La Fed è pronta per un rialzo dei tassi con l’avvicinarsi dell’estate

WASHINGTON, 14 giugno (Reuters) – La Federal Reserve dovrebbe lasciare i tassi di interesse invariati mercoledì per la prima volta da quando la banca centrale statunitense ha dato il via a un round storicamente aggressivo di politica monetaria nel marzo 2022.

Ma non chiamatelo perno o pausa.

Sono in arrivo altri rialzi dei tassi, mentre i politici si prendono del tempo alla fine del loro incontro di due giorni per valutare come si sta sviluppando l’economia, se il sistema finanziario è stabile e se l’inflazione continua a scendere.

Grafica Reuters Grafica Reuters

“Abbiamo bisogno di un po’ più di inasprimento, ma non è chiaro quanto”, ha detto D. Blerina Urucci, capo economista statunitense presso la divisione reddito fisso di Rowe Price Associates, ha affermato che, nonostante la forza dei recenti rapporti sull’occupazione e sull’inflazione principale, una lettura “sfumata” dei dati ha mostrato che entrambi potrebbero essere destinati alla debolezza.

“Quando c’è così tanta incertezza, ha senso essere cauti”, ha detto.

La banca centrale pubblicherà la sua dichiarazione politica e le nuove previsioni economiche trimestrali alle 14:00 EDT (18:00 GMT). Il presidente della Fed Jerome Powell terrà una conferenza stampa mezz’ora dopo.

Un senso di cautela nei confronti dell’economia in competizione con le continue preoccupazioni sull’inflazione ha portato la banca centrale a questa posizione, sull’orlo di quello che gli analisti chiamano un “salto da falco”.

Con i costi di finanziamento che probabilmente eviteranno di salire dopo 10 rialzi consecutivi che hanno spinto il tasso di interesse overnight all’attuale intervallo 5,00%-5,25%, i responsabili delle politiche delle banche centrali tonificheranno simultaneamente il loro linguaggio e le previsioni per uno o due aumenti di un altro quarto di punto percentuale entro il fine 2023.

READ  Papa Francesco è stato dimesso da un ospedale di Roma dopo un intervento chirurgico

Compromesso politico

I dati dell’ultima riunione della Fed all’inizio di maggio hanno fornito ai politici segnali difficili da leggere e molto spazio per il dibattito.

L’economia continua a registrare forti guadagni mensili di posti di lavoro e salari, e una delle misure più seguite dalla Fed – il rapporto tra posti di lavoro aperti e numero di disoccupati – è aumentata di recente, suggerendo che il mercato del lavoro è disallineato tra la domanda di lavoratori. e disponibile.

L’inflazione sta diminuendo solo lentamente e alcuni suoi aspetti sono più persistenti del previsto. L’indice dei prezzi della spesa per consumi personali, attentamente monitorato, che esclude cibo ed energia, non è migliorato molto quest’anno, salendo a un tasso annuo del 4,7% fino ad aprile, più del doppio dell’obiettivo del 2% della banca centrale.

Alcune misure dei prezzi più lungimiranti mostrano che l’inflazione diminuirà drasticamente nei prossimi mesi; Il tasso di disoccupazione è aumentato significativamente dal 3,4% al 3,7% di maggio; E il tasso di crescita anno su anno dei prestiti bancari sta scivolando verso lo zero, parte di una stretta creditizia, con la banca centrale che osserva attentamente i segnali di stress del settore finanziario.

L’attesa decisione politica rappresenta un compromesso in mezzo a qualche incertezza su cosa significherà, con i funzionari della banca centrale preoccupati che l’economia si indebolirà rapidamente con almeno sei settimane prima della riunione del 25-26 luglio, e indicatori di inflazione ancora più alti, se il prezzo le pressioni non si allentano, sappiate che la banca centrale sarà pronta ad alzare i tassi.

La decisione non significa che i rialzi dei tassi siano in una pausa prolungata o – un punto che Powell potrebbe sottolineare – che un taglio dei tassi sia previsto a breve.

READ  Momenti di moda sul tappeto rosso ai SAG Awards

Le ultime proiezioni trimestrali della banca centrale prevedevano che il tasso overnight scendesse solo fino alla fine del 2024 con il calo anche dell’inflazione, mosse che manterrebbero il tasso di interesse aggiustato per l’inflazione all’incirca lo stesso. Solo nel 2025, quando si prevede che il tasso ufficiale scenda più dell’inflazione, si vedrà un vero e proprio “perno” verso una politica più flessibile.

Relazione di Howard Schneider; Montaggio di Paul Simao

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Howard Schneider

Thomson Reuters

Laureato alla U.S. Federal Reserve, politica monetaria ed economia, Università del Maryland e Johns Hopkins University, ha precedenti esperienze come corrispondente estero, corrispondente economico e nello staff locale del Washington Post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *