Un uomo di colore in attesa di trapianto di rene incolpa il razzismo

Un afroamericano sta cercando milioni di dollari di danni e una causa per ottenere un posto migliore in una lista d’attesa per il trapianto di rene, sostenendo che il sistema utilizzato per determinare la priorità per gli organi è prevenuto nei confronti dei neri.

Anthony Randall ha intentato una causa la scorsa settimana contro un’affiliata del Cedars-Sinai Hospital di Los Angeles, dove è stato elencato come paziente trapiantato, e la United Network for Organ Sharing, un’organizzazione senza scopo di lucro che gestisce il sistema di trapianti degli Stati Uniti.

Randall – un barbiere di Los Angeles che non può più lavorare a causa di una malattia renale, riceve trattamenti di dialisi tre volte alla settimana e aspetta da più di cinque anni un rene – vuole anche che un tribunale federale gli permetta di rappresentare 27.500 neri. I pazienti americani, sostiene, sono ugualmente svantaggiati.

“La discriminazione razziale sopra descritta ha danneggiato il querelante e i membri della Nationwide Waiting List Class, della California Waiting List Class e della Cedars-Sinai Class privando e/o ritardando un donatore di rene”, sostiene la causa di Randall. Tutti hanno subito “danni economici”, inclusa la dialisi e altre spese mediche, ha affermato.

Sia UNOS che Cedars-Sinai hanno negli ultimi mesi abbandonato l’uso della parte della formula che Randall ha citato nella sua causa. A giugno, il consiglio di amministrazione dell’Organizzazione dei trapianti ha osservato che “l’inclusione di un modificatore per i pazienti identificati come neri… ha portato a una sistematica sottovalutazione della gravità della malattia renale in molti pazienti neri. In particolare nei trapianti di organi, ciò potrebbe aver influito negativamente tempi dell’elenco dei trapianti o tempi di attesa del trapianto.” Potrebbe aver influenzato negativamente la data di qualificazione dei candidati per cominciare.

READ  Con l'avvicinarsi del voto sul tetto dei mutui, Biden aumenta le speranze di sostegno del GOP ai Democratici, McCarthy

A gennaio, l’UNOS ha consigliato agli ospedali di smettere di utilizzare quella parte dell’algoritmo e di informare i pazienti neri in attesa di reni che possono modificare il loro “tempo di attesa aggiuntivo”, un fattore critico nel determinare l’ordine dei potenziali destinatari di un rene. scarseggiano. Randall dice che avrebbe potuto qualificarsi per un rene se tale aggiustamento fosse stato fatto prima.

Secondo la causa di Randall, Cedars ha rispettato l’ordine di UNOS il 27 marzo, dicendo che avrebbe avviato una revisione che potrebbe richiedere mesi. Randall insiste che non ci sono ospedali o trapianti Il sistema si muove velocemente.

A partire dal 5 aprile, quando è stata intentata la causa, i “tempi di attesa di Randall sono stati calcolati erroneamente nel software UNet di UNOS, calcolando erroneamente la candidatura del querelante per un donatore di rene dalla lista d’attesa nazionale per i reni”, sostiene la causa.

Un portavoce dell’UNOS ha detto che l’organizzazione avrebbe portato la questione in tribunale. “Poiché si tratta di un caso attivo, non è possibile fornire ulteriori dettagli in questo momento”, ha scritto Anne Baske in una e-mail.

In una dichiarazione, Cedars-Sinai ha affermato di non poter discutere dei singoli pazienti, ma “in quanto organizzazione fondata sull’equità, la diversità e l’inclusione, Cedars-Sinai rimane impegnata per la salute e il benessere di tutti coloro che ci prendono cura”.

Il caso è l’ultimo tentativo di sfidare le politiche e il funzionamento del complesso sistema di trapianti di organi del Paese negli ultimi anni. Due azioni legali simili sono state intentate nei tribunali federali di New York e Washington nel 2021 e nel 2o22.

READ  La donna australiana scomparsa sopravvive a 5 giorni di alcol e caramelle nella boscaglia: NPR

Il mese scorso, il governo ha annunciato l’intenzione di rivedere l’intero sistema di scambio, inclusa la rottura del monopolio che opera dal 1986.

Una commissione del Senato che da tre anni indaga su problemi di lunga data nel sistema ha pubblicato ad agosto un rapporto critico che riteneva UNOS e organizzazioni in tutto il paese responsabili di 70 morti inutili e 249 malattie durante lo screening degli organi utilizzati per errori. Chirurgia dei trapianti.

Un cane da guardia della tecnologia del governo ha chiesto una revisione completa del sistema arcaico di spostamento degli organi dagli ospedali ai riceventi.

La principale preoccupazione per i pazienti trapiantati è che ci sono circa 104.000 persone in lista d’attesa, la maggior parte delle quali è alla ricerca di reni. Calcolando, da 17 a 33 di loro aspettano ogni giorno reni, fegato, polmoni, cuore e altri organi.

È opinione diffusa che il sistema sia razzialmente squilibrato. I neri hanno una probabilità tre volte maggiore di sviluppare malattie renali rispetto ai bianchi Ma la possibilità di scopare è molto bassa Mettiti in lista d’attesa per un trapianto o un rene.

In un rapporto del 2022, le National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine hanno citato una ricerca che mostra che i neri hanno meno probabilità dei bianchi di essere giudicati candidati idonei per i trapianti; I neri hanno il 37% in meno di probabilità rispetto ai bianchi di essere sottoposti a dialisi prima che ne abbiano bisogno; E i neri aspettano in media 727 giorni per i reni dopo essere stati inseriti nella lista d’attesa, mentre i bianchi aspettano in media 374 giorni.

READ  First Republic, Credit Suisse, UPS, New York Community, Bed Bath e molti altri promotori

Il caso di Randall indica un altro problema. Il tempo in lista d’attesa fa parte del calcolo che determina quali pazienti riceveranno il primo colpo ai reni. Il posizionamento nell’elenco dipende dal fatto di scendere al di sotto di una soglia che indica una scarsa funzionalità renale, secondo la sua causa.

La ricerca non plausibile suggerisce che i neri raggiungono quel limite prima dei bianchi perché producono più muscoli e più aminoacidi creatina, parte di una misura utilizzata per determinare quanto male funzionano i reni. Nel progettare il meccanismo per dare la priorità ai trapianti di rene, il sistema di trapianto ha utilizzato un “passaggio” dal 16% al 18% per bilanciare il vantaggio per i neri.

Randall sostiene che la formula ha svantaggiato lui e altri neri per decenni. Ha insistito sul fatto di essere il secondo in fila per un rene a dicembre ed è stato chiamato in ospedale per prepararsi a un intervento chirurgico, ma non era disponibile. Ha insistito sul fatto che se il suo tempo di attesa effettivo fosse stato parte del calcolo, avrebbe potuto ricevere l’organo.

“Ha questo ritardo nel processo di ottenere un rene”, ha detto l’avvocato di Randall, Matthew L. disse Venezia. “Avrebbero potuto modificare il suo tempo di attesa”, ha detto di Cedars-Sinai. “Non… molti di questi pazienti non hanno nemmeno 18 mesi”.

Venezia ha detto che Randall si aspetta più di 5 milioni di dollari per sé e per altri neri in lista d’attesa per il trapianto di rene, oltre a un ricalcolo immediato del suo tempo di attesa, quindi sarà in una posizione migliore una volta che un rene sarà disponibile. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *