Il ministro degli Esteri di Xi Jinping è stato licenziato dopo un mese di assenza dall’opinione pubblica

Image Alliance/AFP/Getty Images

Il nuovo ministro degli Esteri cinese Wang Yi, a sinistra, e il destituito ministro Qin Gang, a destra.


Hong Kong
Cnn

Martedì il ministro degli Esteri cinese Qin Gang è stato drammaticamente rimosso dagli occhi del pubblico e sostituito dal suo predecessore con una scossa a sorpresa e molto insolita della leadership della politica estera del paese.

La mossa improvvisa, approvata dal parlamento cinese, il massimo organo decisionale, arriva mentre il mistero vortica intorno al destino di Qin, che non è stato visto in pubblico per un mese.

Qin, 57 anni, diplomatico di carriera e fidato aiutante del presidente cinese Xi Jinping, è stato nominato ministro degli Esteri a dicembre dopo essere stato ambasciatore della Cina a Washington.

Non è stato ancora fornito alcun motivo per la partenza di Qin, ma i funzionari hanno confermato che il suo predecessore Wang Yi ora tornerà nel ruolo.

Wang, che è stato ministro degli esteri dal 2013 al 2022, ora è direttore della divisione per gli affari esteri del Partito comunista al potere, il che lo rende il principale diplomatico cinese.

La nomina del nuovo ministro degli Esteri è avvenuta martedì durante una riunione del Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo cinese. A differenza del solito precedente, la riunione di lunedì è stata annunciata bruscamente.

La mossa improvvisa arriva nel bel mezzo di un periodo diplomatico intenso e critico dopo l’uscita della Cina dall’isolamento pandemico all’inizio di quest’anno, mentre Pechino cerca di ricucire i rapporti tesi con i partner internazionali.

Il massimo diplomatico non si vedeva in pubblico dal 25 giugno, dopo aver incontrato a Pechino funzionari di Sri Lanka, Vietnam e Russia.

READ  In che modo la nuova ricerca AI di Google differisce dal chatbot di Bard?

Nella sua ultima apparizione pubblica, un sorridente Qin è stato visto camminare con il viceministro degli Esteri russo Andrey Rudenko, che si è recato a Pechino per incontrare funzionari cinesi dopo una rivolta di breve durata del gruppo di mercenari Wagner in Russia.

La scomparsa di Qin dal programma degli affari esteri della Cina non è stata completamente spiegata dal ministero, che ha citato brevemente “motivi di salute” quando ha saltato una riunione diplomatica all’inizio di questo mese.

Ciò ha causato un’apparente interruzione, con Wang Yi che ha già dovuto fare un passo indietro da quel ruolo per partecipare all’incontro annuale dei ministri degli Esteri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) in Indonesia all’inizio di questo mese.

Wang ha partecipato a una riunione chiave dei rappresentanti per gli affari di sicurezza dell’organizzazione BRICS delle economie in via di sviluppo questa settimana in Sud Africa, in vista del vertice dei leader del mese prossimo a Johannesburg.

La rapida ascesa di Qin alla carica di ministro degli Esteri e la sua nomina di candidati più esperti lo scorso anno hanno sorpreso alcuni osservatori dell’élite politica cinese, ma è stata ampiamente vista come un segno della fiducia di Xi nel diplomatico.

Ad aumentare l’intrigo della cacciata di Qin ci sono i suoi stretti legami con Xi, che ha preso il potere per un terzo mandato lo scorso autunno sfidando una norma al potere con un nuovo gruppo dirigente pieno di fedeli alleati.

“Kin Gang è stato elevato da solo tra i ranghi da Xi. Qualsiasi problema con lui si rifletterebbe negativamente su Xi – un segno che Xi non è riuscito a scegliere la persona giusta per il lavoro”, ha detto alla Galileus Web all’inizio di questo mese Deng Yuen, un ex direttore del giornale del Partito Comunista che ora vive negli Stati Uniti.

READ  Biden afferma che l'Ucraina non ha F-16 come afferma la Russia

“Quando accade qualcosa di insolito a un alto funzionario, le persone si chiedono se il loro rapporto con il leader supremo si sia deteriorato o se sia un segno di instabilità politica”, ha detto Deng.

Alti funzionari cinesi sono scomparsi dalla vista del pubblico in passato, rivelando mesi dopo di essere stati trattenuti per essere interrogati dal cane da guardia disciplinare del Partito Comunista al governo. Tali improvvise sparizioni sono diventate una caratteristica comune della campagna anticorruzione di Xi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *