I posti di lavoro negli Stati Uniti più bassi in 2 anni e mezzo; Il mercato del lavoro è ancora teso

  • I libri paga non agricoli sono aumentati di 209.000 unità a giugno
  • Il tasso di disoccupazione scende al 3,6% dal 3,7% di maggio
  • La retribuzione oraria aumenterà dello 0,4%; Un aumento del 4,4% annuo
  • La settimana lavorativa media passa da 34,3 ore a 34,4 ore

WASHINGTON, 7 luglio (Reuters) – L’economia statunitense ha aggiunto il minor numero di posti di lavoro in 2 anni e mezzo a giugno, ma la continua forte crescita dei salari ha indicato condizioni del mercato del lavoro ancora più tese, spingendo la Federal Reserve a rialzare i tassi di interesse. Dopo questo mese.

Venerdì, un rapporto sull’occupazione attentamente monitorato dal dipartimento del lavoro ha mostrato che sono stati creati 110.000 posti di lavoro in meno in aprile e maggio, indicando che i maggiori costi di indebitamento continuano a pesare sulle imprese. Il mese scorso c’è stato un aumento del numero di persone che lavorano part-time per motivi economici, in parte perché le loro ore sono state ridotte a causa della lentezza del lavoro o delle condizioni di lavoro.

Tuttavia, il ritmo della crescita dei posti di lavoro è forte rispetto alle norme storiche e questa settimana si è aggiunto ai dati che mostrano un’accelerazione dell’attività nel settore dei servizi, suggerendo che l’economia non è neanche lontanamente vicina a una recessione prevista da tempo.

“I numeri dei salari si sono indeboliti, ma il mercato del lavoro rimane forte”, ha affermato Sean Snaith, direttore dell’Institute for Economic Forecasting dell’Università della Florida centrale. “Il lavoro della banca centrale non è affatto finito. Siamo in una lunga battaglia contro l’inflazione, e nulla nel comunicato odierno suggerisce il contrario”.

I libri paga non agricoli sono aumentati di 209.000 posti di lavoro il mese scorso, il più piccolo aumento da dicembre 2020, ha mostrato il sondaggio delle aziende. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dei salari di 225.000. Questa è la prima volta che il libro paga ha deluso le aspettative in 15 mesi.

READ  Ultimo crollo dell'edificio dell'Iowa: il sopravvissuto al salvataggio perde una gamba mentre altri due temuti sono intrappolati tra le macerie di Davenport

La crescita dei posti di lavoro nella prima metà dell’anno è stata in media di 278.000 al mese. L’economia ha bisogno di creare 70.000-100.000 posti di lavoro al mese per tenere il passo con la crescita della popolazione in età lavorativa.

La crescita dell’occupazione è dovuta in parte alle aziende che accumulano lavoratori mentre l’economia si riprende dalle ricadute della pandemia di COVID-19 nel 2021 e all’inizio del 2022.

Mentre industrie ben pagate come la tecnologia e la finanza stanno eliminando i lavoratori, settori come il tempo libero e l’ospitalità e l’istruzione del governo locale stanno perdendo dipendenti e sperimentando rapidi pensionamenti durante la pandemia.

L’occupazione nel governo è aumentata di 60.000 unità, sostenuta da un aumento di 59.000 unità nelle retribuzioni statali e locali. L’occupazione nel governo è di 161.000 al di sotto dei livelli pre-pandemia.

I salari privati ​​sono aumentati di 149.000 unità, il più piccolo aumento da dicembre 2020. I libri paga dell’assistenza sanitaria sono aumentati di 41.000 unità, riflettendo le assunzioni negli ospedali, nelle strutture di assistenza infermieristica e residenziale e nei servizi di assistenza sanitaria a domicilio.

L’occupazione nell’edilizia è aumentata di 23.000 unità. Il mercato immobiliare mostra segnali di ripresa dopo essere stato colpito dall’aumento dei tassi sui mutui. La Fed ha alzato il suo tasso ufficiale di 500 punti base da marzo 2022, la sua campagna di inasprimento della politica monetaria più veloce in oltre 40 anni.

In aumento anche gli occupati nei servizi professionali e alle imprese, anche se l’aiuto interinale, propedeutico a future assunzioni, è diminuito di 12.600 unità. I salari del settore manifatturiero sono rimbalzati modestamente poiché il settore ha faticato a frenare la domanda. Tuttavia, i posti di lavoro al dettaglio sono diminuiti di 11.200 unità.

READ  Guerra in Ucraina: il generale Kyrillo Budanov giura vendetta dopo l'ultimo attacco a Kiev

I salari per pensionamento e ospitalità sono aumentati di 21.000. Tuttavia, il ritmo è rallentato rispetto al primo trimestre. La domanda potrebbe rallentare o le aziende hanno difficoltà a trovare lavoratori, come rilevato in un sondaggio di giugno dell’Institute for Supply Management, che ha mostrato che alcune aziende di servizi “non erano in grado di trovare candidati qualificati per alcune posizioni aperte”.

I dati del governo hanno mostrato giovedì che a maggio c’erano 1,6 posti di lavoro per ogni disoccupato. L’occupazione nel tempo libero e nell’ospitalità è di 369.000 al di sotto dei livelli pre-pandemia.

Le azioni sono state miste a Wall Street. Il dollaro è caduto contro un paniere di valute mentre i prezzi del Tesoro USA sono aumentati.

Grafica Reuters

Forti guadagni salariali

La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,4% dopo aver scalato lo stesso intervallo a maggio, poiché i lavoratori sono ancora scarsi in alcuni settori. Ciò ha portato un aumento annuo dei salari al 4,4% a giugno, troppo alto per raggiungere l’obiettivo di inflazione del 2% della banca centrale.

Grafica Reuters

La settimana lavorativa media è salita a 34,4 ore a maggio da 34,3 ore. Tuttavia, questo è inferiore alla media di gennaio di 34,6 ore.

“Le aziende continuano a trattenere i propri dipendenti ma non ad aumentare l’orario settimanale”, ha affermato Selcuk Eren, economista senior presso il Conference Board di Washington. “Ciò è coerente con gli amministratori delegati in un’economia in rallentamento che scelgono di trattenere i lavoratori con orari ridotti piuttosto che lasciarli andare per paura di future difficoltà di assunzione.”

L’accaparramento di manodopera sta aiutando l’economia ad evitare la recessione, ma a scapito della produttività, che è scesa nel primo trimestre, e dei margini di profitto. Gli economisti vedono le aziende che usano l’ascia mentre la pressione sui profitti si intensifica.

READ  Biden, la riunione di McCarthy si conclude senza un accordo sul tetto del debito

L’indagine sulle famiglie ha rilevato che il tasso di disoccupazione ha mostrato un rimbalzo di 273.000 occupati, invertendo un calo di 310.000 a maggio. Questo è più dell’aumento del numero di persone che entrano nella forza lavoro.

Di conseguenza, il tasso di disoccupazione è sceso al 3,6% a giugno dal minimo di sette mesi del 3,7% di maggio. Il tasso di disoccupazione a marzo 2022 è compreso tra il 3,4% e il 3,7%.

Grafica Reuters

Ma il numero di persone che lavorano part-time per motivi economici è aumentato di 452.000 a 4,2 milioni, riflettendo in parte un aumento di coloro che hanno tagliato l’orario a causa della lentezza del lavoro o delle condizioni di lavoro.

Il tasso di partecipazione alla forza lavoro, ovvero la percentuale di americani in età lavorativa o in cerca di lavoro, è rimasto invariato per il quarto mese consecutivo al 62,6%. Ma il tasso di partecipazione per i 25-54enni è salito all’83,5%, rispetto all’83,4% di maggio dal 2002.

Grafica Reuters

“Mentre la domanda di lavoratori rimane impareggiabile, la carenza di manodopera che i datori di lavoro sospiravano circa un anno fa si è certamente attenuata”, ha affermato Andrew Flowers, capo economista del lavoro presso Appcast. “Questo forte mercato del lavoro ha emarginato i lavoratori”.

Relazione di Lucia Muticani; Montaggio di Daniel Wallis, Chisu Nomiyama e Andrea Ricci

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *