Un altro giro di attività di tornado è possibile per il Midwest, le pianure e il sud

Il maltempo che ha ucciso 32 persone nel sud e nel Midwest durante il fine settimana è svanito, ma un altro ciclo di temporali ha colpito la stessa area martedì.

I meteorologi federali hanno affermato che vento, fulmini, grandine e pioggia, insieme alla possibilità di un tornado in rapido movimento, forte e di lunga durata, colpiranno il terzo orientale del paese martedì pomeriggio e mercoledì durante la notte.

Le tempeste più violente possono verificarsi dopo il tramonto, rendendo i tornado due volte più pericolosi dei tornado diurni.

Martedì e durante la notte sono previste forti tempeste su una vasta area che si estende dai Grandi Laghi a sud fino al nord del Texas. Le tempeste inizieranno prima in Iowa e Illinois, ma dopo la mezzanotte in alcune parti dell’Oklahoma e dell’Arkansas.

Nella parte meridionale della zona di pericolo, la maggior parte dei temporali si verifica di notte. Possibili grandinate e raffiche di vento fino a 120 km/h.

Un uragano forte come un EF-2, con venti sostenuti di 111 mph, ha un’ulteriore possibilità di soffiare aria fredda da nord e aria calda e relativamente umida dal Golfo del Messico, hanno detto i meteorologi.

Se i venti forti cambiano direzione, si tuffano e sostituiscono le supercelle, i mesocicloni formano verticali, i temporali e le tempeste vorticose, il sistema crea condizioni fertili per gli uragani, hanno detto.

Chicago, Detroit, Indianapolis e Toledo, Ohio sono le città più a rischio per un forte uragano.

“Se si formano”, ha detto la meteorologa del National Weather Service Melissa Byrd dei temporali, “hanno il potenziale per tornado molto grandi e forti”.

Secondo la divisione meteorologica di NBC News, martedì 42 milioni di persone erano a rischio di forti tempeste. Mentre il sistema delle tempeste si estende dal nord del Michigan al nord della Louisiana, entro mercoledì saranno colpite circa 62 milioni di persone.

READ  I record di calore sono stati battuti in tutto il mondo

Il National Weather Service afferma che il maltempo si svilupperà lungo una linea verticale da Des Moines, Iowa, a Little Rock, Arkansas.

Springfield, Missouri, si unisce a Cedar Rapids, Iowa, Davenport, Waterloo e Iowa City come obiettivi per il peggio del fronte, che il servizio meteorologico ha descritto come a rischio moderato di forti temporali.

“Sono previsti forti tornado e venti particolarmente dannosi”, ha detto lunedì il servizio meteorologico in una dichiarazione di outlook. “Ci sarà la possibilità di gravi tornado notturni in varie aree per tutto il pomeriggio e durante la notte”.

La città più grande più vicina alle condizioni meteorologiche più estreme previste è St. Louis, dove a maggio non sono rari i temporali e persino qualche attività di tornado. Ma questa volta l’area viene ripulita.

“Potremmo vedere due turni di maltempo nel pomeriggio e nella notte di domani”, ha detto Byrd, che ha sede presso l’ufficio del servizio meteorologico nella vicina St. Charles.

Nel Wyoming, nel Dakota e nel Minnesota, a nord e a ovest di quei temporali, lo stesso fronte produrrà condizioni di bufera di neve e quantità record di neve – fino a 2 piedi in alcuni punti – sono possibili per aprile, ha detto il servizio meteorologico. e la divisione meteorologica di NBC News.

Gli esperti affermano che gli Stati Uniti e l’emisfero australe stanno vivendo un brutto tempo, con i fronti freddi delle tempeste canadesi e del Pacifico che si spostano verso sud e est e si scontrano con l’aria tropicale proveniente dal Golfo del Messico.

Ma il cambiamento climatico peggiorerà gli eventi estremi, provocando fronti freddi più freddi, uragani più forti e grandinate più grandi in primavera e strisce calde più lunghe in estate, hanno detto.

READ  2023 Preakness Stakes cavalli, futures, probabilità, data: Esperti scelgono 9 degli ultimi 18 vincitori rilasciati

A metà marzo, le previsioni primaverili della National Atmospheric and Oceanic Administration prevedevano inondazioni da moderate a gravi da Minneapolis a St. Louis, nonostante la continua siccità nelle pianure settentrionali e centrali.

“Il cambiamento climatico sta guidando estremi sia più umidi che più secchi”, ha detto l’amministratore della NOAA Rick Spinrad nell’outlook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *