UBS completa l’acquisizione di Credit Suisse per diventare un colosso della gestione patrimoniale

  • UBS ha acquisito il suo Credit Suisse
  • Annunciati nuovi cambi di gestione
  • Il CFO e il Consiglio generale del Credit Suisse si dimettono

ZURIGO, 12 giugno (Reuters) – UBS (UBSGS.) ha dichiarato lunedì di aver completato un’acquisizione di emergenza del travagliato rivale locale Credit Suisse (CSGNS), creando una gigantesca banca svizzera con un bilancio di 1,6 trilioni di dollari e più muscoli. Nella gestione patrimoniale.

Annunciando il più grande accordo bancario dalla crisi finanziaria globale del 2008, l’amministratore delegato di UBS Sergio Ermotti e il presidente Colm Kelleher hanno affermato che creerebbe sfide ma “molte opportunità” per clienti, dipendenti, azionisti e per la Svizzera.

Il gruppo sovrintende a 5 trilioni di dollari di attività, conferendo a UBS una posizione di leadership in mercati chiave che altrimenti richiederebbero anni per crescere e raggiungere. La fusione pone fine anche ai 167 anni di storia del Credit Suisse, segnati da scandali e perdite negli ultimi anni.

Credit Suisse, che ha raggiunto il picco di 82 franchi svizzeri ($ 90,14) nel 2007 ed è stato afflitto da scandali e pesanti perdite, lunedì ha chiuso a meno di un franco.

Le azioni Credit Suisse hanno chiuso in rialzo di circa l’1% nell’ultimo giorno di negoziazione, mentre UBS è salita fino allo 0,8%.

Le due banche impiegano collettivamente 120.000 dipendenti in tutto il mondo, sebbene UBS abbia già affermato che taglierà i posti di lavoro per ridurre i costi e sfruttare le sinergie.

UBS ha annunciato diversi cambi di gestione, tra cui Credit Suisse AG, che ora è una filiale gestita separatamente.

Una portavoce di UBS ha dichiarato che un quinto degli oltre 160 leader confermati o nominati oggi da UBS proviene dal Credit Suisse.

READ  Quinn Evers ha nominato il Texas titolare di QB dopo la partita primaverile davanti ad Arch Manning

Andre Helfenstein, Head of Domestic Business di Credit Suisse, continuerà a ricoprire il suo ruolo. UBS ha affermato che sta valutando tutte le opzioni strategiche per l’unità.

Corsa di chiusura

UBS ha accettato di acquistare l’istituto di credito il 19 marzo per 3 miliardi di franchi svizzeri (3,32 miliardi di dollari) più un risarcimento fino a cinque miliardi di franchi. 2 oltre la riva.

Venerdì, UBS ha finalizzato un accordo sui termini di una svalutazione pubblica di 9 miliardi di franchi svizzeri ($ 10 miliardi) del Credit Suisse per le perdite derivanti dalla chiusura di parti della sua attività.

Nella corsa per fornire maggiori certezze ai clienti e ai dipendenti del Credit Suisse e per evitare le partenze, UBS ha concluso l’acquisizione in tre mesi, un calendario serrato date le dimensioni e la complessità.

I miti vengono sfatati

Tuttavia, l’accordo, in cui il governo ha incassato il salvataggio, ha smascherato due miti: vale a dire che la Svizzera è completamente prevedibile e che i problemi delle banche non ricadranno sui contribuenti.

Gli edifici delle banche svizzere UBS e Credit Suisse in Paradeplatz a Zurigo, in Svizzera, il 20 marzo 2023. REUTERS/Denis Balibouse/File foto

“Questo è un fallimento colossale e dovrebbe essere la fine di un piano di salvataggio guidato dal governo”, ha affermato Jean Termain, professore di banche e finanza all’INSEAD. servito

La ripresa mostra che anche le più grandi banche globali sono vulnerabili al panico bancario, ha affermato Arturo Bris, professore di finanza e direttore dell’IMD Center for Global Competitiveness.

Inoltre, la scomparsa della banca d’investimento del Credit Suisse, che UBS ha affermato di voler ridurre in modo significativo, segna un altro ritiro dal commercio di obbligazioni da parte di un prestatore europeo.

Dopo la crisi finanziaria globale, molte banche hanno ridimensionato le loro ambizioni globali in risposta a normative più severe.

READ  Dichiarazione del presidente Joe Biden sulla sentenza della Corte Suprema sullo sgravio dei prestiti agli studenti

L’autorità di regolamentazione svizzera, la FINMA, che è stata criticata per la sua gestione del crollo della seconda banca più grande del paese, ha affermato che uno degli obiettivi più importanti della nuova banca fusa era quello di ridurre rapidamente i rischi dell’ex banca d’affari Credit Suisse.

UBS è destinata a registrare un enorme profitto nei risultati del secondo trimestre dopo aver acquistato Credit Suisse per una frazione del suo cosiddetto valore equo.

Tuttavia, Ermotti ha avvertito che i prossimi mesi saranno “stabili” poiché UBS assorbirà Credit Suisse, un processo che secondo UBS richiederà dai tre ai cinque anni.

Fornendo la prima istantanea delle finanze del nuovo gruppo il mese scorso, UBS ha sottolineato l’elevata posta in gioco indicando decine di miliardi di dollari di potenziali costi – e benefici – ma l’incertezza che circonda quei numeri.

La prossima sfida

La prima sfida di Ermotti, riportata alla fusione, sarà una decisione politicamente complessa sul futuro del “gioiello della corona” del Credit Suisse: l’attività nazionale della banca.

Portarlo all’interno di UBS e unire le reti in gran parte sovrapposte delle due banche potrebbe creare risparmi significativi ed Ermotti lo ha indicato come uno scenario fondamentale.

Ma deve soppesare questo rispetto alle pressioni dell’opinione pubblica per proteggere l’attività interna del Credit Suisse con il proprio marchio, la propria identità e, soprattutto, i propri dipendenti.

Gli analisti affermano che la nuova banca sarà molto più grande – con un bilancio due volte più grande dell’economia svizzera – il che significa che UBS dovrà procedere con cautela per evitare di essere esposta alle normative più severe e ai requisiti patrimoniali richiesti dalla sua nuova scala. .

READ  Guerra nello Yemen: i colloqui sauditi-houthi fanno sperare in un cessate il fuoco

Avvertono che l’incertezza che un’acquisizione di tale portata porterà inevitabilmente significa che UBS potrebbe avere difficoltà a mantenere dipendenti e clienti, e se l’accordo fornirà valore per gli azionisti a lungo termine rimane una questione aperta.

($ 1 = 0,9030 franchi svizzeri)

($ 1 = 0,9097 franchi svizzeri)

Relazione di Noel Illion; Segnalazione aggiuntiva di John O’Donnell e John Revill Montaggio di Miranda Murray, Tomasz Janowski, Edwina Gibbs e Sharon Singleton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *