SpaceX introduce gli astronauti internazionali alla missione della stazione spaziale

(CNN) SpaceX e la NASA hanno inviato un nuovo equipaggio di astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale, che è rimasto nello spazio per circa sei mesi.

La missione, che trasportava due astronauti della NASA, un astronauta russo e un astronauta degli Emirati Arabi Uniti, è decollata dal Kennedy Space Center della NASA a Cape Canaveral, in Florida, alle 12:34 di giovedì.

Crew Dragon, il veicolo che trasporta gli astronauti, si è separato dal razzo dopo aver raggiunto l’orbita e dovrebbe trascorrere una giornata manovrando nello spazio prima di ricongiungersi alla stazione spaziale. La capsula verrà inviata al molo alle 1:17 di venerdì.

Il lancio di giovedì ha segnato il secondo tentativo di far decollare la missione, nota come Crew-6. IL Primo tentativo di lancio Lunedì è stato messo a terra da quello che i funzionari hanno detto essere un filtro intasato.

Quando Nella trasmissione del lancio, gli ingegneri dei sistemi di terra hanno deciso di interrompere il lancio con tre minuti rimanenti, hanno detto i funzionari. Gli ingegneri hanno detto di aver trovato il problema con una sostanza chiamata trietilalluminio trietilboro, o TEA-TEB.

Il problema si è verificato durante un processo di “bleed-in” per garantire che ciascuno dei nove motori del razzo Falcon 9 ricevesse una quantità adeguata di fluido TEA-TEB durante l’accensione. Secondo la NASA, il problema è sorto perché il fluido si è spostato da un serbatoio a terra a un “serbatoio di raccolta”.

“Dopo un’attenta revisione dei dati e del sistema di terra, la NASA e SpaceX hanno stabilito che c’era ancora un flusso limitato al serbatoio di raccolta TEA-TEB a terra a causa di un filtro di terra intasato”, ha detto l’aggiornamento della NASA. sito web Mercoledì in anticipo.

Un filtro intasato ha spiegato gli insoliti dati che gli ingegneri hanno visto il giorno del lancio, ha detto la NASA.

Benji Reid, direttore della gestione delle missioni dell’equipaggio di SpaceX, ha dichiarato in una revisione dei dati che il razzo avrebbe potuto decollare senza intoppi, anche se i controllori di volo non avevano dati sufficienti durante il conto alla rovescia.

“Non è così che vogliamo iniziare le persone”, ha detto Reed durante una conferenza stampa post-rilascio giovedì. “Vogliamo che le persone sappiano per certo che andrà tutto bene”.

Il sistema TEA-TEB ha funzionato bene giovedì, hanno detto i funzionari, con almeno un malfunzionamento che doveva essere risolto dopo che gli ingegneri erano decollati.

READ  Gli articoli per la casa di Jay-Z e Beyonce sono in vendita su eBay

Il problema era con uno dei sei ganci usati per tenere il cono del Crew Dragon, un cappuccio sulla parte superiore dello shuttle che protegge l’hardware di attracco della ISS durante il lancio. Ma Crew Dragon è stato in grado di aprire il cono utilizzando un sistema di backup.

Il gancio viene utilizzato per fissare il veicolo alla sua porta di attracco quando il veicolo spaziale attracca con la ISS. Ma avere sensori aggiuntivi per fornire dati non dovrebbe causare problemi ai sensori, ha detto Reid.

Gli astronauti dell’equipaggio 6 hanno aspettato a bordo della loro capsula SpaceX Crew Dragon martedì durante il conto alla rovescia del lancio, che alla fine è stato interrotto da problemi al sistema di terra.

A proposito di questo lancio

La missione segna il settimo volo di astronauti di SpaceX per conto della NASA dal 2020, continuando uno sforzo pubblico-privato per mantenere a galla il laboratorio orbitante. Completamente attrezzato.

L’equipaggio della Crew-6 a bordo comprende gli astronauti della NASA Stephen Bowen, veterano di tre space shuttle e debuttante Warren “Woody” Hoberg, e Sultan Alnyadi, il secondo astronauta degli Emirati Arabi Uniti. e il cosmonauta russo Andrey Fedayev.

Una volta che Bowen, Hoburg, Fedyaev e Alneyadi saliranno a bordo della stazione spaziale, prenderanno il controllo delle operazioni degli astronauti SpaceX Crew-5 che sono arrivati ​​alla stazione spaziale. ottobre 2022.

Trascorreranno fino a sei mesi nel laboratorio orbitante, conducendo esperimenti scientifici e mantenendo la stazione vecchia di due decenni.

La missione arriva mentre gli astronauti attualmente a bordo della stazione spaziale affrontano un problema di trasporto unico. A dicembre, la navicella spaziale russa Soyuz utilizzata per trasportare gli astronauti Sergei Prokofiev e Dmitry Petlin e l’astronauta della NASA Frank Rubio alla stazione spaziale ha subito una perdita di refrigerante. Dopo che la capsula è stata ritenuta pericolosa per il ritorno degli astronauti, l’agenzia spaziale russa, Roscosmos, Ha lanciato un veicolo sostitutivo il 23 febbraio. È arrivato alla stazione spaziale sabato.

Cosa faranno nello spazio?

Durante la loro permanenza nello spazio, gli astronauti dell’equipaggio 6 supervisioneranno più di 200 progetti scientifici e tecnologici, tra cui la ricerca e lo studio di come certi materiali bruciano in ambienti di microgravità. Campioni microbici saranno raccolti dall’esterno della stazione spaziale.

Durante il loro soggiorno, l’equipaggio svolgerà due compiti principali che ancorano la stazione spaziale. Il primo è un test di volo con equipaggio Boeing, che segna il primo volo spaziale nell’ambito della partnership Boeing-NASA. Previsto per aprile, il volo porterà gli astronauti della NASA Barry Willmore e Sunita Williams alla stazione spaziale, segnando l’ultima fase di un programma di test e dimostrazione che Boeing deve intraprendere per certificare il suo veicolo spaziale Starliner per missioni spaziali regolari.

READ  I profondi legami della Silicon Valley Bank con il settore tecnologico

Quindi, a maggio, un team di quattro astronauti ha lanciato Axiom Mission 2, o AX-2 in breve, una missione finanziata privatamente verso la stazione spaziale. Quello sforzo, che utilizzerà separatamente la capsula SpaceX Crew Dragon, sarà comandato da Becky Whitson, un ex astronauta della NASA che ora è un astronauta privato con la compagnia spaziale texana Axiom.

Ciò include tre clienti paganti, simili ad Axiom Mission 1, che hanno visitato la stazione spaziale nell’aprile 2022, inclusi i primi astronauti a visitare il laboratorio orbitante dall’Arabia Saudita. I loro posti erano pagati Arabia Saudita.

Lavorare con i russi

Il cosmonauta russo Fedyaev si è unito all’equipaggio-6 come parte dell’equipaggio Contratto di ride sharing 2022 tra NASA e Roscosmos. L’accordo mira a garantire l’accesso continuo alla stazione spaziale sia per Roscosmos che per la NASA: se una capsula SpaceX Crew Dragon o una navicella spaziale russa Soyuz si esaurisce, la sua controparte può gestire la ricezione degli astronauti. Entrambi i paesi in orbita.

Il volo ha segnato il primo viaggio nello spazio di Fedyaev.

Nonostante le tensioni geopolitiche alimentate dall’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022, la Russia rimane il partner principale dell’America sulla stazione spaziale. I funzionari della NASA hanno ripetutamente affermato che il conflitto non ha avuto alcun impatto sulla cooperazione tra le agenzie spaziali delle nazioni.

“La cooperazione spaziale ha una storia molto lunga e noi siamo un esempio di come le persone dovrebbero vivere sulla Terra”, ha detto Fedayev durante una conferenza stampa del 24 gennaio.

Anche Bowen, un astronauta della NASA di 59 anni che funge da comandante della missione Crew-6, è intervenuto.

Gli astronauti di SpaceX Crew-6 si fermano per una foto dopo essere arrivati ​​al Kennedy Space Center in Florida il 21 febbraio: (da sinistra) l’astronauta di Roscosmos Andrey Fedayev, l’astronauta degli Emirati Arabi Uniti Sultan Alnyadi e gli astronauti della NASA Warren e Stefan Bowerk Hohnberg.

“Lavoro con gli astronauti da oltre 20 anni ed è sempre fantastico”, ha detto durante il briefing. “Una volta che vai nello spazio, è un equipaggio, un veicolo e tutti abbiamo lo stesso obiettivo.”

READ  L'ultimo Boeing 747 lascia la fabbrica

Bowen è cresciuto a Cohasset, Massachusetts e ha studiato ingegneria, conseguendo una laurea in ingegneria elettrica presso l’Accademia navale degli Stati Uniti nel 1986 e un master in ingegneria navale presso un programma congiunto presso il Massachusetts Institute of Technology e Woods Hole Oceanographic Institution.

Ha completato l’addestramento sottomarino militare e ha prestato servizio nella Marina degli Stati Uniti prima di essere selezionato per l’equipaggio di astronauti della NASA nel 2000, diventando il primo ufficiale sottomarino selezionato dall’agenzia spaziale.

In precedenza aveva completato tre missioni durante il programma Space Shuttle della NASA tra il 2008 e il 2011, registrando un totale di oltre 47 giorni nello spazio.

“Spero che il mio corpo mantenga la memoria di 12 anni fa”, ha detto Bowen del lancio dell’equipaggio-6.

Incontra il resto del team Crew-6

Hoberg, che funge da pilota per la missione, è un nativo di Pittsburgh che ha conseguito un dottorato in ingegneria elettrica e informatica presso l’Università della California, Berkeley, prima di diventare assistente professore di aeronautica e aerospaziale al MIT. È entrato a far parte del corpo degli astronauti della NASA nel 2017.

“Vivremo nello spazio per sei mesi. Penso che sei mesi fa – beh, è ​​​​molto tempo”, ha detto Hoberg ai giornalisti riguardo alle aspettative per il viaggio.

Ma, ha aggiunto Hoberg, “non vedo l’ora di vedere prima la cupola”, riferendosi a un’area ben nota della stazione spaziale che presenta una grande finestra che offre viste panoramiche della Terra.

Alneyadi, che nel 2019 ha servito come backup del primo astronauta degli Emirati Arabi Uniti Hazza Ali Almansouri, è destinato a diventare il primo astronauta degli Emirati Arabi Uniti a trascorrere il tempo più lungo nello spazio.

In una conferenza stampa di gennaio, Alneyadi ha detto che intende portare cibo mediorientale da condividere con il suo equipaggio mentre si trova nello spazio. Praticante esperto di jiujitsu, porta anche un kimono, l’uniforme tradizionale dell’arte marziale.

“È difficile credere che stia realmente accadendo”, ha detto Alneyadi Conferenza stampa Dopo essere arrivato al Kennedy Space Center il 21 febbraio. “Non potrei chiedere di più da una squadra. Penso che siamo pronti fisicamente, mentalmente e tecnicamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *