Mentre Zelenskyj conquista più armi in Europa, l’Ucraina saluta la vittoria a Bakmut

  • Dopo Roma, Berlino e Parigi, Zelensky va a Londra
  • Kiev prevale nei sobborghi settentrionali e meridionali di Baghmut
  • Il presidente della Bielorussia afferma che quattro aerei sono stati abbattuti sopra la Russia

KYIV/LONDRA, 15 maggio (Reuters) – L’Ucraina ha salutato lunedì la sua prima significativa avanzata sul campo di battaglia in sei mesi, quando il presidente Volodymyr Zelensky ha vinto un impegno in Gran Bretagna per nuovi droni a lungo raggio per sostenere le armi occidentali per una controffensiva contro gli aggressori russi. .

Dalla scorsa settimana, l’esercito ucraino ha iniziato a respingere le forze russe dentro e intorno alla città colpita di Baghmut. Le sue prime significative operazioni offensive da quando le sue truppe hanno catturato la città meridionale di Kherson a novembre.

“L’avanzata delle nostre truppe in direzione di Pakmut è il primo successo delle operazioni offensive in difesa di Pakmut”, ha dichiarato il comandante delle forze di terra, il colonnello generale Oleksandr Chirsky, in una dichiarazione sull’app di messaggistica Telegram.

“Gli ultimi giorni hanno dimostrato che possiamo andare avanti e distruggere il nemico anche in situazioni molto difficili come questa”, ha detto. “Stiamo combattendo con meno risorse del nemico e, allo stesso tempo, siamo in grado di distruggere i suoi piani”.

In un aggiornamento sul campo di battaglia di lunedì sera, lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha detto che le forze russe, sostenute da pesanti bombardamenti, stavano facendo pressioni per guadagnare terreno ma non erano riuscite ad avanzare intorno al villaggio di Ivanivske ai margini occidentali della città.

La battaglia di Bagmut divenne la più lunga e sanguinosa della guerra e ha un significato totemico per la Russia, senza altri premi per una campagna invernale che costò migliaia di vite.

READ  Disney imposta il film di Star Wars, Marvel ritarda le date di uscita della serie Avatar - Varietà

Negli ultimi sei mesi, Kiev è andata sulla difensiva mentre Mosca intensificava la sua campagna, inviando centinaia di migliaia di nuove riserve e mercenari nella più sanguinosa guerra di terra in Europa dalla seconda guerra mondiale.

Kiev sta ora preparando una controffensiva, utilizzando centinaia di nuovi carri armati e veicoli corazzati inviati dall’Occidente dall’inizio del 2023 per riconquistare la presunta annessione da parte di Mosca della sesta regione dell’Ucraina.

Zelenskiy ha incontrato lunedì a Londra il primo ministro britannico Rishi Sunak, l’ultima tappa di un tour che lo ha portato a Roma, Berlino e Parigi negli ultimi tre giorni, mettendo in tasca nuove importanti armi lungo la strada.

La scorsa settimana la Gran Bretagna è diventata il primo paese occidentale a consegnare missili da crociera a lungo raggio all’Ucraina, seguito da un impegno di droni con una portata fino a 200 km (125 miglia) durante la visita di Zelensky.

Il governo di Sunak afferma che presto inizierà ad addestrare i piloti ucraini a pilotare aerei da combattimento. In un’intervista alla televisione francese TF1, il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che la Francia è pronta ad addestrare piloti ucraini, ma che lui e Zelensky non avevano discusso di fornire aerei da combattimento.

“Non sto parlando di aerei. Sto parlando di missili. Sto parlando di addestramento”, ha detto Macron.

Un soldato ucraino dà acqua a un soldato russo catturato vicino alla città in prima linea di Pakmut nella regione ucraina di Donetsk, che è stata recentemente attaccata mentre l’offensiva russa contro l’Ucraina continua, 11 maggio 2023. Free Europe/Radio Liberty/Serhii Nuzhnenko via Immagini Radio REUTERS TPX

“Momento cruciale”

Zelenskiy ha descritto le nuove armi promesse dagli europei come “importanti e potenti”.

“Stiamo tornando a casa con nuovi aiuti militari. Nuove e potenti armi per il fronte, più sicurezza per il nostro popolo, più sostegno politico…” ha detto in un discorso video che lo ha riportato dal treno a Kiev.

READ  Dow guadagna per il 7° giorno consecutivo mentre l'S&P 500 risale sopra quota 5.200

Sunak ha detto che la guerra era in un “momento cruciale” e la Gran Bretagna sarebbe stata determinata. “È importante che il Cremlino sappia che non ce ne andremo. Siamo qui per il lungo periodo”.

Il Cremlino ha affermato di non ritenere che cambierà il corso della cosiddetta “operazione militare speciale” per eliminare le minacce alla sicurezza poste dal perseguimento dei legami del Cremlino con l’Occidente. I sostenitori di Kiev e occidentali definiscono le azioni della Russia un furto di terra non provocato.

Le forze ucraine hanno cacciato le truppe russe da Kiev un anno fa e riconquistato il terreno nella seconda metà del 2022, ma hanno resistito a un’offensiva russa punitiva in attesa dell’arrivo delle armi.

I funzionari ucraini generalmente non parlano dei dettagli dell’offensiva in corso, ma hanno riportato significativi guadagni territoriali nella periferia settentrionale e meridionale di Bakhmut nell’ultima settimana.

Mosca accettò di ritirarsi a nord della città e il capo dell’esercito privato di Wagner, che combatteva all’interno di Baghmut, affermò che le forze regolari russe si erano ritirate dai fianchi settentrionale e meridionale.

I funzionari ucraini descrivono i combattimenti nell’area come sviluppi localizzati, senza ancora una grande controffensiva.

Un rapporto di un rispettato organo di stampa russo di sabato secondo cui quattro aerei militari russi erano stati abbattuti vicino ai confini di Bielorussia e Ucraina è stato inavvertitamente confermato dal presidente bielorusso Alexander Lukashenko.

“Tre giorni dopo gli eventi vicino a noi, cioè nella regione di Bryansk, quando quattro aerei sono stati abbattuti, siamo stati costretti a rispondere. Da allora, noi, le nostre truppe, siamo stati in massima allerta”, ha detto Lukashenko. . Secondo il canale Bull Pervovo Telegram, un posto di comando dell’aeronautica riporta le attività di Lukashenko.

READ  Jonathan Majors: l'avvocato dell'attore nega le accuse di abuso, afferma che "sarà completamente scagionato"

Non c’è stata alcuna risposta ufficiale dall’Ucraina. Ma Mykhailo Podolyak, consigliere senior di Zelenskiy, sabato ha definito l’incidente “giustizia… e karma istantaneo”.

La Bielorussia è uno stretto alleato della Russia, che l’ha usata come trampolino di lancio per l’invasione, anche se Lukashenko ha insistito sul fatto che la Bielorussia non ha preso parte alla guerra e non ha inviato truppe per combattere le forze russe.

Scritto da Peter Graff; Montaggio di Mark Heinrich

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *