Svitek vince un altro Open di Francia, battendo Muchova

Iga Swiatek è di nuovo la regina della terra battuta.

La Polonia numero uno al mondo ha vinto sabato il campionato di singolare femminile Open di Francia, battendo Karolina Muchova della Repubblica Ceca.

Muchova, il cui gioco fluido e atletico è stato per anni uno dei segreti meglio custoditi del gioco, ha lottato con gli errori all’inizio ma ha trovato la sua forma e ha regalato alla Svidek l’ultima partita della sua carriera. L’ha resa la migliore giocatrice del mondo – e anche di più – per più di un anno.

Sviatek ha sconfitto la Muchova in tre set 6-2, 5-7, 6-4.

Svitek è imbattuto al Roland Garros dal 2020. Con la vittoria di sabato, ha conquistato il suo terzo titolo di singolare agli Open di Francia in quattro anni. Dal 2019, il suo record nel torneo è di 29-2, che potrebbe non competere con il record di 112-3 di Rafael Nadal, ma gli dà tempo. Swiatek ha compiuto 22 anni la scorsa settimana e ha lasciato intendere che potrebbe rallentare.

A parte le occasionali battaglie con la sua anima, migliora ogni anno, soprattutto agli Open di Francia, che ama più di qualsiasi altro torneo.

Per Muchova, la finale è stata una notevole rimonta dopo una distorsione alla caviglia nel terzo turno di singolare del Roland Garros un anno fa. L’infortunio è l’ultimo di una serie di disturbi che le hanno impedito a lungo di realizzare il potenziale che gli allenatori, i giocatori e gli esperti di questo sport hanno visto in lei nel corso degli anni.

Quella sconfitta l’ha eliminata dalla top 200 e l’ha costretta a giocare tornei minori per riconquistare la sua posizione. È entrata nel torneo al 43 ° posto nel mondo, anche se pochi credevano che ci fossero 42 donne migliori nel tennis di Muchova.

READ  Esper afferma che a Trump non dovrebbero essere affidati i segreti nazionali se le accuse si dimostrassero vere

Ma giocare una finale del Grande Slam per la prima volta è una sfida per qualsiasi giocatore, specialmente contro i migliori giocatori del mondo. Switek ha gareggiato nei suoi primi cinque tornei. Ha vinto quattro dei suoi primi sei set senza perdere una sola partita. Dopo di che ha perso le sue due partite successive per soli 7 run.

La brasiliana Beatriz Haddad Maia ha messo Svidek brevemente a disagio in semifinale, spingendola in campo e nel tie-break del secondo set, ma è arrivata in finale con tutte le ragioni per credere che avrebbe alzato il trofeo alla fine della giornata.

Questa convinzione è stata rafforzata nei primi minuti della partita, poiché la fluidità e la combinazione di potenza e finezza che Muchova gioca nei suoi giorni migliori non si vedeva da nessuna parte. Ha spruzzato palle larghe e lunghe, ha colpito colpi facili nel mezzo della rete e ha dato a Svidek molti punti gratuiti.

Non esiste un orologio che controlli la durata di una partita di tennis, ma gran parte del gioco riguarda il tempismo, ovvero trovare un modo per far sentire l’avversario affrettato, in modo che non abbia alcuna possibilità di prendere la palla, quando lo trova. Come concedersi tutto il tempo del mondo. La firma di Svitek era a più di un anno di distanza, ed è esattamente quello che ha fatto per Muchova sabato.

Due anni fa era uno dei giocatori più creativi al mondo. Il suo gioco prevedeva rovesci e dritti tozzi con sei diversi giri. C’era un talento artistico in tutto, ma non ci riusciva quasi mai.

Ora Swiatek non sta creando tutti i punti che ha in mano, puntando alla vittoria alla prima occasione con il suo grande dritto rotolante. Il punto astratto è che deve pensare di meno e può portare il suo cervello, la parte traballante del suo gioco, fuori dall’equazione.

READ  Il direttore dell'istruzione dell'Alabama rimuove il libro di formazione "Wake".

Non partecipa mai a una competizione. Cerca di dominare fin dall’inizio. Quando un punto è finito, si affretta a iniziare il successivo, arrancando tra set e partite come se avesse appena preso i biglietti per un concerto di Taylor Swift, correndo per prendere un treno.

Affinché Muchova abbia una possibilità, dovrà controllare il tempo allungando i punti e trovare abbastanza tempo per sentirsi a proprio agio sul palcoscenico più importante della sua carriera.

Sviatek è passato in vantaggio sette minuti dopo dopo aver strappato per la prima volta il servizio a Muchova. Dopo un’ora era in vantaggio per 6-2, 3-0 mentre la Muchova faticava a trovare l’equilibrio.

E poi l’ha fatto. Colpo dopo colpo, punto dopo punto, partita dopo partita, l’ha fatto. I tratti sono diventati più fluidi e precisi, i punti si sono espansi e lei scivolava attraverso le scene con tanta grazia in alcuni momenti come se stesse ballando. Le sue raffiche vacillarono.

Swiatek ha vacillato e quando la partita è passata a due ore, è stata pareggiata a un set a testa. Due minuti dopo, la Muchova ha rotto il servizio di Svitek per la terza volta, portandosi in vantaggio di giornata.

Sia la Muchova che la Svitek non giocano una partita competitiva dal 2019, prima che entrambe si affermassero ai massimi livelli. Ma da allora si sono esercitati diverse volte e Sviatek è entusiasta delle capacità di Muchova.

“Bel tocco”, ha detto Switek del suo rivale. “Può anche velocizzare il gioco. Gioca con quel tipo di libertà nei suoi movimenti. Ha una grande tecnica.

È stato tutto sabato in una delle più grandi finali del Grande Slam della storia recente, su uno dei più grandi palcoscenici di questo sport. Svidek ha vacillato quando Muchova ha ritrovato la sua forma, poi ha reagito due volte durante le pause nel set decisivo per trovare le risposte e i tiri di cui aveva bisogno.

READ  La donna australiana scomparsa sopravvive a 5 giorni di alcol e caramelle nella boscaglia: NPR

Sviatek non ha mai perso una finale del Grande Slam e ha vinto tutte quelle partite in due set. Una delle poche domande persistenti è come risponderà quando verrà gettata nel mirino di un terzo set con tutto in gioco.

All’inizio non andava bene. Ha commesso un doppio fallo per dare a Muchova un’altra pausa di servizio per iniziare il set finale, ed è finita quando Muchova ha preso un vantaggio di 2-0.

La commentatrice di tennis di lunga data Mary Carrillo ama dividere i giocatori in due gruppi: quelli con le zanne e quelli senza, quelli che vogliono avere la possibilità di combattere e combattere sulla palla finale piuttosto che vincere dal diritto. Chi lo chiude.

La Muchova ha mostrato i denti in semifinale e nella rimonta di sabato. Ora tocca a Switek. Ha vinto 12 dei successivi 14 punti, trasformando il terzo set in un ottovolante, solo per vedere Muchova mordere ancora una volta.

Ha caricato in avanti dietro le palle profonde sulla corsa di Svidek e ha concluso i punti con touch o esplosione o colpi di incollaggio, mantenendo il proprio servizio e rompendo Svidek per un vantaggio di 4-3. Sono passati sette minuti prima che un tiro di rimbalzo inopportuno finisse in fondo alla rete e Svidek ancora una volta.

Affinché Muchova rimanga in partita, Svidek ha puntato il suo ritorno ai piedi di Muchova, inchiodando i suoi bersagli e mettendo Muchova alle calcagna e in una buca veloce. Muchova colpisce un dritto largo, doppio match point. Con i doppi falli di Muchova, Svitek ha mantenuto la sua corona come Regina di Clay per un altro anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *