Meadows, Giuliani tra gli Arizona incriminati nell'ultimo caso di manomissione delle elezioni del 2020



CNN

Un gran giurì in Arizona ha presentato un atto d'accusa contro i soci dell'ex presidente Donald Trump in relazione ai loro sforzi per contrastare la sua sconfitta alle elezioni del 2020. Elettori falsi Molte persone provenienti da quello stato sono associate alla sua campagna.

Boris Epstein, ex assistente della Casa Bianca e uno dei più stretti consiglieri di Trump; Ex capo di gabinetto della Casa Bianca Marco Prati; E Rudy Giuliani Secondo una fonte vicina alle indagini, gli imputati includono

Il procuratore generale dell'Arizona Chris Mayes, un democratico, ha annunciato l'atto d'accusa mercoledì sera, prendendo di mira 11 persone che hanno agito come elettori pro-Trump nello stato. Molti dei nomi degli imputati verranno cancellati in attesa della notifica di quelle persone, ha detto Mays in una dichiarazione mercoledì.

“Un gran giurì statale, composto da comuni cittadini dell'Arizona, ha ora incriminato tutti gli 11 elettori repubblicani e molti altri associati a questo progetto”, ha detto Mays. “Si tratta di accuse gravi, ma questo è il primo ostacolo che lo Stato deve superare nel nostro sistema di giustizia penale costituzionale. Intendiamo dimostrare che questi crimini sono stati commessi oltre ogni ragionevole dubbio.

Sebbene Trump non sia tra le persone accusate in Arizona, l'atto d'accusa precisa che si tratta di “Coconspiratore non incriminato 1.”

La CNN ha contattato l'imputato per un commento.

L'accusa in Arizona contiene nove accuse che vanno dalla cospirazione e racket al coinvolgimento in schemi di racket. Poiché l’accusa è stata parzialmente cancellata, non è chiaro quali accuse debbano affrontare i soci di Trump Meadows, Epshteyn e Giuliani.

“Il popolo dell'Arizona e degli Stati Uniti d'America, il 3 novembre 2020, ha eletto presidente Joseph Biden”, si legge nell'atto di accusa. “Non volendo accettare questo fatto, gli imputati e i cospiratori non incriminati hanno cospirato per bloccare il trasferimento legale della presidenza per mantenere in carica il Coconspiratore 1 non incriminato contro la volontà degli elettori dell'Arizona”.

Secondo l'accusa, il piano invitava elettori fasulli a votare fraudolentemente per Trump, “affermando falsamente di essere debitamente eletti e idonei elettori per il presidente e il vicepresidente degli Stati Uniti dallo Stato dell'Arizona”.

“Gli imputati hanno ingannato i cittadini dell'Arizona sostenendo falsamente che quei voti riguardavano solo una sfida legale che avrebbe cambiato l'esito delle elezioni”, continua l'accusa. “In effetti, gli imputati presumevano che i loro voti errati per Trump-Pence avrebbero incoraggiato Pence a respingere il voto Biden-Harris il 6 gennaio 2021, indipendentemente dall'esito della sfida legale”.

READ  Le modifiche di Twitter hanno immediatamente sostituito le interruzioni diffuse dopo l'acquisizione di Elon Musk

Il piano fallì il 6 gennaio 2021, quando l’allora vicepresidente Mike Pence accettò i voti elettorali per Joe Biden, dice l’accusa.

Epstein Trump non è stato precedentemente accusato di aver tentato di invertire una sconfitta post-elettorale del 2020. Epstein, che funge da consulente legale di Trump, parla con l’ex presidente regolarmente e, a volte, più volte al giorno. Da quando si è unito alla campagna di Trump del 2016, è stato ampiamente considerato come uno dei consiglieri più fieramente leali di Trump.

Epshteyn, che si è recato a New York dopo l'impeachment di Trump, si è seduto in tribunale con lui quando è stato chiamato in giudizio. È stata anche vista viaggiare con Trump sia in Georgia che a Washington, DC. Sebbene non lo abbia rappresentato in nessuno dei suoi attuali casi legali, Epstein è stato determinante nell’assunzione di molti avvocati di Trump e in alcune delle loro dimissioni.

Timothy Parlatore, coinvolto da Epshteyn dopo essersi ritirato dal rappresentare Trump nell'indagine del procuratore speciale sulla gestione di documenti riservati da parte di Trump, ha affermato che i disaccordi con Epshteyn hanno spinto la sua partenza.

“Ha fatto tutto il possibile per fermarci”, ha detto Parladore alla CNN.

Altri nell’orbita di Trump sostengono da tempo che il comportamento audace di Epstein potrebbe essere uno svantaggio per Trump.

Sono stati incriminati anche i funzionari della campagna Eastman e Trump 2020

I nomi di diversi imputati nel caso dell'Arizona sono stati cancellati perché non sono ancora stati nominati, l'atto d'accusa descrive il loro ruolo nella presunta cospirazione.

Altre persone accusate nell'atto d'accusa in Arizona ma i cui nomi sono stati oscurati, ha detto alla CNN una fonte vicina all'indagine, sono i soci di Trump Mike Roman, un funzionario della campagna 2020; L'avvocato della campagna Trump Jenna Ellis; e l'avvocato conservatore John Eastman.

Anche Roman, Ellis e Eastman furono accusati di frode elettorale in Georgia, insieme a Meadows e Giuliani. Ellis Ha confessato il delitto Un atto d'accusa nel caso Georgia. Altri si sono dichiarati non colpevoli.

Meadows, il cui nome è stato cancellato nell’accusa ma è elencato come capo dello staff di Trump nel 2020, “ha lavorato con i membri della campagna di Trump per coordinare ed elaborare voti elettorali repubblicani fraudolenti in Arizona e in altri sei stati”, afferma l’accusa. e “(Trump) ha fatto diversi tentativi per rimanere al potere nonostante abbia perso le elezioni”.

L'uomo, identificato dalla CNN come Giuliani, è stato descritto mentre diffondeva false accuse di frode elettorale in tutto il paese dopo le elezioni del 2020, sostenendo falsamente che i funzionari dell'Arizona “non hanno fatto alcuno sforzo per scoprire” se il voto fosse accurato e “incoraggiando gli elettori repubblicani a farlo”. Arizona e in altri sei stati contestati, il 14 dicembre, per votare per Trump-Pence nel 2020”, dice l’accusa.

Altri imputati senza nome hanno incoraggiato Pence a rifiutare o ritardare la registrazione degli elettori alle elezioni del 6 gennaio per ribaltare i risultati delle elezioni del 2020, diffondere false accuse di frode elettorale, incoraggiare elettori fraudolenti e lavorare per implementare un programma elettorale fraudolento in Arizona.

Il caso di studio si aggiunge alle azioni intraprese per conto di Trump dalle ultime elezioni. Il team legale di Trump sosterrà che giovedì sarà alla Corte Suprema Esenzione dal contenzioso In caso di interferenza elettorale centrale, allo stesso tempo Trump è sotto processo a New York Relativo al pagamento per insabbiare una presunta vicenda avvenuta prima delle elezioni del 2016.

Mercoledì il Partito repubblicano dell'Arizona in una dichiarazione ha definito le accuse “un abuso palese e senza precedenti”.

“Le accuse odierne del procuratore generale Chris Mayes rappresentano un palese e senza precedenti abuso del potere giudiziario che serve solo a distrarre il pubblico dagli importanti dibattiti politici su cui il nostro Paese deve concentrarsi mentre ci avviciniamo alle elezioni del 2024”, si legge nella dichiarazione. “La tempistica di queste accuse – esattamente quattro anni dopo le elezioni del 2020 e la richiesta di rielezione del presidente Biden – è sospettosamente conveniente e politicamente motivata. Questa non è giustizia; questa è pura interferenza elettorale.

Il caso dell'Arizona è l'ultima causa a livello statale mirata ai piani di Biden per aumentare il suo successo elettorale. I pubblici ministeri del Michigan, della Georgia e del Nevada hanno presentato accuse penali contro alcuni di quegli stati che si sono iscritti come elettori fraudolenti. Gli investigatori del Wisconsin stanno conducendo un'indagine simile.

Un gran giurì per indagare sugli sforzi volti a modificare i risultati delle elezioni del 2020 nella contea di Maricopa in Arizona si è riunito prima che Mays annunciasse le accuse questa settimana.

CNN riportato in precedenza I pubblici ministeri dell'Arizona hanno emesso mandati di comparizione presso il gran giurì a diverse persone associate alla campagna di Trump e che hanno lavorato come frodi elettorali da parte dello stato, un segno che le indagini stanno accelerando in vista delle elezioni presidenziali del 2024.

Alcuni dei falsi elettori accusati alla fine in Arizona sono comparsi di recente davanti a un gran giurì, citando le protezioni del Quinto Emendamento contro l'autoincriminazione, hanno detto alla CNN fonti vicine alle indagini.

Mayes inizialmente ha concentrato la sua indagine su 11 elettori fraudolenti dell'Arizona e su coloro che hanno contribuito a organizzarli, ma fonti recentemente hanno detto alla CNN che sta anche esaminando persone legate alla campagna nazionale dell'ex presidente.

“Abbiamo condotto un'indagine approfondita e professionale negli ultimi 13 mesi sul sistema elettorale fraudolento nel nostro stato”, ha detto mercoledì Mays. “Capisco che la giornata di oggi non arriverà abbastanza velocemente per alcuni di voi. E so che verrò criticato da altri per aver condotto questa indagine. Ma come ho detto prima, e lo ripeto oggi, non permetterò che la democrazia americana si eroda.

Diversi funzionari a livello statale dell'Arizona hanno detto al comitato ristretto della Camera che indaga sulle rivolte del Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio 2021 che Trump e i suoi alleati hanno cercato di fare pressione sui risultati delle elezioni statali.

I finti elettori di Trump si riuniscono presso la sede statale del Partito repubblicano a Phoenix il 14 dicembre 2020. Trasmettere se stessi Si dice che si stiano preparando a firmare i documenti fornito Un avvocato della campagna di Trump afferma che sono legittimi rappresentanti dei voti elettorali dello stato.

All’epoca, la sconfitta di Trump nello stato – per meno di 11.000 voti – era già stata certificata dal suo governatore repubblicano, confermando che Biden aveva vinto l’Arizona nelle elezioni presidenziali del 2020. Ma nelle settimane successive, alcuni falsi elettori hanno continuato a fare pressioni su Pence affinché allontanasse i legittimi elettori democratici.

Il piano di frode elettorale e la campagna di pressione contro Pence sono i punti focali dell'accusa federale del procuratore speciale Jack Smith contro Trump.

Questa storia e il titolo sono stati aggiornati con ulteriori rapporti.

Kristen Holmes Rashard Rose della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *