Richard Sharpe si dimette da presidente della BBC per il rapporto sul debito di Boris Johnson

LONDRA – Il capo della BBC, Richard Sharpe, ha annunciato le sue dimissioni venerdì dopo che un rapporto indipendente ha scoperto che ha infranto le regole del governo non dichiarando il suo ruolo nell’aiutare l’allora primo ministro Boris Johnson a ottenere un prestito personale.

Sharpe è stato coinvolto nella presentazione di Johnson a un ricco sostenitore che ha dato a Johnson una garanzia di prestito fino a 800.000 sterline ($ 996.000) prima che Sharpe fosse nominato nel 2021.

I critici affermano che Sharp ha offuscato la reputazione della BBC, una delle principali organizzazioni di notizie al mondo, e che ha presentato un potenziale benefattore a Johnson prima che Johnson fosse nominato capo della BBC, il che è contrario agli interessi.

Boris Johnson afferma di non aver mentito al Parlamento sul Partygate

Sharpe è un ex banchiere di Goldman Sachs e uno dei principali donatori del Partito conservatore. In precedenza aveva rifiutato di dimettersi e negato qualsiasi illecito. Ha definito negligente la mancata dichiarazione della sua quota di debito.

Sharpe ha detto che solo Sam Blythe, un dirigente d’azienda canadese e lontano parente di Johnson, era in contatto con il segretario di gabinetto e alto funzionario statale Simon Case.

“Con il vantaggio del background, ho pensato di affrontare questo potenziale conflitto di interessi”, ha detto Sharp in una dichiarazione venerdì. “Vorrei scusarmi ancora una volta per quella svista – per quanto imprudente – e per la distrazione che questi eventi hanno causato alla BBC”.

Sharp ha insistito sul fatto che il rapporto indipendente dell’avvocato Adam Heppinstall sulla questione ha rilevato che il suo ruolo nel prestito era “estremamente minimo” e che “non c’erano prove che avesse svolto alcun ruolo nell’agevolare, organizzare o finanziare il prestito all’ex primo ministro”.

READ  Brian Cox mostra in anteprima la quarta stagione di "Heir" e spiega cosa colpisce Logan Roy

Sharp rimarrà presidente della BBC fino a giugno, quando verrà scelto il suo successore.

I critici dicono che è stato fatto un danno significativo.

Michelle Stanistreet, segretaria generale dell’Associazione nazionale dei giornalisti, ha affermato che Sharp “era rimasto aggrappato alla sua sedia per mesi, mentre quelli intorno a lui potevano vedere chiaramente che il suo tempo era scaduto. Quindi è un sollievo e giusto che ora si sia finalmente dimesso .”

Il leader dei liberaldemocratici Ed Davey ha affermato che la questione ha trascinato la BBC nel fango. “Il popolo britannico non lo sopporterà più. Qualsiasi cosa tocchino i politici conservatori si trasformerà in caos.

Davy ha detto che Johnson non avrebbe mai dovuto essere autorizzato a nominare Sharp e che il suo successore, Rishi Sunak, avrebbe dovuto licenziare Sharp mesi prima.

Lucy Powell, leader del partito laburista di opposizione, ha dichiarato: “Questa violazione ha causato danni indicibili alla reputazione della BBC e minato seriamente la sua indipendenza a causa della malizia e del clientelismo dei conservatori”.

Powell ha affermato che Sunak dovrebbe stabilire un processo veramente indipendente e robusto per sostituire Sharpe per aiutare a ripristinare la reputazione della BBC dopo che il suo governo l’ha così offuscata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *