Le società di criptovalute hanno battuto la SEC

“Ciò che Ripple ha fatto è stato segnare la fine di una fase nelle criptovalute [of] Questa idea che la SEC possa risolvere le difficili questioni delle criptovalute”, ha dichiarato Justin Slaughter, un ex funzionario della SEC e della CFTC che ora è direttore della politica presso Paradigm, un importante investitore di criptovalute. “Per noi che l’abbiamo letta con attenzione, le crepe in questo approccio sono state evidenti fin dall’inizio. È una casa costruita su fondamenta povere, ma, ora, è chiaro a tutti.

Nell’ultimo anno, la SEC ha represso pesantemente le criptovalute, suscitando timori tra i Democratici al Congresso che alcune delle più grandi società di asset digitali del mondo, come Binance, Coinbase e Kraken, siano coinvolte in frodi e cattiva gestione e non proteggano i consumatori. . Gensler e l’agenzia affermano che la maggior parte delle migliaia di token in circolazione sono titoli non registrati che devono essere regolamentati come azioni e obbligazioni e sono supportati da documenti quasi perfetti nei tribunali, fino ad ora.

La decisione di Torres apre la strada a una nuova lotta per il potere tra SEC e crypto.

Un giudice del tribunale della SEC, il distretto meridionale di New York, ha scoperto che Ripple ha violato le leggi sui titoli non registrando il token XRP in una vendita da 728 milioni di dollari a investitori istituzionali. Tuttavia, in quella che è vista come la più grande perdita finora subita dalla più ampia campagna di applicazione delle criptovalute di Washington, Torres ha anche affermato che in altri casi, quando gli investitori acquistano XRP su uno scambio di criptovalute, il token non è coperto dalle leggi sui titoli.

READ  I residenti di San Diego guardano stupiti mentre il razzo SpaceX fa oscillare il cielo della SoCal - NBC 7 San Diego

“La SEC ha subito una grave perdita qui”, ha detto in un’intervista Stu Alterotti, chief legal officer di Ripple. “Le loro strategie di applicazione delle normative che hanno paralizzato l’economia delle criptovalute negli Stati Uniti sono minate da questa decisione”.

Coinbase, il più grande scambio di criptovalute d’America, afferma che la decisione è un ulteriore pilastro nella sua difesa contro le accuse della SEC secondo cui la società deve rispettare le stesse regole che governano la Borsa di New York e il Nasdaq. L’anonimato è stato concesso per discutere di conversazioni interne.

Dopo la sentenza, un portavoce della SEC ha detto che l’agenzia stava rivedendo la decisione e che era “soddisfatta” di parti del caso. Ciò include la decisione di Torres di confermare che l’attuale test per determinare se un asset è un contratto di investimento e quindi si applica ancora alle criptovalute sotto la supervisione della SEC. Gensler e la SEC hanno a lungo sostenuto che gli investitori hanno bisogno della piena protezione delle leggi sui titoli o devono affrontare uno svantaggio significativo.

“C’è un sacco di rischio che ogni singolo investitore corre quando guarda a questi mercati”, ha detto Gensler in una chiamata con i giornalisti mercoledì.

La SEC respinge da tempo gli attacchi alla sua autorità sulle criptovalute. Al Congresso, legislatori come House Financial Services Chair Patrick Mc Henry (RN.C.) e il presidente dell’agricoltura GT Thompson (R-Penn.), hanno introdotto una legislazione che imporrebbe nuove restrizioni alla capacità della SEC di monitorare l’intero mercato. La Sens. Cynthia Lummia (R-Wyo.) e Kirsten Gillibrand (DN.Y.) mercoledì hanno rilasciato una legislazione aggiornata che richiede agli exchange di criptovalute di registrarsi presso la CFTC.

READ  Yellen fa il primo viaggio in Cina, cerca legami più forti mentre le catene di approvvigionamento si allontanano

Alcuni sostenitori dei titoli si sono affrettati a criticare l’opinione di 34 pagine di Torres. Tyler Gellasch, un ex funzionario della SEC, ha avvertito giovedì che la sentenza potrebbe inavvertitamente ripercuotersi su altri angoli della finanza, come le azioni da banco.

Altri hanno affermato che la decisione di dividere Torres significherebbe che le società di venture capital, gli hedge fund e altri investitori sofisticati sono protetti dalle leggi sui titoli, mentre gli investitori comuni che commerciano in criptovalute non lo sono.

Ann Lipton, professore di diritto alla Tulane University, ha dichiarato: “È irrilevante in apparenza. “Qualsiasi avvocato potrebbe guardarlo e dire che non ha senso. Non mi colpisce così tanto per il mondo”.

Alla fine, la SEC può presentare ricorso contro la decisione, ha affermato Lipton. Ha aggiunto che sebbene alcune delle accuse della SEC contro i dirigenti di Ripple siano ora destinate a essere processate alla fine del 2020, l’agenzia e Ripple potrebbero presentare domanda per farlo presto.

L’appello, ogni volta che arriva, potrebbe essere fondamentale per la campagna di applicazione della SEC in criptovaluta. Tuttavia, nel frattempo, la società non è del tutto in chiaro. Si prevede che un gruppo di giudici d’appello federali degli Stati Uniti si pronuncerà presto su una causa intentata da Grayscale Investments contro la SEC, contestando la decisione dell’agenzia di rifiutare la sua offerta per il lancio di un fondo negoziato in borsa per il monitoraggio dei bitcoin.

“La posizione della SEC in questo momento è debole”, ha detto Slaughter. “Un’altra decisione sbagliata può avere un effetto a catena”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *