Un gran giurì di New York ha incriminato un ex marine per l’uccisione di Jordan Neely

NEW YORK, 14 giugno (Reuters) – Un gran giurì di New York ha votato mercoledì per incriminare l’ex sergente della marina statunitense Daniel Penney per la morte soffocata di Jordan Neely, un senzatetto, in un vagone della metropolitana di Manhattan il mese scorso. ha detto una persona che ha familiarità con il caso.

Benny, 24 anni, è stato catturato da un video registrato da spettatori che mettevano Neely in una stretta soffocante mentre viaggiava sul treno F a Manhattan il 1° maggio.

L’omicidio ha attirato l’attenzione nazionale e ha scatenato proteste a maggio da parte di persone irritate dal ritardo della polizia nell’arrestare Neely, un uomo di colore, e Benny, che è bianco.

Alla sua prima comparizione in tribunale il mese scorso, Penny è stato accusato di omicidio colposo di secondo grado.

Le accuse o le accuse nell’accusa del gran giurì non saranno sigillate fino a quando Penny non comparirà in tribunale in un secondo momento, ha detto la persona che ha familiarità con il caso, parlando a condizione di anonimato perché non era autorizzata a parlare a verbale.

Né l’ufficio del procuratore distrettuale né l’avvocato difensore di Penny hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Penny è stato citato in giudizio il 12 maggio presso il tribunale penale di Manhattan con l’accusa di omicidio colposo di secondo grado, un crimine che comporta una pena massima di 15 anni di carcere. Il giudice Kevin McGrath ha rilasciato Penny con una cauzione di $ 100.000 e gli ha ordinato di consegnare il suo passaporto e tornare in tribunale il 17 luglio.

I pubblici ministeri dell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg hanno presentato le prove a un gran giurì di 23 residenti di Manhattan come necessario per portare un atto d’accusa per reato a New York.

READ  Sans Pertomo, attore della "Gen V" e di "Le Terrificanti Avventure di Sabrina", muore in un incidente in moto a 27 anni
La gente tiene un cartello il giorno del funerale di Jordan Neely, un uomo a New York City che è stato giudicato un omicidio dal medico legale della città dopo essere stato messo in una stretta su un treno della metropolitana dall’ex marine statunitense Daniel Penny. 19 maggio 2023. REUTERS/Shannon Stapleton/file foto

La maggior parte degli imputati non ha testimoniato davanti a un gran giurì, ma il New York Times ha riferito che Penny intendeva comparire davanti a un gran giurì sotto giuramento.

Neely, 30 anni, un imitatore di Michael Jackson di 30 anni, ha lottato con una malattia mentale e ha detto a testimoni oculari quanto fosse affamato e pronto a tornare in prigione o morire.

Benny afferma di aver agito per legittima difesa e gli altri passeggeri sul treno e non intendeva uccidere Neely. I testimoni hanno detto che Neely non ha minacciato o attaccato fisicamente nessuno prima che Penny lo afferrasse.

Penny è stata interrogata dalla polizia quel giorno, ma non sarebbe stata arrestata fino a 11 giorni dopo l’omicidio.

Le sue azioni sono state difese da emittenti conservatrici e politici repubblicani in tutto il paese, e un fondo di difesa legale per lui ha attirato quasi 3 milioni di dollari in donazioni.

L’omicidio ha acceso un rinnovato dibattito sulle lacune nei sistemi di supporto della città per i newyorkesi senzatetto e malati di mente.

Neely è ben noto ad alcuni che lavorano con i senzatetto newyorkesi e nel corso degli anni è entrato e uscito dai rifugi cittadini. È stato arrestato diverse volte, l’ultima nel 2021 per aver preso a pugni una donna di 67 anni, rompendole le ossa in faccia.

All’inizio di quest’anno, il sindaco di New York, Eric Adams, ha affermato di voler ridurre il numero di senzatetto che cercano riparo nella metropolitana aumentando le pattuglie della polizia, compreso il ricovero forzato dei malati di mente.

Reportage di Jonathan Allen a New York e Kanishka Singh a Washington; Montaggio di Sonali Pal

READ  Disney fa causa a DeSantis, afferma che l'acquisizione del parco è una "ritorsione"

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Kanishka Singh

Thomson Reuters

Kanishka Singh è una corrispondente di Reuters con sede a Washington, DC, che si occupa principalmente di politica e affari nazionali statunitensi nel suo ruolo attuale. La sua passata copertura delle ultime notizie abbraccia argomenti diversi come il movimento Black Lives Matter; elezioni statunitensi; Rivolte del Campidoglio del 2021 e relative indagini successive; accordo sulla Brexit; tensioni commerciali USA-Cina; ritiro della NATO dall’Afghanistan; la pandemia di covid-19; E una sentenza della Corte Suprema del 2019 su un luogo di controversia religiosa nella sua nativa India.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *