Modi incontra i leader del Pacifico a Blinken, in Papua Nuova Guinea

22 maggio (Reuters) – Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha incontrato lunedì il presidente della Papua Nuova Guinea, James Marapa, prima di un accordo sulla sicurezza e di un incontro con 14 leader delle isole del Pacifico.

In precedenza, il primo ministro indiano Narendra Modi ha promesso sostegno alle isole del Pacifico in un vertice nella capitale Port Moresby.

Washington e i suoi alleati hanno cercato di impedire alle nazioni insulari del Pacifico di stringere legami di sicurezza con la Cina, una preoccupazione crescente tra le tensioni su Taiwan.

Gli storici hanno affermato che la PNG e le Isole Salomone – che hanno stretto un patto di sicurezza con Pechino lo scorso anno – sono state vitali per la spinta degli Stati Uniti attraverso il Pacifico per liberare le Filippine dalla seconda guerra mondiale.

I leader delle isole, che coprono 40 milioni di chilometri quadrati (15 milioni di miglia quadrate) di oceano, hanno affermato che l’innalzamento del livello del mare causato dai cambiamenti climatici è la loro massima priorità di conservazione.

Blinken ha detto a Marape che avevano firmato accordi molto importanti e che gli Stati Uniti stavano approfondendo la loro partnership con PNG.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è detto “dispiaciuto di non essere qui”. Biden è stato costretto a cancellare il suo viaggio in PNG a causa dei negoziati sul tetto del debito a Washington.

READ  Steven Mnuchin sta guidando uno sforzo da 1 miliardo di dollari per salvare la New York City

Modi ha detto ai 14 leader del Forum per la cooperazione tra India e Isole del Pacifico che l’India sarebbe stata un partner di sviluppo affidabile per i piccoli stati insulari e si era impegnata per un “Indo-Pacifico libero, aperto e inclusivo”.

Nel suo discorso di apertura, ha affermato: “Senza dubbio, siamo pronti a condividere le nostre competenze ed esperienze nei settori della tecnologia digitale, della tecnologia spaziale, dell’assistenza sanitaria, della sicurezza alimentare, dei cambiamenti climatici e della protezione ambientale”.

Ha aggiunto che i leader del Quad, Australia, Stati Uniti, Giappone e India, avevano concordato a Hiroshima di aumentare la cooperazione con le nazioni insulari del Pacifico.

Nel suo discorso inaugurale, Marabe ha esortato l’India a pensare ai piccoli stati insulari che “soffrono a causa del gioco delle grandi nazioni”.

Ad esempio, Marab ha affermato che la guerra della Russia con l’Ucraina ha causato inflazione e alti prezzi del carburante e dell’energia nelle economie più piccole della regione.

Accordo di difesa

Modi ha tenuto un incontro bilaterale con il presidente delle Isole Salomone Manasseh Sogavere, il cui patto di difesa con la Cina ha preoccupato Washington per le intenzioni di Pechino nella regione.

Blinken dovrebbe firmare un accordo di cooperazione per la difesa tra Stati Uniti e PNG e nel pomeriggio ospiterà anche un incontro dei leader delle isole del Pacifico.

Diverse università hanno organizzato proteste nei campus contro la firma dell’accordo di cooperazione per la difesa, tra le preoccupazioni che avrebbe sconvolto la Cina. Marab ha negato che PNG smetterà di lavorare con la Cina, importante partner commerciale.

Il governo della PNG in precedenza aveva affermato che l’accordo sulla difesa degli Stati Uniti era un’estensione di un accordo esistente che avrebbe potenziato l’infrastruttura e la capacità di difesa della PNG dopo decenni di abbandono.

READ  Tre adolescenti arrestati in un incidente di lancio di sassi in Colorado

Domenica Marabe ha detto ai media che l’accordo sulla difesa aumenterebbe anche la presenza militare statunitense nel prossimo decennio.

Washington fornirà 45 milioni di dollari in nuovi finanziamenti con la PNG per rafforzare la cooperazione economica e di sicurezza, comprese le forze di sicurezza della PNG, la mitigazione del cambiamento climatico e la lotta alla criminalità transnazionale e all’HIV/AIDS, ha affermato il Dipartimento di Stato americano.

Blinken ha visitato una clinica sanitaria dove i finanziamenti statunitensi stanno aiutando a combattere l’HIV/AIDS aumentando l’accesso ai test e alle cure antiretrovirali.

Kirsty Needham a Sydney riferisce; Modifica Lincoln Festa

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *