Barca di migranti: i parenti cercano i propri cari poiché si temono centinaia di morti


Calamata, Grecia
Cnn

Mentre i parenti si sono riversati nella città portuale greca giovedì, alla ricerca dei loro cari scomparsi dopo che una barca di migranti si è capovolta in mare, uccidendo dozzine di persone, Kasem Abosseit è arrivato a Kalamata per trovare sua moglie e suo cognato.

Il rifugiato di 34 anni è fuggito dalla guerra civile siriana ad Amburgo, in Germania, nel 2016. Ha detto ai giornalisti che la sua compagna di 21 anni Esma e suo fratello di 19 anni Abdullah erano due passeggeri coinvolti in uno dei peggiori disastri di navi migranti dell’Europa meridionale quest’anno.

“Ho provato a convincere mia moglie a venire in Germania, ma è stato molto difficile farlo legalmente. Quindi abbiamo provato attraverso la Libia”, ha detto Abosseit.

“L’ultima volta che abbiamo parlato otto giorni fa, mi ha detto che era pronta a salire sulla barca. Mi ha offerto 5.000 dollari.

Pensò al suo rapporto con sua moglie. “È una storia d’amore”.

Mentre i membri della famiglia si riuniscono al porto nel sud della Grecia, le speranze per i sopravvissuti svaniscono e la portata della tragedia comincia ad affondare.

Almeno 78 persone sono morte quando la nave è affondata mercoledì, con gli attivisti che hanno avvertito che altre centinaia avrebbero potuto essere a bordo, il che significa che il bilancio delle vittime potrebbe aumentare.

Un totale di 104 passeggeri sono stati soccorsi e trasportati in aereo a Kalamata mentre i soccorritori lottavano per contenere la caduta.

I funzionari hanno avvertito che la possibilità di trovare sopravvissuti stava diminuendo poiché la barca è affondata in acque “molto profonde”.

“L’improvviso cambiamento di peso potrebbe aver causato il capovolgimento e l’affondamento della barca”, ha detto giovedì alla Galileus Web Nikos Alexiou, portavoce della Guardia costiera ellenica.

READ  Azioni, dati, notizie e guadagni

“Poiché questo incidente è avvenuto in acque molto profonde, non è chiaro come le operazioni continueranno oltre il livello attuale”.

Secondo il sindaco di Kalamata, Thanasis Vassilopoulos, i soccorritori smetteranno presto di cercare i sopravvissuti. “È difficile vedere la ricerca e il salvataggio andare avanti così a lungo”, ha detto. “Purtroppo oggi non sono stati trovati sopravvissuti. La falda freatica nella zona dell’incidente è molto profonda. È difficile immaginare di trovare sopravvissuti adesso.

Tra i soccorsi – tutti uomini – c’erano 43 egiziani, 47 siriani, 12 pakistani e due palestinesi, ha detto la Guardia costiera ellenica. 8 dei soccorsi sono minorenni.

Un portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha dichiarato che a bordo c’erano 750 passeggeri, tra cui almeno 40 bambini.

“Se questi numeri saranno confermati, questo sarebbe il secondo naufragio più mortale nel Mediterraneo”, ha twittato Flavio Di Giacomo.

Guardia costiera ellenica

Una nave di migranti che è stata filmata dalla Guardia Costiera greca il 13 giugno è affondata mercoledì nel Mar Mediterraneo.

La regione mediterranea vicino alla Grecia è una rotta importante per migranti e rifugiati che cercano di sfuggire ai conflitti politici in Medio Oriente, Asia e Africa.

Il numero di persone prive di documenti che arrivano sulle coste europee è aumentato vertiginosamente quest’anno a causa del conflitto, della disuguaglianza globale e della crisi climatica, che si aggiungono alla crisi dei migranti in tutto il continente.

Più di 36.000 persone sono arrivate nel Mediterraneo tra gennaio e marzo di quest’anno, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo del 2022, secondo i dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

L’emittente di stato ERT ha riferito che la nave capovolta era partita dalla città portuale di Tobruk in Libia. Funzionari greci hanno detto che era diretto in Italia.

READ  insidioso; La porta rossa si spalanca; Indy 5 si avvicina a $ 250 milioni WW, Elemental Sparks - Scadenza

Gli scarsi collegamenti di comunicazione hanno ostacolato gli sforzi iniziali per contattare la barca, che aveva imbarcato acqua da una nave commerciale dopo la prima chiamata di soccorso martedì sera ora locale.

I volontari di Emergency hanno descritto scene frenetiche giovedì mentre cercavano di confortare i sopravvissuti traumatizzati che si rifugiavano in un magazzino improvvisato a Kalamata.

Hippocrates Efstathiou, un assistente sociale dell’organizzazione non governativa greca IASIS, ha affermato che le condizioni mentali delle persone soccorse erano “estreme”.

“Hanno bisogno di molto sostegno. Le persone sono ancora sotto shock. Descrivono i loro sforzi per sopravvivere. Chiedono anche ai parenti. Dai loro resoconti, sembra che a bordo ci fossero donne e bambini”, ha detto alla CNN, aiutando i sopravvissuti a bordo. il terreno.

Dimitris Saliotis, un volontario della Croce Rossa ellenica, ha dichiarato: “Non ho mai visto un’operazione di salvataggio come questa prima. È una tragedia”, secondo una dichiarazione della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC).

Un’altra volontaria del soccorso, Maria Trianto, ha detto che molti dei sopravvissuti erano “in uno stato di ansia” dopo l’incidente.

“Queste persone non hanno mangiato per giorni, non hanno bevuto acqua per giorni, sono state bruciate dal sole”, ha detto un membro della squadra di soccorso greca, affiliata alla CNN Grecia.

Dai un’occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

“C’era disidratazione e alcuni problemi respiratori, ma le cose c’erano”, ha detto Trianto alla CNN [are] Ormai sta diventando normale”.

Quando i sopravvissuti hanno iniziato a riprendersi, la paura e il panico hanno preso il sopravvento, ha aggiunto. “Ora vogliono sapere cosa è successo agli altri, compresi i membri della famiglia”.

READ  Il giorno dopo aver citato in giudizio Binance, la SEC degli Stati Uniti addebita alla piattaforma crittografica Coinbase

La CNN ha visto molti arrivare al porto in cerca di parenti.

Un uomo, che ha detto di essere egiziano e ha rifiutato di parlare con i giornalisti, ha spiegato brevemente che stava cercando un parente. Stava sbirciando nervosamente dietro l’area recintata del magazzino portuale dove i sopravvissuti riposavano temporaneamente.

Saranno trasferiti in una struttura più grande nella grande Atene, hanno detto i funzionari locali.

Le organizzazioni umanitarie hanno affermato che il disastro della barca è stato un’accusa schiacciante contro l’incapacità dei paesi dell’UE di creare “rotte sicure verso la salvezza” per i rifugiati.

Frido Herinckx, Operations Manager dell’IFRC, ha sottolineato che “è straziante e inaccettabile che queste persone che cercavano sicurezza e un futuro migliore siano morte ai confini dell’UE nel 2023”.

Il primo trimestre del 2023 è già “il più mortale mai registrato nella rotta del Mediterraneo centrale e questa tragedia potrebbe essere una delle peggiori mentre la ricerca dei dispersi continua”, ha affermato Herrinx.

“Ogni vita persa a causa della nostra incapacità di fornire percorsi sicuri per la salvezza deve essere sulla nostra coscienza collettiva”.

Il presidente della FICR Francesco Rocca ha descritto il naufragio come “un simbolo del fallimento della comunità internazionale”.

“È scioccante e inaccettabile che le persone muoiano ancora davanti ai confini dell’UE, in cerca di sicurezza”, ha twittato Rocca giovedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *