Un anno di straordinarie rivelazioni cosmiche dal telescopio James Webb

Un’immagine del primo anno dal telescopio spaziale James Webb della NASA mostra la nascita di una stella con una struttura dettagliata e impressionistica mai vista prima. L’oggetto è il Rho Ophiuchi Cloud Complex, la regione di formazione stellare più vicina alla Terra. È un vivaio di stelle relativamente piccolo e tranquillo, ma non lo sapresti dall’inquietante primo piano di Webb. Getti esplosivi di giovani stelle attraversano l’immagine, impattando sul gas interstellare circostante ed emettendo idrogeno molecolare, mostrato in rosso. Alcune stelle mostrano l’ombra rivelatrice di un disco circumstellare, la formazione dei futuri sistemi planetari.
Le giovani stelle al centro di molti di questi dischi hanno le dimensioni del Sole o meno. La più grande in questa immagine è la stella S1, che appare al centro di una caverna luminosa scavata dal suo vento stellare nella metà inferiore dell’immagine. Il gas di colore chiaro che circonda S1 contiene idrocarburi policiclici aromatici, una famiglia di molecole a base di carbonio tra i composti più comuni trovati nello spazio.
Crediti: NASA, ESA, CSA, STSCI, Klaus Pontoppitan (STSCI), Alyssa Bacon (STSCI)

Il telescopio spaziale James Webb della NASA continua a sorprendere con un’immagine ricca di azione che smentisce una regione di formazione stellare relativamente tranquilla.

James Webb Space Telescope caps a successful first year of science, and stunning imagery, with a detailed view of the closest star-forming region to Earth, the Rho Ophiuchi cloud complex, resulting in a dynamic image that belies the region’s relative quiet – and practically begs for explanation of what exactly we are looking at. While dual jets have been seen blasting out of new stars before, the texture that Webb’s NIRCam instrument reveals in the multiple jets crisscrossing the image is unprecedented. In striking contrast, the lower half of the image is dominated by a glowing cave of dust being lit up and eroded by the most massive star in the scene. Its stellar neighbors are the mass of our Sun or smaller, with some displaying the telltale shadows of protoplanetary disks—meaning we are looking at planetary systems potentially similar to our own in their earliest stages.

Rho Ophiuchi (Webb NIRCam Compass Image)

Image of star formation in the Rho Ophiuchi cloud complex, with compass arrows, scale bar, and color key for reference.
The north and east compass arrows show the orientation of the image on the sky. Note that the relationship between north and east on the sky (as seen from below) is flipped relative to direction arrows on a map of the ground (as seen from above).
The color key shows which filters from Webb’s NIRCam (Near-Infrared Camera) instrument were used when collecting the light. The color of each filter name is the visible light color used to represent the infrared light that passes through that filter.
Credit: NASA, ESA, CSA, STScI, Klaus Pontoppidan (STScI), Alyssa Pagan (STScI)

Webb Space Telescope Celebrates First Year of Science With Close-up on Birth of Sun-like Stars

From our cosmic backyard in the solar system to distant galaxies near the dawn of time, NASA’s James Webb Space Telescope has delivered on its promise of revealing the universe like never before in its first year of science operations. To celebrate the completion of a successful first year, NASA has released Webb’s image of a small star-forming region in the Rho Ophiuchi cloud complex.

“In just one year, the James Webb Space Telescope has transformed humanity’s view of the cosmos, peering into dust clouds and seeing light from faraway corners of the universe for the very first time. Every new image is a new discovery, empowering scientists around the globe to ask and answer questions they once could never dream of,” said NASA Administrator Bill Nelson. “Webb is an investment in American innovation but also a scientific feat made possible with NASA’s international partners that share a can-do spirit to push the boundaries of what is known to be possible. Thousands of engineers, scientists, and leaders poured their life’s passion into this mission, and their efforts will continue to improve our understanding of the origins of the universe – and our place in it.”

The new Webb image released on July 12 features the nearest star-forming region to us. Its proximity at 390 light-years allows for a highly detailed close-up, with no foreground stars in the intervening space.

“On its first anniversary, the James Webb Space Telescope has already delivered upon its promise to unfold the universe, gifting humanity with a breathtaking treasure trove of images and science that will last for decades,” said Nicola Fox, associate administrator of NASA’s Science Mission Directorate in Washington. “An engineering marvel built by the world’s leading scientists and engineers, Webb has given us a more intricate understanding of galaxies, stars, and the atmospheres of planets outside of our solar system than ever before, laying the groundwork for NASA to lead the world in a new era of scientific discovery and the search for habitable worlds.”

Webb’s image shows a region containing approximately 50 young stars, all of them similar in mass to the Sun, or smaller. The darkest areas are the densest, where thick dust cocoons still-forming protostars. Huge bipolar jets of molecular hydrogen, represented in red, dominate the image, appearing horizontally across the upper third and vertically on the right. These occur when a star first bursts through its natal envelope of cosmic dust, shooting out a pair of opposing jets into space like a newborn first stretching her arms out into the world. In contrast, the star S1 has carved out a glowing cave of dust in the lower half of the image. It is the only star in the image that is significantly more massive than the Sun.


Questo video mostra una parte del complesso di nubi Rho Ophiuchi, la regione di formazione stellare più vicina alla Terra. Il film è stato girato per celebrare il primo anniversario dell’inizio delle operazioni scientifiche per il James Webb Space Telescope della NASA. Getti esplosivi di giovani stelle attraversano l’immagine, impattando sul gas interstellare circostante ed emettendo idrogeno molecolare, mostrato in rosso. Alcune stelle mostrano l’ombra rivelatrice di un disco circumstellare, la formazione dei futuri sistemi planetari. Un tempo il nostro intero sistema solare, comprendente l’intera storia della vita così come la conosciamo, sarebbe apparso da lontano. Sotto, una caverna di polvere luminosa domina l’immagine. È scolpito dalla stella S1 al centro del cratere, l’unica stella nell’immagine significativamente più grande del nostro Sole. Crediti: NASA, ESA, CSA, Greg Bacon (STScI)

“L’immagine di Ro Obiucci di Webb ci permette di vedere un periodo molto breve nel ciclo di vita stellare con nuova chiarezza. Il nostro Sole ha vissuto una fase del genere molto tempo fa, e ora abbiamo la tecnologia per vedere l’inizio della storia di un’altra stella”, ha detto Webb, che ha lavorato come project scientist presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, ha detto Klaus Pontoppidan, prima del lancio del telescopio e durante il primo anno di attività.

Il film mostra la storia raccontata da alcune delle star Le sfumature indicano Dischi protoplanetari – futuri sistemi planetari in divenire. Scopri di più nel tour video fotografico (incorporato sopra) o esplora tu stesso Immagine zoomabile.

Un anno intero, attraverso tutto il cielo

Dal suo primo filmato in campo profondo del presidente Joe Biden, del vicepresidente Kamala Harris e Nelson che vivono alla Casa Bianca, il Web ha promesso di mostrarci l’universo come mai prima d’ora. Tuttavia, Webb ha rivelato molto più che galassie distanti nell’universo primordiale.

“Quando abbiamo un intero anno di dati da obiettivi nel cielo, l’ampiezza della rete scientifica sta diventando chiara”, ha affermato Eric Smith, direttore associato per la ricerca nella divisione di astrofisica presso la sede della NASA. . “Il primo anno di scienze di Webb non solo ci ha insegnato cose nuove sul nostro universo, ma ha rivelato le capacità del telescopio ben oltre le nostre aspettative, il che significa che le scoperte future saranno ancora più sorprendenti”. La comunità astronomica globale ha trascorso l’ultimo anno guardando con entusiasmo i dati pubblici iniziali di Webb e cercando di capire come comportarsi con essi.


Raggiungi il complesso di nubi Rho Ophiuchi. Il viaggio inizia con un’immagine da terra dell’astrofotografo Akira Fujii, quindi passa a una lastra da un’indagine digitale del cielo. Successivamente appare un’immagine a due colori dal telescopio spaziale Spitzer della NASA a infrarossi, ora in pensione, e quindi il video passa a un’immagine della regione di formazione stellare dal telescopio spaziale James Webb. La regione di formazione stellare catturata nell’immagine di Webb è piccola e non particolarmente attiva rispetto ad altre ben note regioni di formazione stellare. La stretta vicinanza della regione alla Terra (390 anni luce) consente di catturare la rete in modo così dettagliato da enfatizzare la struttura dei getti che eruttano dalle giovani stelle di massa solare e la polverosa “caverna” di idrocarburi policiclici aromatici luminosi. Crediti: NASA, ESA, CSA, Alyssa Pagan (STScI)

Al di là delle straordinarie immagini a infrarossi, ciò che entusiasma davvero gli scienziati è lo spettro nitido del Web: le informazioni dettagliate che possono essere raccolte dalla luce dagli strumenti spettroscopici del telescopio. Gli spettri di Webb hanno confermato le distanze di alcune galassie distanti precedentemente non osservate e hanno scoperto i primi e più distanti buchi neri supermassicci. Hanno identificato le composizioni delle atmosfere planetarie (o la loro mancanza) in modo più dettagliato che mai e per la prima volta hanno ristretto il tipo di atmosfere che potrebbero esistere sugli esopianeti rocciosi. Hanno anche rivelato la composizione chimica dei vivai stellari e dei dischi protoplanetari, il rilevamento di acqua, molecole contenenti carbonio organico e altro ancora. Le osservazioni di Webb hanno già portato a centinaia di articoli scientifici che rispondono a domande di vecchia data e ne sollevano di nuove da affrontare con Webb.

L’ampiezza della scienza del Web è evidente anche nelle sue osservazioni della regione dello spazio a noi più familiare: il nostro sistema solare. Deboli anelli di giganti gassosi emergono dall’oscurità, punteggiati di lune, e Webb mostra galassie lontane sullo sfondo. Confrontando i rilevamenti di acqua e altre molecole nel nostro sistema solare con i dischi di altri sistemi planetari molto più giovani, Webb sta contribuendo a generare indizi sulle nostre stesse origini: come sappiamo come la Terra è diventata abitabile. .

“Con un anno di scienza alle spalle, sappiamo quanto sia potente questo telescopio e abbiamo fornito un anno di dati e scoperte affascinanti”, ha affermato Jane Rigby, senior project scientist di Webb presso il Goddard Space Flight Center. Osservazioni per il secondo anno Questo si basa su tutto ciò che abbiamo imparato finora. Il lavoro scientifico di Webb è solo all’inizio: c’è ancora molto da fare.

Il James Webb Space Telescope è il principale laboratorio di scienze spaziali del mondo. Webb risolve i misteri del nostro sistema solare, guarda oltre i mondi lontani attorno ad altre stelle ed esplora le misteriose strutture e origini del nostro universo e il nostro posto in esso. WEB è un progetto internazionale guidato dai partner della NASA, l’ESA.[{” attribute=””>European Space Agency) and the Canadian Space Agency.

READ  Guerra nello Yemen: i colloqui sauditi-houthi fanno sperare in un cessate il fuoco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *