Cosa sappiamo del sottomarino esploratore del Titanic scomparso?



Cnn

Un sommergibile Trasporta cinque persone Guarda i resti Il Titanic è ancora disperso sul fondo dell’Oceano Atlantico settentrionale Massiccia operazione di ricerca dalle autorità statunitensi e canadesi.

Il sottomarino Titan era in rotta verso il famoso relitto al largo della costa di St. John’s, Terranova, in Canada, quando perse il contatto. Insieme alla sua nave di supporto, ha lasciato all’equipaggio solo ossigeno sufficiente per 3 o 4 giorni.

Ecco cosa sappiamo finora.

Il sottomarino faceva parte di una crociera di otto giorni organizzata da OceanGate Expeditions. La spedizione è partita da Terranova e i partecipanti hanno percorso per la prima volta 400 miglia nautiche fino al sito del relitto, a 900 miglia (1.450 chilometri) al largo della costa di Cape Cod, nel Massachusetts.

Il sottomarino ha iniziato la sua discesa di due ore domenica mattina. I funzionari hanno detto che ha perso il contatto con la nave di supporto Polar Prince, che ha scortato la nave alla base, dopo 1 ora e 45 minuti.

Quel giorno è stata avviata un’operazione di ricerca.

Non è ancora chiaro cosa sia successo al sottomarino, perché abbia perso il contatto e quanto fosse vicino al Titanic quando è scomparso.

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

Le cinque persone a bordo includevano un pilota e quattro “specialisti di missione”, ha dichiarato il contrammiraglio John Mager, comandante del primo distretto della guardia costiera degli Stati Uniti.

Il CEO e fondatore di OceanGate Stockton Rush è tra quelli a bordo, secondo una fonte a conoscenza del piano di lavoro.

Anche Hamish Harding, un uomo d’affari britannico con sede negli Emirati Arabi Uniti, è a bordo, secondo un post sui social media della sua compagnia Action Aviation.

“Il sottomarino è stato lanciato con successo e Hamish si sta attualmente tuffando”, ha dichiarato domenica la società in un post su Instagram.

Harding è stata una delle prime persone a navigare sul Challenger Deep nell’Oceano Pacifico, il punto più profondo conosciuto sulla Terra.

Sabato, ha scritto sulla missione Titanic: “Sono finalmente orgoglioso di annunciare che mi sono unito a OceanGate Expeditions per la loro missione RMS Titanic come specialista di missione in crociera sul Titanic”.

Da Hamish Harding/Facebook

Hamish Harding ha pubblicato una foto del sommergibile sui suoi account sui social media il 17 giugno.

Harding ha detto sabato sui social media che il subacqueo Paul-Henri Narjolet avrebbe dovuto immergersi con lui domenica. Norjolette ha fatto diversi viaggi sul Titanic e ha supervisionato il recupero di molti manufatti dal relitto. squadra E/MNargeolet era il direttore della ricerca subacquea.

READ  Il leader di Wagner Evgeny Prigozhin è stato lasciato fuori dal freddo

La CNN ha cercato di raggiungere Norjolett in modo indipendente, ma senza successo.

A bordo c’erano anche l’uomo d’affari pakistano Shahjata Dawood e suo figlio Sulaiman Dawood, ha detto la famiglia in una dichiarazione martedì. La comunicazione è stata interrotta e sono disponibili informazioni limitate, ha affermato.

Shahjata Dawood è un amministratore del SETI Institute, un istituto di ricerca in California, secondo il suo sito web. È anche vicepresidente della Dawood Hercules Corporation, parte del Dawood Group, un conglomerato di varie aziende a conduzione familiare.

Le autorità non hanno identificato pubblicamente i passeggeri a bordo e lunedì hanno detto che stavano ancora avvisando le loro famiglie.

Il sito web OceanGate afferma che le sue crociere costano più di $ 250.000 e in genere includono un pilota, uno “specialista dei contenuti” e tre passeggeri paganti.

I funzionari della Guardia Costiera hanno stimato lunedì pomeriggio di aver trattenuto l’ossigeno per “da 70 a 96 ore complete”, dando ai soccorritori fino a venerdì per trovare e recuperare la nave.

Martedì, i funzionari della Guardia Costiera degli Stati Uniti hanno dichiarato in una conferenza stampa delle 13:00 ET che all’uomo annegato erano rimaste circa 40 ore di ossigeno.

La profondità della loro area mancante può essere una sfida. IL Il salvataggio subacqueo più profondo di sempre Roger Chapman e Roger Mallinson si sono ripresi dal sottomarino Pisces III nel 1973 a una profondità di 1.575 piedi. Sono rimasti intrappolati per 76 ore.

Il relitto del Titanic è molto profondo, a quasi 13.000 piedi sotto il livello del mare.

Altri fattori che complicano la ricerca includono la sua posizione remota, incognite come il tempo locale e le condizioni di immersione e se le squadre di ricerca dispongono di dispositivi operativi come segnali acustici che possono essere rilevati.

Secondo i meteorologi della CNN, la regione sta vedendo mari agitati e condizioni nebbiose alte fino a sei piedi. Sebbene non insolito per la regione, può causare ritardi per le squadre di ricerca a causa della difficoltà nell’utilizzo di apparecchiature aeree con nuvole basse.

Secondo OceanGate, il Titan è un sottomarino da 23.000 libbre fatto di fibra di carbonio e titanio.

Come caratteristica di sicurezza, la società afferma di utilizzare un “sistema proprietario di monitoraggio della salute dello scafo in tempo reale (RTM)” che analizza lo stress e l’integrità strutturale della nave. Se vengono rilevati problemi, verrà attivato un “allarme preventivo” per il pilota, “lasciando tempo sufficiente … per tornare in superficie in sicurezza”.

A differenza di un sottomarino, un sottomarino ha una riserva di carica limitata, quindi ha bisogno di una nave madre che possa lanciarlo e recuperarlo, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration.

Quando Il corrispondente della CBS David Bock L’anno scorso ha viaggiato sul Titanic, dove il Titanic si è schiantato. Alla chiamata di OceanGate, ha detto che il portello era sigillato dall’esterno con 17 bulloni, nessun altro modo.

Senza GPS subacqueo, il sottomarino è guidato solo da messaggi di testo dalla nave di superficie. Durante il viaggio di Bogue, ha detto che il sottomarino è rimasto perso per più di due ore dopo che la comunicazione si è interrotta durante un’immersione.

Il pilota utilizza un controller per videogiochi per azionare il compagno, ma se questo fallisce un sistema cablato può controllare le eliche, ha detto Aaron Newman, che ha navigato sul Titanic nel 2021, a Tom Foreman della CNN.

I propulsori sono alimentati da un sistema elettrico esterno. Un sistema interno fornisce l’alimentazione per i comandi dello sterzo, le comunicazioni e un riscaldatore, ha aggiunto.

Il sottomarino usa la zavorra per rimanere sott’acqua. Per liberare la zavorra, gli occupanti hanno fatto oscillare la nave, ha detto Newman. Se quella manovra non lo risolve, hanno una pompa pneumatica per liberare il peso.

Se tutto il resto fallisce, le linee che fissano la zavorra si staccano dopo 24 ore per inviare automaticamente il sottomarino in superficie, secondo Newman, ora investitore in Oceangate.

01:55 – Fonte: CNN

Ammira l’interno del sottomarino normalmente utilizzato per il viaggio sul Titanic

Thomas Shugard, un ex capitano di un sottomarino della Marina degli Stati Uniti e ricercatore presso il Center for a New American Security, ha detto alla CNN che non va bene che le squadre di ricerca non abbiano ancora notizie del sottomarino scomparso.

READ  L'ucraino Zelenskiy visita la Polonia mentre gli alleati aumentano gli aiuti militari

“Se avessero avuto un problema relativamente minore e fossero stati costretti a riemergere inaspettatamente, verrebbe da pensare che a quest’ora sarebbe stato rilevato un localizzatore. Se invece fossero rimasti bloccati sul fondo per qualche motivo, non ho ancora sentito parlare di un salvataggio capacità che potrebbe recuperarli in tempo”, ha detto.

La guardia costiera degli Stati Uniti ha twittato lunedì che la ricerca sarebbe continuata nella notte. Ha iniziato a scansionare la superficie dell’oceano domenica quando il sottomarino è stato segnalato come disperso.

Barche, aerei e apparecchiature radar sono state utilizzate per scansionare l’acqua se sommersa. Anche le apparecchiature sonar su boe sonar e navi mercantili sono state utilizzate per rilevare i suoni sott’acqua.

La Guardia Costiera degli Stati Uniti sta coordinando la ricerca insieme alla Marina degli Stati Uniti, alla Guardia Costiera canadese e all’Esercito canadese.

Anche il 106th Rescue Wing della US Air National Guard è volato nell’area, così come due C-130. Le ricerche in superficie e nel sottosuolo della Guardia Costiera canadese continueranno martedì mattina.

OceanGate ha affermato di aver ricevuto sovvenzioni da agenzie governative e società di acque profonde. Anche un comproprietario del sottomarino, il Polar Prince, ha assistito alla ricerca, ha detto un comproprietario.

Ma trovare un sommergibile è solo il primo passo; Recuperarlo può essere una sfida diversa.

A seconda di dove ea quale profondità si trova il sottomarino, le navi di soccorso possono avere opzioni limitate.

Ad esempio, i sottomarini a propulsione nucleare della Marina degli Stati Uniti in genere operano ad altitudini di 800 piedi o meno, il che significa che non possono scendere sotto il fondo del mare, dove la pressione dell’acqua sopra il sottomarino potrebbe farlo esplodere.

La Marina ha sommergibili di recupero specializzati, ma anche loro possono recuperare solo a una profondità di 2.000 piedi, secondo il Comando di soccorso subacqueo della Marina.

Durante il salvataggio del 1973, i funzionari hanno utilizzato altri sottomarini e una nave di salvataggio costruita dalla Marina gestita a distanza per collegare le cime al Pisces III, che è stato poi utilizzato per rimorchiarlo in superficie.

Non è chiaro se questi metodi funzioneranno per Titan, data l’incertezza che circonda la sua posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *