche se non poteva fare a meno di arrivare in ritardo, aveva imparato la sua strategia e la gestione della gara. In vantaggio di oltre 20 secondi, ha dato alla sua squadra un ultimo spavento mentre superavano le barriere. Ma in un giorno in cui così tante cose sarebbero potute andare storte, è andata bene anche per lui e per la Red Bull. Il suo vantaggio sul compagno di squadra Sergio Perez, partito ultimo dopo una sconfitta nelle qualifiche di domenica 16, è salito a 39 punti e 51 davanti ad Alonso, terzo.

READ  Lo sciopero LAUSD evidenzia le crescenti sfide della vita a Los Angeles

Ok. Il suo terzo posto nelle qualifiche è stato una sorpresa per alcuni, e il suo podio avrebbe potuto essere un altro. Ma lui e Alpine hanno gestito bene la loro macchina e la loro posizione per tutta la giornata e sono stati premiati con il loro primo podio dell’anno.

Mercedes. Lewis Hamilton e George Russell si sono tranquillamente piazzati al quarto e quinto posto. Sebbene nessuno dei due gareggi sempre davanti (o, in effetti, sul podio), la Mercedes troverà speranza in quelle prestazioni. Anche se i quartieri ristretti di Monaco non hanno fornito il miglior laboratorio per testare i miglioramenti apportati dal team questa settimana, la Mercedes se ne andrà con punti e dati preziosi. Una squadra che cerca di catturare i suoi rivali in fretta è una vittoria.

Dopo cinque partenze, l’unica gara della Red Bull è contro se stessa:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *